#LazioZenit | Conferenza stampa, Semak: "Sceglierò domani la formazione" #LazioZenit | Conferenza stampa, Semak: "Sceglierò domani la formazione" -> Alla vigilia di Lazio-Zenit, il tecnico dei russi Sergej Semakè intervenuto in conferenza stampa. (...) ---  
#LazioZenit | Conferenza stampa, Keržakov: "Abbiamo studiato i biancocelesti" #LazioZenit | Conferenza stampa, Keržakov: "Abbiamo studiato i biancocelesti" -> Alla vigilia di Lazio-Zenit, il portiere russoMichail Keržakov è intervenuto in conferenza stampa. (...) ---  
#LazioZenit | Lodygin: "Girone ancora aperto. Reina? Ha una mentalità incredibile" #LazioZenit | Lodygin: "Girone ancora aperto. Reina? Ha una mentalità incredibile" -> Yury Lodygin, ex portiere dello Zenit dal 2013 al 2019, ha presentato la partita di domani a (...) ---  
#LazioZenit | Conferenza stampa, Correa: "Il nostro segreto è l'unione" #LazioZenit | Conferenza stampa, Correa: "Il nostro segreto è l'unione" -> Alla vigilia del match con lo Zenit, l'attaccante biancoceleste Joaquin Correa è intervenuto in (...) ---  
#LazioZenit | Conferenza stampa, Inzaghi: "Vogliamo qualificarci, decisivo l'approccio" #LazioZenit | Conferenza stampa, Inzaghi: "Vogliamo qualificarci, decisivo l'approccio" -> Alla vigilia del match con lo Zenit, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in (...) ---  
Mandelli: "Immobile nella Lazio si sente a casa" Mandelli: "Immobile nella Lazio si sente a casa" -> Paolo Mandelli, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, la furia di Lotito per il doppio video non autorizzato sul nuovo aereo: multa e denuncia in a Lazio, la furia di Lotito per il doppio video non autorizzato sul nuovo aereo: multa e denuncia in a -> La Lazio non ci sta più e passa al contrattacco. Esaurita la polemica legata ai tamponi e al caso (...) ---  
Lazio agitata, Peruzzi a colloquio con Lotito Lazio agitata, Peruzzi a colloquio con Lotito -> Presto il club manager si confronterà con il presidente: chiarimento o addio. Venerdì ha scelto di (...) ---  
Immobile inserito tra i candidati al ‘Player of the Year’ dei Globe Soccer Awards Immobile inserito tra i candidati al ‘Player of the Year’ dei Globe Soccer Awards -> Tra i migliori calciatori al mondo. Ciro Immobile è ufficialmente in lizza per la conquista del (...) ---  
Lazio, la trovata dell'aereo piace. La Roma vuole copiare l'idea di Lotito Lazio, la trovata dell'aereo piace. La Roma vuole copiare l'idea di Lotito -> Altro che prese in giro. Alla fine l'operazione di marketing effettuata dalla Lazio con (...) ---  
Lazio, Luiz Felipe negativo: visite di idoneità ok, pronto per lo Zenit Lazio, Luiz Felipe negativo: visite di idoneità ok, pronto per lo Zenit -> LAZIO LUIZ FELIPE - Inzaghi riabbraccia Luiz Felipe. Il difensore brasiliano era risultato (...) ---  
Lazio, ritorno al gol di testa: già messi a segno la metà di quelli dello scorso anno Lazio, ritorno al gol di testa: già messi a segno la metà di quelli dello scorso anno -> Si era un po' perso il feeling tra la Lazio e il colpo di testa nella scorsa stagione, (...) ---  
Lazio - Zenit, le probabili formazioni: tante conferme per Inzaghi Lazio - Zenit, le probabili formazioni: tante conferme per Inzaghi -> LAZIO-ZENIT, PROBABILI FORMAZIONI - Archiviata la vittoria in campionato contro il Crotone, la (...) ---  
LaziAlmanacco di lunedì 23 novembre 2020 LaziAlmanacco di lunedì 23 novembre 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 23 novembre 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Serie A, conti in rosso: Roma prima per perdite in bilancio nell'ultimo anno Serie A, conti in rosso: Roma prima per perdite in bilancio nell'ultimo anno -> Sono buoni i risultati della Roma in campo, meno quelli fuori dal rettangolo di gioco. I (...)

