UFFICIALE: la Uefa cancella la regola del gol in trasferta. Era in vigore dal 1965, Ceferin: 'Inadat UFFICIALE: la Uefa cancella la regola del gol in trasferta. Era in vigore dal 1965, Ceferin: 'Inadat -> Svolta epocale per la Uefa che cambia il calcio come l'abbiamo conosciuto negli ultimi 56 (...) ---  
Lazio, Sarri prepara il ritiro ad Auronzo: il programma  Lazio, Sarri prepara il ritiro ad Auronzo: il programma -> Il nuovo allenatore biancoceleste ha le idee chiare: cambiomodulo e allenamentiintensi. Nei (...) ---  
Lazio, i compagni della Primavera ricordano Guerini: “Tre mesi senza te” - FOTO Lazio, i compagni della Primavera ricordano Guerini: “Tre mesi senza te” - FOTO -> Sono passati già tre mesi da quel maledetto 24 marzo 2021. Quella sera Daniel Guerini, giovane (...) ---  
Salernitana, sono le ore decisive: da Radrizzani e il fondo arabo al trust, tutte le possibili soluz Salernitana, sono le ore decisive: da Radrizzani e il fondo arabo al trust, tutte le possibili soluz -> Le ore decisive. Si avvicina sempre di più l'ora del gong, il momento della verità per il (...) ---  
Lazio, sono 9 i giocatori di rientro dalla Salernitana: quale futuro per loro? Lazio, sono 9 i giocatori di rientro dalla Salernitana: quale futuro per loro? -> RASSEGNA STAMPA - Giorni decisivi per la Salernitana che entro domani dovrà risolvere la questione (...) ---  
LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
PRIMAVERA - Play-out decisivi, la Lazio si salva se... PRIMAVERA - Play-out decisivi, la Lazio si salva se... -> Termina in parità la prima sfida fra Lazio e Bologna Primavera, andata dei play-out salvezza. Il (...) ---  
PRIMAVERA - Lazio, play-out atto primo: Bologna sovrastato ma finisce in parità PRIMAVERA - Lazio, play-out atto primo: Bologna sovrastato ma finisce in parità -> Play-out atto primo: una buona Lazio contro un Bologna attendista e fortunato. I biancocelesti (...) ---  
Laziomania: le paure irrazionali su Sarri Laziomania: le paure irrazionali su Sarri -> di Luca Capriotti Su Sarri nelle ultime ore a Roma si respirano paure irrazionali. A fine giugno, (...) ---  
Ritiro Auronzo, Lacché:  Ritiro Auronzo, Lacché: "Amichevoli alle 18:30, ecco quando..." -> Poco più di due settimane alla partenza della Lazio alla volta di Auronzo di Cadore per il (...) ---  
Serie A 20/21, riaprono gli stadi: ecco quanti spettatori può ospitare l'Olimpico Serie A 20/21, riaprono gli stadi: ecco quanti spettatori può ospitare l'Olimpico -> La Serie A 2021/22 partirà con almeno il 25% dei tifosi sugli spalti.  In Serie (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Contratti brevi e nuove formule, ecco come cambia il mercato post Covid: Calhanoglu apripista Contratti brevi e nuove formule, ecco come cambia il mercato post Covid: Calhanoglu apripista -> No money no party. Il calciomercato ai tempi della pandemia è la somma di tante componenti: (...) ---  
Calciomercato, dall'Inghilterra: "Torreira verso la Lazio" Calciomercato, dall'Inghilterra: "Torreira verso la Lazio" -> La Lazio sonda il mercato alla ricerca di profili che possano sposarsi con l'idea di calcio (...) ---  
Sarri incontra Guccini: che cena fra musica e Ronaldo!  Sarri incontra Guccini: che cena fra musica e Ronaldo! -> Una cena speciale. Marino Bartoletti, storico giornalista, ha invitato a casa sua Francesco (...)

Visto da me: Udinese-Lazio 0-0

di Er Matador



Campionato 1984/’85, seconda giornata: la Lazio affronta la trasferta di Udine, che finisce con un catastrofico 5-0 e l’esonero di Paolo Carosi avviando la stagione verso il baratro.
Oggi il risultato (pessimo in rapporto all’avversario di giornata, ma almeno rallenta l’emorragia di punti), la classifica complessiva (quella dopo la ripresa quasi quasi...) e la situazione societaria sono fortunatamente assai diversi.
Ma di quell’infausta giornata rimangono il senso di sfascio, di decomposizione, l’aria malsana dentro e fuori dal campo.

Alla Dacia Arena va in onda, per gli esteti del pallone, un vero e proprio horror.
Da una parte una provinciale anni ‘80 che ingolfa la zona centrale con la fisicità, lasciando le fasce alla controparte nella convinzione (rivelatasi purtroppo esatta) che non se ne farà granché e cercando di colpire di rimessa.
Un piano grossolano ma pragmatico, che andrebbe in porto se davanti ci fosse qualcosa di meno impresentabile rispetto all’eterna e finta promessa Okaka; e se De Paul non litigasse col palo, ma sarebbe stato davvero troppo.
Dall’altra un fermo immagine della squadra che fu, con Milinković-Savić buon ultimo nell’unirsi all’andazzo generale.
Un tiki-taka da subbuteo, con la supremazia territoriale più inutile di sempre a far circolare palla, senza l’ombra di un guizzo, un’accelerazione, un’idea, fra giocatori piantati a terra.
E piantati male, se si pensa a certi schieramenti difensivi da scampagnata su palloni persi in maniera già indisponente.

In simili condizioni, si tratti di preparazione atletica o anche di altro, diventa difficile affrontare discorsi tecnici.
Anche la mossa più significativa della giornata, il cambio di Luiz Felipe per Cataldi, è annegata nello stagno di una gara che sarebbe potuta proseguire per giorni senza impensierire il portiere friulano.
Per dovere di cronaca, la sostituzione non ha portato a un assetto diverso limitandosi a far scalare Parolo in terza linea: ma, mai come oggi, non sarebbe cambiato nulla.
Limiti pregressi a parte, troppa gente non è al momento di scendere in campo. E invece timbra regolarmente il cartellino, fra panchina cortissima e ancor meno voglia di inventarsi qualcosa.
Tanto varrebbe, invece, rischiare delle alternative per quanto improbabili o impresentabili, a maggior ragione in un calcio nel quale il giocatore più scarso è quello che non corre.

Certo, servirebbe di meglio, ad esempio, rispetto al buon Adekanye: bollicine di vivacità che svaniscono quasi subito, lasciando un retrogusto reso ancor più sgradevole dalla mira non proprio infallibile sottorete.
Qualche prospettiva in più, almeno sul piano dell’atletismo, sembra offrire Djavan Anderson, e non solo per dare il cambio a un Lazzari che sta correndo praticamente da solo: provarlo a sinistra proprio no?

Anche solo per porre fine allo scempio di Jony, oggi autore di una prestazione fra le più imbarazzanti a memoria d’uomo.
Inconsistente in tutto, dalla fase difensiva, dove ha lasciato voragini alle poche iniziative dei padroni di casa, a quella offensiva con qualche cross puntualmente calciato nel didietro dell’avversario: forse finirà davvero per romperglielo, ma in senso diverso da quello auspicato.
Si spera che la sua avventura con la Lazio, perlomeno in quel ruolo completamente non suo, sia finita ieri sera.