Bruges - Lazio, probabili formazioni: Milinkovic c'è, emergenza in difesa Bruges - Lazio, probabili formazioni: Milinkovic c'è, emergenza in difesa -> Lazio proiettata verso la seconda giornata del girone F di Champions League, scontro al (...) ---  
Lazio, Milinkovic torna in Belgio cinque anni dopo: il Bruges è nel mirino Lazio, Milinkovic torna in Belgio cinque anni dopo: il Bruges è nel mirino -> Toccherà a lui questa sera caricarsi la sua Lazio sulle spalle. Il Sergente (...) ---  
Lazio, per l'Uefa tampone inappellabile: lunga attesa per i giocatori Lazio, per l'Uefa tampone inappellabile: lunga attesa per i giocatori -> Una speranza, flebile, difficile possa concretizzarsi. La Lazio spera che alcuni elementi (...) ---  
Lazio, da Franco a Bertini: chi sono i Primavera chiamati da Inzaghi per la Champions Lazio, da Franco a Bertini: chi sono i Primavera chiamati da Inzaghi per la Champions -> Una situazione di emergenza. Quella che doveva essere una tranquilla vigilia del match di (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 28 ottobre 2020 LaziAlmanacco di mercoledì 28 ottobre 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 28 ottobre 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Club Brugge-Lazio, il walkaround dei biancocelesti Club Brugge-Lazio, il walkaround dei biancocelesti -> Una volta atterrati ad Ostenda i biancocelesti si sono diretti allo Stadio Jan Breydel di Brugues (...) ---  
Scudetto 1915, l’avv. Mignogna: “E’ lo scandalo più grande del calcio italiano” Scudetto 1915, l’avv. Mignogna: “E’ lo scandalo più grande del calcio italiano” -> L’avvocatoGian Luca Mignogna, promotore della rivendicazione per l’assegnazione dello (...) ---  
#BruggeLazio | Conferenza stampa, Acerbi: "L'approccio farà la differenza" #BruggeLazio | Conferenza stampa, Acerbi: "L'approccio farà la differenza" -> Alla vigilia del match con il Club Brugge, il difensore biancoceleste Francesco Acerbi è (...) ---  
#BruggeLazio | Conferenza stampa, Inzaghi: "Chi giocherà, darà il massimo per maglia" #BruggeLazio | Conferenza stampa, Inzaghi: "Chi giocherà, darà il massimo per maglia" -> Alla vigilia del match con il Club Brugge, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto (...) ---  
Lotito e lo stipendio con la Lazio: ecco quanto guadagna Lotito e lo stipendio con la Lazio: ecco quanto guadagna -> Pubblicato il verbale del Consiglio di Sorveglianza della società legato all’esercizio chiuso lo (...) ---  
Serie A, i migliori attaccanti ancora in attività: Immobile sul podio Serie A, i migliori attaccanti ancora in attività: Immobile sul podio -> La Serie A è anche il campionato dei grandi attaccanti. Non solo i grandi bomber del (...) ---  
Raggi:  Raggi: "I tifosi della Lazio vogliono il Flaminio. Ho parlato con Lotito..." -> Questa mattina, in Campidoglio, è andata in scena la conferenza di presentazione del (...) ---  
#BruggeLazio | La rifinitura dei belgi #BruggeLazio | La rifinitura dei belgi -> La compagine di Philippe Clement ha svolto l’ultimo allenamento prima della gara di domani. (...) ---  
Reina, dal Bruges al Bruges: venti anni dopo il secondo esordio di Pepe Reina, dal Bruges al Bruges: venti anni dopo il secondo esordio di Pepe -> RASSEGNA STAMPA -Dal Bruges al Bruges, Pepe Reina esordirà domani in Champions con la (...) ---  
Verheyen: "Il Club Brugge gioca a memoria, ma la Lazio ha più qualità" Verheyen: "Il Club Brugge gioca a memoria, ma la Lazio ha più qualità" -> L'ex attaccante Gert Verheyen, marcatore più prolifico nella storia del Club Brugge con 134 reti, (...)