Visto da me: Lazio-Milan 0-3

Sottoscritto da: Er Matador Data: Mercoledì 8 Luglio 2020, 01:58:43 Visualizazioni: 123
Sommario: di Er Matador




19 febbraio 2012: Lazio di scena al “Barbera” di Palermo con parecchi assenti e una difesa decimata, che Reja puntella improvvisando Ledesma in terza linea.
L’argentino, nell’inedito ruolo, non se la cava neppure malaccio: ma a incidere è la sua assenza davanti al reparto arretrato, che apre una voragine. Finisce 5-1 per i rosanero.
Ieri sera è accaduto qualcosa di simile con lo spostamento di Luis Alberto dal centrocampo in una posizione maggiormente avanzata: prova modestissima, in linea con un momento non proprio felice, ma il vero problema è venuto dal dissesto della mediana di cui è da tempo il faro.

Il carico da undici su una situazione già al limite l’ha messo Inzaghi, prontamente rientrato nei ranghi quando toccava a lui aggiungere davvero qualcosa.
Luis Alberto che lancia Correa non è una situazione del tutto inedita, anche se occorreva adattarla a una posizione e a un contesto diversi dal solito.
Operazione rimasta nelle buone intenzioni, coi due che hanno vagato per il campo come anime in pena senza la minima idea di come muoversi e cercarsi.
E le condizioni dell’argentino, un autentico fantasma dopo la sosta, c’entrano meno rispetto alla totale mancanza di organizzazione offensiva.

Sia i giocatori citati sia il tecnico sembrano inseguiti, come se si trattasse di un’ombra, dai difetti, dalle lacune, dai lati oscuri che hanno mostrato negli stenti iniziali o nei momenti peggiori.
Un’ombra che si riappropria improvvisamente delle loro prestazioni, facendo svanire da un attimo all’altro progressi e percorsi di formazione che apparivano ormai consolidati.

Per non parlare, tornando alle nefandezze di giornata di Inzaghi, della trovata di schierare il capitano non giocatore Parolo sul centro-sinistra: vale a dire laddove la squadra è stabilmente abituata ad attendersi la trazione anteriore, sia sul piano della qualità sia su quello del baricentro.
Schierare l’elemento più difensivo da quella parte ha spontaneamente risucchiato in avanti Milinković-Savić, facendo saltare equilibri e distanze sul lato opposto.
Non è un caso se a risentirne sia stato Patric, che ha interrotto con una clamorosa imbarcata un filotto di prestazioni confortanti: e non tanto per colpe proprie quanto perché privato, da una partita all’altra, dei riferimenti di squadra da cui non è ancora in grado di prescindere.

Avviata su questi binari e contro un Milan superiore alle attese, la partita è mestamente rotolata verso l’inevitabile lasciando in dote un trattatello sulla malasorte.

È sfortuna, o peggio, che un arbitro fulmini il centravanti titolare e sotto diffida con un’ammonizione chirurgica quanto inventata.
Non è sfortuna allestire un organico con un solo giocatore nel ruolo.
È sfortuna ritrovarsi infortuni in serie, e di non immediata risoluzione, in questa fase della stagione.
Non è sfortuna la loro contestualizzazione in una situazione di gruppo che alla ripresa, sotto il profilo della condizione fisica, colloca la Lazio in ventunesima posizione su venti partecipanti: e il lockdown, fino a prova contraria, c’è stato per tutti.
È sfortuna che il tiro di Çalhanoğlu incocci nella deviazione di Parolo, quasi una nemesi per il gol di Torino.
Non è sfortuna che Strakosha parta con quella mezz’oretta di ritardo su una parabola comunque resistibile.
È sfortuna che il rigore di Ibra scivoli proprio nella direzione meno indicata.
Non è sfortuna che l’estremo difensore – bravissimo nell’intuire il tiro – vi arrivi con una mano molle, destinata a essere piegata anche da una conclusione più debole, per un evidente errore di impostazione tecnica.
Come non è sfortuna avere un serio problema fra i pali e raccontarsi di poter contare su un portiere fra i migliori del campionato (di quale Paese?).
È sfortuna, o peggio, se il killer armato di fischietto assegna un rigore morbosamente antiregolamentare con distanza ravvicinata, difendente girato di spalle e braccio attaccato al corpo.
Non è sfortuna se l’unica reazione alle immancabili sevizie arbitrali sono i comunicati di Diaconale, i testi scritti più inutili dai Sumeri in poi.

Elenco che potrebbe continuare se il concetto non fosse già chiaro: la posizione in classifica, per il momento parecchio superiore alle attese, non cancella errori, omissioni, scelte deliberatamente illogiche, mille cose che potevano essere fatte meglio anche coi mezzi a disposizione.
Dimenticando le quali, per attribuire ogni problema a interventi esterni o al destino cinico e baro, si rischia di somigliare all’Alberto Sordi di a me m’ha rovinato ‘a guèra.
Personaggio che, con tutto l’affetto per l’attore, non rappresenta la quintessenza della lazialità.

Votazione: Questo articolo non è stato ancora votato.