Salernitana e Gondo come la Lazio e Caicedo: rimonta e vittoria in pieno recupero Salernitana e Gondo come la Lazio e Caicedo: rimonta e vittoria in pieno recupero -> La Salernitana resta in piena corsa per la promozione diretta in Serie A. I granata hanno battuto (...) ---  
Lazio - Benevento, i convocati di Pippo Inzaghi: assenti Tuia e Foulon Lazio - Benevento, i convocati di Pippo Inzaghi: assenti Tuia e Foulon -> Il Benevento sul proprio sito ufficiale ha diramato la lista dei convocati di Pippo Inzaghi per la (...) ---  
Lazio - Benevento, le probabili formazioni: tornano Lazzari e Correa, ce la fa Leiva Lazio - Benevento, le probabili formazioni: tornano Lazzari e Correa, ce la fa Leiva -> Dopo le squalifiche scontate a Verona, la Lazio ritrova Correa e Lazzari che prenderanno posto in (...) ---  
Lazio - Benevento e il turno strategico per la Champions: le combinazioni Lazio - Benevento e il turno strategico per la Champions: le combinazioni -> La 31esima giornata della Serie A è uno snodo cruciale per la corsa alla Champions League. Uno (...) ---  
Comunicato 17.04.2021: Contrader, nuovo sponsor di maglia Comunicato 17.04.2021: Contrader, nuovo sponsor di maglia -> La S.S. Lazio presenta il suo nuovo sponsor di maglia: la Contrader, azienda campana che si (...) ---  
Lazio, Farris: 'Benevento pericoloso, hanno battuto anche la Juve. Tornano Lazzari e Correa ma perdiamo Caicedo' Lazio, Farris: 'Benevento pericoloso, hanno battuto anche la Juve. Tornano Lazzari e Correa ma perdiamo Caicedo' -> Commenta per primo In attesa della sfida contro il Benevento, ecco (...) ---  
Lazio - Benevento, le probabili formazioni: tornano Correa e Lazzari  Lazio - Benevento, le probabili formazioni: tornano Correa e Lazzari -> Dopo le squalifiche scontate a Verona, la Lazio ritrova Correa e Lazzari che prenderanno posto in (...) ---  
Lazio, Milinkovic: “Quando sono arrivato ero sotto choc. Derby? Li gioco da tifoso” Lazio, Milinkovic: “Quando sono arrivato ero sotto choc. Derby? Li gioco da tifoso” -> Ricordi ed emozioni: è cresciuto insieme alla Lazio, Sergej Milinkovic. Il discorso vale anche al (...) ---  
Acerbi:  Acerbi: "Volevo la Lazio a tutti i costi. Champions? Non possiamo più sbagliare" -> In occasione dell'uscita del libro Campioni dello sport e psicanalisi di Paolo Franchini, (...) ---  
Lazio, trattativa infinita fra Inzaghi e Lotito: rischio colpo di scena Lazio, trattativa infinita fra Inzaghi e Lotito: rischio colpo di scena -> Tira e molla. La trattativa fra l'allenatore Simone Inzaghi e il presidente Claudio Lotito (...) ---  
LaziAlmanacco di sabato 17 aprile 2021 LaziAlmanacco di sabato 17 aprile 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di sabato 17 aprile 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, -20 gol rispetto a un anno fa: per la Champions serve un cambio di passo Lazio, -20 gol rispetto a un anno fa: per la Champions serve un cambio di passo -> roma.corriere.it Dopo 29 giornate, dodici mesi fa, le reti segnate dalla Lazio erano 66, oggi (...) ---  
Lazio, la Champions gonfia il portafoglio: ecco quanto è stato ricavato dal club Lazio, la Champions gonfia il portafoglio: ecco quanto è stato ricavato dal club -> La partecipazione alla Champions League di quest'anno, ha portato alla Lazio fama, esperienza e (...) ---  
#LazioWomen | Martin: "Vogliamo la Serie A. Reina ed Immobile sono due esempi"  #LazioWomen | Martin: "Vogliamo la Serie A. Reina ed Immobile sono due esempi" -> Adriana Martin, attaccante della Lazio Women, è intervenuta ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Canigiani: "Non sappiamo ancora quando riapriranno gli stadi" Canigiani: "Non sappiamo ancora quando riapriranno gli stadi" -> Il responsabile marketing biancoceleste, Marco Canigiani, è intervenuto ai microfoni di Lazio (...)