Visto da me: Lazio-Atalanta 1-4

Sottoscritto da: Er Matador Data: Venerdì 16 Ottobre 2020, 12:20:25 Visualizazioni: 17
Sommario: di Gasco luis veron



Vado controcorrente: sul piano del ritmo, la Lazio all'inizio reggeva benissimo il loro.
Per cui non è vero che hanno corso di più, hanno corso meglio.
La Lazio si è allungata perché Caicedo non riusciva a guadagnare falli e veniva anticipato da un grande Palomino (l'ho sempre detto che questo era bravo bravo).
Caicedo per caratteristiche ha dato punti di riferimento all’avversario diretto, che lo veniva a prendere persino quando arretrava a centrocampo.

Gasperini non ha fatto il suo solito gioco, ma ha variato qualcosa perché ci temeva: con Correa la loro difesa non avrebbe avuto punti di riferimento ed avrebbe sofferto.
Non tenendo palla Caicedo potevano ripartire, e in questo caso dopo il gol non abbiamo più tenuto la difesa vicino al centrocampo.
I tre difensori nostri rimanevano troppo dietro quando l'Atalanta ripartiva; quando noi ripartivamo i loro anticipavano.
Sulla destra compensavamo con la corsa di Lazzari e Patric (più portato nel difendere avanzando), mentre è a sinistra che abbiamo sofferto.

Radu è da un anno e mezzo che difende arretrando: lo sa fare benissimo e con mestiere. Ma in certe partite, quando imposti la tattica per far la gara (come aveva fatto Inzaghi giustamente, non snaturandosi a dispetto di Gasperini), nella difesa a tre gli esterni devono anticipare per accorciare con il centrocampo.
Se non lo fanno e si arretra pian piano, si sprecano più energie ed è proprio in questo spazio che l'avversario può far male: soprattutto se hai di fronte gente molto forte come i giocatori dell'Atalanta.

Inzaghi infatti aveva impostato la gara così: dopo il gol (secondo me irregolare, ma Marusic non avrebbe dovuto fermarsi senza il fischio dell'arbitro: errore, sommato a quello più grande dell'arbitro, che un Lulic non avrebbe commesso), la difesa ha abbassato il baricentro creando troppa distanza tra centrocampo e attacco.
Distanza che Luis Alberto non è riuscito a colmare.
Radu (che continuava a difendere arretrando) e lo spagnolo (che non riusciva a rientrare tempestivamente) hanno creato lo spazio dove si è infilata l'Atalanta nel primo tempo.
Radu ha provato ad accorciare le distanze, tornando per un frangente a giocare d'anticipo, ma come l'ha fatto si è preso un tunnel: da quel momento non ha più tentato l'anticipo e la squadra si è inevitabilmente allungata.

Inoltre, tutti i fattori si sono accumulati a sinistra: Radu che difende arretrando, la mancanza dell'esperienza di Lulic, Marusic che non è abituato a far la diagonale su quella fascia, Luis Alberto che non riusciva a rientrare prontamente (causa una forma non ancora al massimo), l'assenza di Correa.
In pratica la nostra catena più forte, cioè quella di sinistra, si è trasformata nella catena più debole.
Bastos, Lulic, Luis Alberto al 100% e Correa: reputo questa la nostra catena di sinistra più forte contro le big.
Dei quattro era presente, e non al meglio, solo lo spagnolo.

Quanto a Bastos, rispetto a Radu non imposta come lui ma  accorcia le distanze tra la difesa e il centrocampo, recuperando palla in quella zona senza far ripartire gli avversari.
Contro le piccole può esser sacrificato per impostare da dietro, ma senza dimenticare che i match con la linea difensiva Luiz Felipe-Acerbi-Bastos li abbiamo tutti vinti o pareggiati.
Per me sono i nostri migliori difensori.

Votazione: Questo articolo non è stato ancora votato.