Disastro a Bologna/Sul Prato Verde Vola Disastro a Bologna/Sul Prato Verde Vola -> Disastro a Bologna  ---  
Lazio, troppi gol presi in 24 giornate: nell'era Lotito solo tre volte è andata peggio Lazio, troppi gol presi in 24 giornate: nell'era Lotito solo tre volte è andata peggio -> La Lazio non è riuscita a rialzare la testa dopo la sconfitta con il Bayern Monaco: sul campo del (...) ---  
Cucchi:  Cucchi: "Lazio fragile e debole mentalmente. Il Bologna ha meritato la vittoria" -> La Lazio, reduce dalla sconfitta contro il Bayern, cade anche al Dall'Ara nella sfida col Bologna. (...) ---  
Bologna - Lazio, Inzaghi:  Bologna - Lazio, Inzaghi: "Se avessimo giocato altri 100 minuti non avremmo segnato” -> La Lazio perde contro il Bologna, e tra i biancocelesti aumenta la delusione dopo sconfitta di (...) ---  
Lazio, Immobile a secco da quattro gare consecutive: non accadeva dal 2019 Lazio, Immobile a secco da quattro gare consecutive: non accadeva dal 2019 -> Brutta sconfitta per la Lazio che esce dal Dall'Ara senza punti battuta per mano del Bologna che (...) ---  
La Lazio risente delle scorie post-Bayern, vince un Bologna brillante e aggressivo. Il gol del 2-0 è La Lazio risente delle scorie post-Bayern, vince un Bologna brillante e aggressivo. Il gol del 2-0 è -> Non è giusto dire che il Bayern, dopo il 4-1 in Champions, ha battuto la Lazio anche in Serie A, (...) ---  
Addio Tor di Valle, la Roma abbandona il progetto stadio: i Friedkin ne vogliono un altro Addio Tor di Valle, la Roma abbandona il progetto stadio: i Friedkin ne vogliono un altro -> Tor di Valle addio. La Roma si ritira dal progetto Stadio avviato da Pallotta e i (...) ---  
Serie A TIM | Bologna-Lazio, le formazioni ufficiali Serie A TIM | Bologna-Lazio, le formazioni ufficiali -> BOLOGNA (4-2-3-1):Skorupski; De Silvestri, Danilo, Soumaoro, Mbaye; Dominguez, Svanberg; (...) ---  
#BolognaLazio | Pre partita, Parolo: "Ci aspetta una gara dura ma siamo pronti" #BolognaLazio | Pre partita, Parolo: "Ci aspetta una gara dura ma siamo pronti" -> Nel pre partita di Bologna-Lazio, il centrocampista biancoceleste Marco Parolo è intervenuto ai (...) ---  
Il caos dei diritti tv: Juve, Inter, Milan, Napoli e Lazio unite, ma non vincono. Non ci sono più le Il caos dei diritti tv: Juve, Inter, Milan, Napoli e Lazio unite, ma non vincono. Non ci sono più le -> di Stefano Agresti Juve, Inter, Milan, Napoli, Lazio. Italiani, americani, cinesi. Le società con (...) ---  
Bologna - Lazio, Soriano contro Luis Alberto: la sfida della verticalità Bologna - Lazio, Soriano contro Luis Alberto: la sfida della verticalità -> Bologna-Lazio è Soriano contro Luis Alberto, il classico caso di partita nella partita. Si gioca (...) ---  
Bologna - Lazio, le probabili formazioni: Musacchio verso la panchina, Patric dal 1' Bologna - Lazio, le probabili formazioni: Musacchio verso la panchina, Patric dal 1' -> Calendario fitto, non c'è tempo per riposare. La Lazio chiamata subito a voltar pagina dopo (...) ---  
Lazio Women, Morace: "Stiamo ultimando la preparazione, a domenica!" Lazio Women, Morace: "Stiamo ultimando la preparazione, a domenica!" -> Dopo lo stop della scorsa settimana dovuto al rinvio del match contro il Perugia e il recupero (...) ---  
FORMELLO - Lazio, Correa-Immobile per il riscatto. Patric confermato FORMELLO - Lazio, Correa-Immobile per il riscatto. Patric confermato -> FORMELLO - Marusic resta esterno, dietro è Acerbi a spostarsi lasciando a Hoedt il posto al centro (...) ---  
#LazioCagliari | Post partita, Menichini: "Dobbiamo confidare su tutta la forza del gruppo" #LazioCagliari | Post partita, Menichini: "Dobbiamo confidare su tutta la forza del gruppo" -> Al termine della gara con il Cagliari, il tecnico biancoceleste Leonardo Menichini è intervenuto (...)

Visto da me: Atalanta-Lazio 3-2 (CI)

Sottoscritto da: Er Matador Data: Sabato 6 Febbraio 2021, 20:17:23 Visualizazioni: 32
Sommario: di Er Matador



Una sconfitta inaccettabile, perché dettata da troppe situazioni senza dubbio evitabili.