Visto da me: Bayern-Lazio 2-1

Sottoscritto da: Er Matador Data: Martedì 30 Marzo 2021, 03:57:26 Visualizazioni: 40
Sommario: di Er Matador



Giocare all’Allianz Arena rappresenta per la Lazio, a prescindere, una pagina di Storia.
Per questo dispiace non averla potuta assaporare fino in fondo, fra la qualificazione già compromessa, il timore di un’imbarcata, la situazione kafkiana in cui si vive non solo in ambito calcistico.
È un po’ come la serata in cui la donna più bella del mondo accetta un invito a lume di candela: per il dopo cena non hai chance, ma fin lì ci sei arrivato.
Peccato che il senso di inadeguatezza e il cibo non di prim’ordine portino, piuttosto, a sperare che l’evento finisca quanto prima.
E poi quel ristorante, gelido e deserto: dove la conversazione langue anche perché le parole, anziché confondersi nel sottofondo di voci e musica, vengono addirittura amplificate in quel vuoto irreale.

Bayern-Lazio è andata un po’ così, come una favola sporcata.
Della quale rimane l’obiettivo minimo di evitare punteggi più che tennistici, centrato contro un avversario che ha onorato l’impegno, sia pure dosando le forze.
Risultato ottenuto con un minimo di buonsenso nel non lasciare troppi spazi, a costo di sacrificare quasi per intero le già ridotte velleità offensive.
Fa rabbia, per il rigore e per i cartellini, il doppiopesismo della direzione arbitrale: se si pensa a quanto accade in Italia, ma anche ai nostri arbitri in versione internazionale come Orsato ieri sera a Stamford Bridge, un problema endemico.
In occasione del penalty, Muriqi si è confermato il centravanti più pericoloso del mondo nella propria area.
Come al solito, problema evidente per chiunque ma non affrontato dai mitologici addetti ai lavori, e che di conseguenza si ripropone puntualmente.

La prova del duo offensivo è forse la nota meno lieta della serata.
Coppia inedita, certo, e a questo proposito viene in mente una lontana Inter del 1992/’93.
In un’intervista di inizio stagione, il buon Osvaldo Bagnoli lascia intuire una certa soddisfazione per il parco attaccanti, in cui Pančev come prima punta, Ruben Sosa e Fontolan seconde punte e Schillaci a giostrare fra i due ruoli gli offrono un discreto ventaglio di alternative.
Abituato a giocare con un attaccante al centro e uno che gira più al largo, spiega che l’unica coppia a cui non pensa è quella formata dall’uruguagio e dal Fontolan più giovane, fratello minore dello stopper con cui vinse il leggendario scudetto del Verona.
Nel corso della stagione le gerarchie tecniche si evolvono; l’Osvaldo, da grande motivatore qual è, trasforma un avvio deludente nella possibilità di giocare a mente sgombra, senza nulla da perdere, e incastra il neo-acquisto Manicone in un meccanismo che a quel punto diventa perfetto.
Il girone di ritorno dei nerazzurri è travolgente, e solo un liscio di Taccola nel derby, favorendo il pari di Gullit, ferma una rimonta-scudetto che stava prendendo corpo.
A quale duo d’attacco si affida quella squadra improvvisamente imbattibile? Ruben Sosa-Fontolan, neanche a farlo apposta.
Perché questo amarcord? Per sottolineare che la coppia offensiva più improbabile, quasi esclusa a priori dal tecnico, una volta messa in campo sa benissimo cosa deve fare.
E l’allenatore in questione è un saggio italianista forte di poche, solide certezze tattiche e attento al fattore umano, non un feticista del tiki-taka o un maniaco del modulo.
Torniamo a Muriqi e Correa: pochissime ore di volo in tandem ma una discreta compatibilità di caratteristiche, se si pensa alla propensione del muflone nel portare fuori l’uomo e offrire l’uno-due, che può innescare tecnica e velocità del Tucu.
Invece i due si ignorano e vengono a loro volta ignorati dalla squadra, come se gli attaccanti – ma anche altri compagni – si fossero presentati prima della partita e avessero capito solo dopo una mezz’ora di indossare la stessa maglia.
Come accade puntualmente con la gestione Inzaghi, così inadeguato da proporre in campo situazioni che a ogni evidenza non sono state collaudate in allenamento.
Davvero non se ne può più di conduzioni tecniche tanto squallide e dilettantistiche.

Bilancio dell’esperienza in CL? Ampiamente positivo, con un girone superato tutto sommato brillantemente e il disastro nel punteggio scampato di fronte a un avversario imbattibile.
La cosa migliore è l’aver disposto a piacimento del Borussia Dortmund in entrambe le gare.
La cosa peggiore è l’approccio alla gara d’andata col Bayern: e non per il punteggio, normalissimo di fronte a una simile corazzata, quanto per l’atteggiamento dei nostri tenori.
Gente che la CL – salvo un paio di eccezioni – l’aveva seguita alla Tv, che in quell’evento avrebbe dovuto trovare gli stimoli per la partita della vita, e invece l’ha affrontata come la merda olandese nel preliminare di Leverkusen.
A conferma di come tanti limiti della Lazio, e non da ieri, siano innanzitutto un problema di uomini.

Votazione: Questo articolo non è stato ancora votato.