LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Caso Zarate-Lazio, indagine della procura Figc: rinviato il servizio de 'Le Iene' Caso Zarate-Lazio, indagine della procura Figc: rinviato il servizio de 'Le Iene' -> La federcalcio apre un'inchiesta sull'attaccante argentino e su Lotito per presunte irregolarità (...) ---  
Lazio, il dottor Pulcini: “Strakosha con il Covid? Falso. Altrimenti mi dimetto” Lazio, il dottor Pulcini: “Strakosha con il Covid? Falso. Altrimenti mi dimetto” -> Il responsabile sanitario biancoceleste ha fatto chiarezza sulle condizioni del portiere (...) ---  
Lulic: "26 maggio indimenticabile. Orgoglioso di essere il capitano della Lazio" Lulic: "26 maggio indimenticabile. Orgoglioso di essere il capitano della Lazio" -> Senad Lulic, capitano biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di (...) ---  
Cana: "Il 26 maggio di ogni anno ricevo tanto affetto dai tifosi della Lazio" Cana: "Il 26 maggio di ogni anno ricevo tanto affetto dai tifosi della Lazio" -> Lorik Cana, ex difensore biancoceleste,è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di (...) ---  
Onazi: "La Coppa Italia del 2013 è indimenticabile, volevamo vincere a tutti i costi" Onazi: "La Coppa Italia del 2013 è indimenticabile, volevamo vincere a tutti i costi" -> Eddy Onazi, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
Lazio, Petkovic: “Solo oggi capisco il valore del 26 maggio 2013” Lazio, Petkovic: “Solo oggi capisco il valore del 26 maggio 2013” -> Il tecnico svizzero ha ricordato la vittoria in finale di Coppa Italia contro la Roma: “Speravo (...) ---  
Questa sera la finale di TIM Cup Roma-Lazio in diretta su Facebook Questa sera la finale di TIM Cup Roma-Lazio in diretta su Facebook -> Settimo anniversario. Una giornata memorabile ed indelebile che ha scritto la storia calcistica (...) ---  
Sara Varone: “Da sempre tifo Lazio. Lulic il mio calciatore preferito” Sara Varone: “Da sempre tifo Lazio. Lulic il mio calciatore preferito” -> La showgirl e conduttrice romana confessa la sua passione: “Laziale come il mio papà. Nel mondo (...) ---  
Biava: "Il 26 maggio resta un ricordo indimenticabile" Biava: "Il 26 maggio resta un ricordo indimenticabile" -> Giuseppe Biava, ex difensore biancoceleste è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 (...) ---  
De Martino: "Felici di celebrare la vittoria in Coppa Italia, amareggiati dagli attacchi esterni immotivati" De Martino: "Felici di celebrare la vittoria in Coppa Italia, amareggiati dagli attacchi esterni immotivati" -> Stefano De Martino, direttore della comunicazione della S.S. Lazio, è intervenuto ai microfoni di (...) ---  
Laziomania: Spadafora-Lotito, a noi la qualità c'ha rotto... Laziomania: Spadafora-Lotito, a noi la qualità c'ha rotto... -> Eppure avrei voluto scrivere del 26 maggio, di questa giornata divisiva, di quel gol di Lulic. Ma (...) ---  
Floccari: "Grazie al 26 maggio, siamo entrati nella storia della Lazio" Floccari: "Grazie al 26 maggio, siamo entrati nella storia della Lazio" -> Sergio Floccari, ex attaccante biancoceleste ed attuale calciatore della SPAL, è intervenuto in (...) ---  
La Lazio ricorda il 26 maggio 2013: “È il giorno dei giorni” La Lazio ricorda il 26 maggio 2013: “È il giorno dei giorni” -> Il club biancoceleste, con un video, ha celebrato a distanza di 7 anni la vittoria della Coppa (...) ---  
Lazio, 7 anni fa l'apoteosi Coppa Italia: il 26 maggio eterno anche per quellilà Lazio, 7 anni fa l'apoteosi Coppa Italia: il 26 maggio eterno anche per quellilà -> Il sole sorge, la soffocante routine della vita quotidiana abbozza il suo sordo rullo di (...)

Visto da me: Napoli-Lazio 1-0 (CI)

Sottoscritto da: Er Matador Data: Venerdì 24 Gennaio 2020, 01:19:05 Visualizazioni: 207
Sommario: di Er Matador




C’è un precedente per la stramaledetta serata del San Paolo: un Parma-Juventus 1-0 del 1996/’97, terzultima d’andata.
Partita chiaramente “preparata” a livello ambientale dai padroni di casa, come riassunto dall’infelicissima battuta a fine gara dell’allora parmense Buffon (“bravi noi, asini loro”).
Gol (di Chiesa) in apertura su papera del portiere (Peruzzi).
Gara accesissima dal punto di vista agonistico, con arbitro compiacente ed espulsioni da ambo le parti (in quel caso si finì 9 contro 9).
Ospiti che concludono giocando a una porta sola, ma invano.
In concreto, una gara decisa irrimediabilmente nella prima fase, quella meno tecnica.