A partire dall’avvio, nel quale la Lazio ancora una volta entra con un quarto d’ora di ritardo, come la curva in alcune manifestazioni di protesta.
I biancocelesti si lasciano schiacciare nella loro area e cedono di schianto al centro, sulla verticale Hoedt-Escalante.
Proprio i due che #ildiessepiùbravodelmondo ha gabellato rispettivamente per un titolare-titolare in difesa e per il vice-Leiva, ruoli con cui hanno poco a che spartire anche sul piano delle caratteristiche.
In quale altro settore continuerebbe tranquillamente a lavorare dopo una simile prodezza?

Ad aiutare la malasorte sull’1-0 contribuiscono due fattori.
Il ripiegamento troppo in profondità di Muriqi, pericoloso nella propria area come capita a chi è abituato a giocare in quella avversaria.
Una disposizione tattica scellerata, coi giocatori che perdono terreno e fanno blocco su un’unica linea, costruendo un vero e proprio muro umano sotto il naso di Reina.

Chi reagisce meglio è proprio il muflone, rimediando al rinvio su Djimsiti con una quasi doppietta.
Sull’1-1 replica quanto ammirato nel finale col Parma, riuscendo a imprimere forza e precisione al colpo di testa a dispetto di una coordinazione sfavorevole – giovedì scorso da fermo e senza spinta sulle gambe, ieri indietreggiando per trovare l’equilibrio – e di cross non particolarmente tesi.
Una dote specifica, quella di imprimere al pallone una frustata col collo, che ricorda David Trezeguet: e, in materia di soluzioni aeree, non è un paragone banale.
Sul provvisorio vantaggio è decisivo nel portare via l’uomo ad Acerbi, che può involarsi con un taglio verso il centro alla Ryan Giggs.

Quel momento di buon gioco, sufficiente per ribaltare il risultato contro un avversario non al meglio, si rivela una parentesi che si chiude subito.
Il pari ripropone in peggio quanto messo in atto sulla prima segnatura dei bergamaschi, con una linea troppo bassa che lascia a Malinovs'kyj una prateria per il rigore in movimento.

Anche in questo caso – era già capitato sul primo gol – gli ospiti vanificano una superiorità numerica, confermando il filo conduttore di una partita sciagurata e anticipando l’autentico giro di boa rappresentato dall’espulsione di Palomino.
Nella quale confliggono due elementi di valutazione: Djimsiti entra nell’inquadratura solo a cose fatte, quindi senza altri difendenti fra Lazzari e la porta; lo status di chiara occasione da gol, seguendo la traiettoria di corsa dell’ex spallino, non sembra inequivocabile.

La possibile svolta a favore della Lazio diventa la peggiore gestione della superiorità numerica nella Storia di questo sport, perché entrano in gioco le panchine.
E qui, fermo restando l’osceno profilo umano del tecnico nerazzurro, emergono le reali proporzioni nei confronti di Inzaghi sul piano della competenza: un docente universitario contro un bimbo con problemi di apprendimento.

Gasperini non stravolge subito la squadra, lasciandole la pericolosità offensiva che permette – con la graziosa collaborazione di una difesa laziale apocalittica, tanto nei singoli quanto nei movimenti di reparto – di ripassare in vantaggio.
Quindi sceglie un approccio conservativo per la terza linea, mantenendone l’assetto di base con Toloi a riempire il vuoto lasciato dal cartellino rosso, mentre sacrifica il duo dietro alla prima punta aggiungendo un centrocampista.
Pessina si sdoppia fra mediana e attacco, mentre il pimpante Zapata fa reparto da solo giocando sul mismatch in velocità con Hoedt: il quale trova il modo di regalargli un penalty scellerato con un’entrata degna di Mauricio in giornata no, e buon per la Lazio che Reina scelga di non battezzare l’angolo con troppo anticipo.

Dall’altra parte, Inzaghi scaraventa in campo senza criterio tutte le risorse offensive disponibili, intasando gli spazi al centro con l’unica conseguenza di rinforzare le barricate atalantine.
Ne nascono palloni persi e difficili da recuperare per uno sbilanciamento del tutto disordinato: ma soprattutto una caricatura del peggior calcio portoghese, con un’alternanza di passaggi sul perimetro e all’indietro.
Senza costrutto, senza un’idea che sia una, senza la minima logica di squadra.
Eppure, in mancanza di meglio, basterebbe piazzare un paio di torri in area e rifornirle di lancioni.
Una situazione del genere, che tende a strutturarsi per duelli individuali nei sedici metri, può davvero valorizzare una supremazia numerica facendo saltare qualche marcatura.
Peccato che, a certi livelli di incapacità, non vengano in mente neppure tentativi così elementari.

L’unico tiro nello specchio dopo l’espulsione di Palomino giunge così da fermo: il piede del deludentissimo Correa – ormai simile a Pereira per inconcludenza – a innescare Acerbi, ispiratissimo nel ruolo di attaccante aggiunto; Gollini che firma una vittoria strameritata, togliendo letteralmente dalla porta il colpo di testa dell’ex Milan e Sassuolo.

Un obiettivo stagionale saltato, quindi, e domenica si replica: stesso campo stesso avversario, seguendo un calendario stilato dal Mago Zurlì e con una sequenza al limite della regolarità tecnica.
Per un risultato diverso dovranno cambiare tante cose in pochi giorni. Forse troppe.

Votazione: Questo articolo non è stato ancora votato.