Lazio, la chiave per Jony nel suo contratto: Malaga con le spalle al muro  Lazio, la chiave per Jony nel suo contratto: Malaga con le spalle al muro -> La Lazio poteva prendere Jony gratis, ed ecco la chiave che ha permesso a Tare di (...) ---  
Lazio, sulla sinistra sei micidiale: nessuna squadra ha fatto meglio in Serie A Lazio, sulla sinistra sei micidiale: nessuna squadra ha fatto meglio in Serie A -> La stagione 2018/19 è ormai alle spalle. Rimarrà indelebile il ricordo della conquista (...) ---  
Lazio, in casa voli alto: quinta forza per duelli aerei vinti Lazio, in casa voli alto: quinta forza per duelli aerei vinti -> A tutte le squadre servono centimetri per far valere il fisico. Soprattutto nella propria (...) ---  
Nazionali | L'impegno di Bastos con l'Angola Nazionali | L'impegno di Bastos con l'Angola -> COPPA D’AFRICA | Angola – Bastos Quissanga Si apre con un pareggio l’avventura dell’Angola nella (...) ---  
Lazio, 48 anni fa la vittoria in Coppa delle Alpi: il ricordo del club Lazio, 48 anni fa la vittoria in Coppa delle Alpi: il ricordo del club -> Nel corso della sua storia, la Lazio ha dimostrato di avere un rapporto speciale con le (...) ---  
Lopez: "La Lazio potrebbe cambiare qualcosa nel reparto arretrato" Lopez: "La Lazio potrebbe cambiare qualcosa nel reparto arretrato" -> Antonio Lopex, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, la chiave del tuo gioco è davanti alla difesa: il dato sui passaggi Lazio, la chiave del tuo gioco è davanti alla difesa: il dato sui passaggi -> Calciatori diversi, per intensità e caratteristiche, ma ugualmente centrali nel sistema (...) ---  
Lazio, l'ultima chance di Lukaku: ad Auronzo il belga si gioca il futuro Lazio, l'ultima chance di Lukaku: ad Auronzo il belga si gioca il futuro -> Una stagione da dimenticare, un'estate per ripartire. La Lazio e Jordan Lukaku si (...) ---  
LaziAlmanacco di martedì 25 giugno 2019 LaziAlmanacco di martedì 25 giugno 2019 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di martedì 25 giugno 2019 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, Lotito: 'Dopo la Juve siamo quelli che hanno vinto di più' Lazio, Lotito: 'Dopo la Juve siamo quelli che hanno vinto di più' -> Claudio Lotito, presidente della Lazio, parla a margine dell'assemblea annuale di (...) ---  
Nassi Nassi -> L'avventura dei Della Valle alla guida della Fiorentina si è conclusa con (...) ---  
Budoni: "La Lazio cerca profili giovani e con esperienza internazionale" Budoni: "La Lazio cerca profili giovani e con esperienza internazionale" -> Riccardo Budoni, ex portiere biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 (...) ---  
Grieco: "La conferma di Inzaghi è un’ottima notizia" Grieco: "La conferma di Inzaghi è un’ottima notizia" -> Il regista David Grieco è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, FM 89.3. “La conferma di (...) ---  
Lazio, De Cosmi Lazio, De Cosmi -> La Lazio sta lavorando sotto traccia sul mercato. Sono tanti i fronti su cui si (...) ---  
Ma “Ci Siamo” cosa? Zazzaroni vergognati !! Ma “Ci Siamo” cosa? Zazzaroni vergognati !! -> (Lunedi 26 giugno 2019, ore 10,45) Che il Corriere dello Sport ormai sia diventato da qualche (...)

Autore Topic: Serie A, Cagliari-Lazio 1-2: gol di Luis Alberto, Correa e Pavoletti  (Letto 43 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 17319
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.gazzetta.it


In attesa della finale di Coppa Italia gli uomini di Inzaghi riducono le distanze con la Roma adesso ad una sola lunghezza (ma i giallorossi giocano domani) . Ai rossoblù non basta Pavoletti, salvezza rimandata


La Lazio torna a vincere e torna pure ad offrire una discreta prestazione dopo il k.o. con l’Atalanta che aveva spezzato i sogni Champions e gettato nello sconforto l’intero ambiente biancoceleste. Tre punti molto importanti, non tanto per la classifica (ma anche per quella perché tengono aperto il discorso settimo posto) quanto proprio per la finale di Coppa di mercoledì. Alla quale la squadra di Inzaghi arriva con il morale e le gambe giusti. Il Cagliari, invece, perde ancora dopo la sconfitta con code polemiche di Napoli (e prima della partita il pubblico della Sardegna Arena inscena una panolada di protesta contro gli arbitri). Una sconfitta che, se si fosse a metà campionato e con la situazione ancora in bilico, sarebbe molto grave , in sé e per il modo in cui è maturata. Ma i sardi, ormai, il traguardo salvezza l’hanno virtualmente raggiunto, anche se per la matematica manca ancora un punto. E certe prestazioni (buona la reazione dei padroni di casa solo nei minuti finali) vanno anche comprese.

SBLOCCA LUIS ALBERTO —   

Lazio padrona del campo nella prima frazione di gioco. La regia di Badelj, il movimento dei due interni Parolo e Luis Alberto, la corsa degli esterni Lulic e Marusic consente alla formazione di Inzaghi di fare il bello e il cattivo tempo in mezzo al campo. Il Cagliari prova a interrompere le trame biancocelesti, ci riesce di tanto in tanto e impensierisce pure il debuttante Proto in un paio di occasioni (tiri da fuori di Barella e Cigarini che escono di poco), ma è comunque la formazione ospite a menare le danze. Che poi la Lazio vada al riposo con un solo gol all’attivo è decisamente poco per quello che crea. Prima del gol di Luis Alberto alla mezzora (giunto al culmine di una sontuosa azione corale, rifinita da Marusic per il piattone vincente dello spagnolo), c’erano state altre cinque palle-gol. Due sciupate dallo stesso Luis Alberto, un altro paio da Caicedo e una da Lulic. E poi, dopo il gol dell’1-0 e prima dell’intervallo, è arrivata anche la traversa colpita da Badelj con un tiro da fuori.

TROPPO TARDI—   Nella ripresala la Lazio cala un po’ il ritmo, ma prima di farlo riesce comunque a raddoppiare. A differenza del primo tempo, passa alla prima occasione che crea. Luis Alberto confeziona un cioccolatino per Correa che non può sbagliare. La squadra di Inzaghi a quel punto si dedica esclusivamente ad amministrare, anche pensando alla finale di Coppa Italia che l’attende tra quattro giorni. Inzaghi toglie, uno dopo l’altro, Badelj, Radu e Luis Alberto per inserire Cataldi, Bastos e Immobile, mentre la risposta di Maraner (che sostituisce lo squalificato Maran) è il doppio cambio Bradaric-Cerri per Cigarini-Padoin. L’inerzia della gara, però, non cambia. Sia pure arretrando di una quindicina di metri il baricentro, la Lazio continua a controllare le operazioni. Il Cagliari in una sola occasione riesce a rendersi pericoloso, con Deiola, su cui però riesce a smanacciare Proto. Tutto questo fino al 90’. Perché poi durante i cinque minuti di recupero il Cagliari si sveglia e sfiora la rimonta clamorosa. Pavoletti accorcia con un colpo di testa su assist del rientrante Castro, poi è arrembaggio con la Lazio che in qualche modo si salva.