Il copione si è ripetuto al San Paolo, rendendo nuovamente attuale quanto osservato dopo la scandalosa Lazio-Inter 1-2 - quella del gol e della contestata esultanza di Hernanes: dov’è finito, a proposito? - anche allora con Massa nei panni di killer.
Vale a dire che la Lazio è cresciuta sul piano del carattere e della tenuta atletica, come dimostrano i tre punti più volte strappati nel finale, ma è cresciuta solo quando si gioca a calcio.
Nel momento in cui l’avversario mette in campo altre armi, dal mestiere a qualcosa di peggio, il gruppo di Pioli, di Inzaghi, di chiunque annega in un candore da Prima Comunione.
Si veda la reazione di Leiva: Massa lo punta con spietato cinismo selettivo, calcolando la sua importanza nel gioco biancoceleste e le caratteristiche che lo espongono come pochi alla doppia ammonizione.
Ma la sua plateale opposizione a un giallo criminoso, per un intervento sul pallone, rimane indifendibile: e se un fuoriclasse di testa ed esperienza come lui non regge quelle pressioni, cosa aspettarsi dagli altri?

Tentando di parlare di calcio, è difficile recensire un primo tempo nel quale la Lazio ha accusato troppo marcatamente il colpo del gol e del clima artificialmente esasperato.
Rimane a referto l’incapacità di sfruttare la sia pur brevissima superiorità numerica, al punto da lasciare la sensazione che, col ritorno ad armi pari sul piano degli effettivi in campo, la squadra si sia trovata maggiormente a proprio agio.
Notevole quanto sterile il possesso palla, con Luis Alberto sostituito sul piano del gioco ma non su quello delle giocate.
Il secondo tempo, con una fisionomia del match più definita, può essere suddiviso in due fasi.

Finché si è giocato con un minimo di ordine, Gattuso l’ha stravinta alla sua maniera con accorgimenti pragmatici da veteroitalianista alla Bortolo Mutti: spazi chiusi a doppia mandata, supremazia netta sulle palle alte, uso intelligente del fuorigioco, giocatori (Elmas) scelti per quel che avevano da dare senza badare al ruolo o a simili dettagli tattici.
È sembrato di assistere nuovamente a Barcellona-Chelsea: il pullman parcheggiato da Di Matteo nella sua area, il gioco bello quanto stolido degli offendenti che andava immancabilmente a sbattere contro un muro evidenziando un’assenza di alternative.
Che si tratti di un centravanti di peso assente nell’organico o del disponibilissimo Milinković-Savić, è mancato chiaramente qualcosa nel gioco aereo e in generale nelle soluzioni di sfondamento: un peccato, considerando anche la quantità di cross riversati nel cuore dei sedici metri partenopei.

Quando sono saltati tutti gli schemi, la Lazio ha ripreso quota e pericolosità mancando il pari per questioni di centimetri, intesi sia come fuorigioco sia come palloni finiti sui legni: un’indicazione abbastanza chiara su ciò che la squadra sa e non sa fare.
Jony ha confermato il brutto vizio di confondere talvolta il calcio col bowling, centrando gli avversari come birilli al momento di crossare, ma la sua propensione a muoversi vicino alla linea laterale ha contribuito ad allargare il fronte offensivo aprendo smagliature nel sin lì munitissimo fortino di Gattuso.

Proseguendo con le prestazioni individuali, difficile rimproverare a Immobile le condizioni del terreno di gioco che ne hanno provocato la scivolata dal dischetto.
Datogli atto del fattore sfortuna, appaiono meno giustificabili i troppi offside e la conclusione al volo malamente svirgolata su un corner: non che fosse un tiro facile, ma quando gli avversari ti lasciano così solo sul secondo palo bisogna approfittarne.
Correa frizzante ma spuntato, con la sensazione di un processo involutivo simile a quello di SMS: nell’intento, di per sé lodevole, di farne giocatori completi li si allontana troppo dalla porta.
Dimenticando che il loro contribuito determinante consiste nel suonare il pianoforte, mentre a spostarlo può provvedere anche qualcun altro.
Molto male Luiz Felipe, chiaroscurale Strakosha sul quale vale la pena di riportare il commento del telecronista.
Sul gol rimane indeciso fra la copertura del tiro e del cross, evitando di chiudere lo specchio della porta e lasciando platealmente il fianco a entrambi: nessuna notazione negativa dai dipendenti di Viale Mazzini.
A una ventina di minuti dalla fine, un colpo di testa di Milik centra il palo e ballonzola troppo a lungo sulla linea, a rischio di una carambola con la schiena del portiere, prima di essere spazzato via.
Il replay evidenzia che Strakosha, forte dell’accortezza di non essersi tagliato le unghie, arriva sulla traiettoria parabolica ma angolatissima del polacco deviandola di quel tanto che basta per mandarla sul legno: una prodezza, al limite delle possibilità atletiche in allungo.
Sentenza del duo Rimedio-Pasqual? “Intervento goffo”.

Cosa rimane di una serata da dimenticare?
Intanto la seconda eliminazione stagionale dalle Coppe, e anche qui contro un avversario il cui attuale livello tecnico non giustifica tale risultato.
Con buona pace dell’enfasi mediatica sul pubblico e sullo spirito ritrovato, la prestazione del Napoli si è ridotta ad agonismo esasperato, provocazioni metodiche e un Insigne più coatto del solito: robaccia da parte destra della classifica.
In vista di domenica, contro avversari concittadini e caratterialmente consanguinei rispetto a quelli del San Paolo, un’indicazione bivalente.
I biancocelesti hanno evidenziato i limiti extratecnici di cui si diceva e collezionato appunti potenzialmente preziosi a livello tattico.
Quegli altri hanno assistito a una dimostrazione pratica su come “fermare la Lazio”, per citare il loro hashtag alla vigilia del derby.
Si tratta di capire chi ha imparato meglio la lezione.

Votazione: Questo articolo non è stato ancora votato.