Serie A, si riparte dal prossimo 20 giugno Serie A, si riparte dal prossimo 20 giugno -> Si torna in campo. A distanza di 104 giorni dall’ultima gara disputata, la Serie A sarà nuovamente (...) ---  
Lazio, avanti tutta: Immobile ancora in gol in partitella Lazio, avanti tutta: Immobile ancora in gol in partitella -> I biancocelesti continuano il lavoro a Formello con la seconda seduta di gruppo: Ciro scatenato, (...) ---  
Lazio, Mendieta: “A Roma poco tempo per adattarmi. Oggi è una squadra da titolo” Lazio, Mendieta: “A Roma poco tempo per adattarmi. Oggi è una squadra da titolo” -> Lo spagnolo, arrivato alla corte di Cragnotti nell’estate del 2001 per 90 miliardi, ha raccontato (...) ---  
#TrainingSession | Seduta completa per i biancocelesti #TrainingSession | Seduta completa per i biancocelesti -> La Prima Squadra della Capitale si è ritrovata sul campo Centrale del Centro Sportivo di Formello (...) ---  
Caso Zarate, Lotito prepara la risposta alle Iene Caso Zarate, Lotito prepara la risposta alle Iene -> Il servizio non è andato in onda, è stato posticipato a martedì prossimo proprio per consentire il (...) ---  
#TrainingSession | Domani squadra in campo alle 10:00 #TrainingSession | Domani squadra in campo alle 10:00 -> Continua la preparazione della Prima Squadra della Capitale. Passato in archivio il primo (...) ---  
LaziAlmanacco di giovedì 28 maggio 2020 LaziAlmanacco di giovedì 28 maggio 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 28 maggio 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lopez: "La Lazio ha delle alternative affidabili" Lopez: "La Lazio ha delle alternative affidabili" -> Antonio Lopez, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, il dottor Pulcini: “Non metterò in quarantena tutta la squadra per un positivo” Lazio, il dottor Pulcini: “Non metterò in quarantena tutta la squadra per un positivo” -> Il responsabile sanitario del club biancoceleste è tornato sulla questione del protocollo: “Una (...) ---  
Diaconale: “Il clima d’assedio mediatico non spaventa la Lazio” Diaconale: “Il clima d’assedio mediatico non spaventa la Lazio” -> Il responsabile della comunicazione biancoceleste difende Lotito: “Sbagliato attaccare lui con (...) ---  
Lazio tutta in campo. E Immobile ritrova subito il gol Lazio tutta in campo. E Immobile ritrova subito il gol -> Via libera alla prima seduta in gruppo a Formello. L’attaccante, in partitella, mette a segno la (...) ---  
#TrainingSession | Prima seduta collettiva per la squadra #TrainingSession | Prima seduta collettiva per la squadra -> Allenamento mattutino per la Prima Squadra della Capitale che, quest’oggi, si è ritrovata presso (...) ---  
Le mutande, gli scherzi, i racconti di amici e compagni: Lazio, auguri Gascoigne Le mutande, gli scherzi, i racconti di amici e compagni: Lazio, auguri Gascoigne -> Gazza spegne 53 candeline. Genio del pallone e vita da rockstar. Amoruso: “Uomo dal cuore grande” (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 27 maggio 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Caso Zarate-Lazio, indagine della procura Figc: rinviato il servizio de 'Le Iene' Caso Zarate-Lazio, indagine della procura Figc: rinviato il servizio de 'Le Iene' -> La federcalcio apre un'inchiesta sull'attaccante argentino e su Lotito per presunte irregolarità (...)

Autore Topic: Immobile ci mette la testa. E la Lazio sbanca Firenze all’ultimo respiro  (Letto 97 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 21592
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
gazzetta.it




Decide il gol del centravanti all’89’: nel primo tempo a segno Correa e Chiesa. Nel recupero espulso Ranieri, poi Caicedo sbaglia un rigore

Quando il pareggio sembrava ormai scritto e tutto sommato giusto per quello che si era visto in campo, ecco spuntare la testa del capocannoniere del campionato. Sul cross di Lukuku a un minuto dal termine il centravanti laziale piazza il decimo sigillo del suo campionato e regala alla Lazio tre punti pesantissimi. Dopo un periodo opaco (ultima vittoria vecchia di quasi un mese) la squadra di Inzaghi si rilancia e torna a sognare quella zona Champions che ora dista solo due punti. Cade invece la Fiorentina dopo sette partite utili consecutive. Una sconfitta che la squadra di Montella probabilmente non meritava, anche se rispetto alle ultime brillanti prestazioni stavolta la Viola ha un po’ lasciato a desiderare.

BOTTA E RISPOSTA—   
Il primo tempo scivola via tra ritmi non forsennati e improvvise accelerazioni. Dopo un avvio che vede la Viola più attiva (ci prova Castrovilli dalla distanza) la Lazio prende il controllo delle operazioni grazie al palleggio del suo centrocampo dai piedi buoni. Il 3-5-2 di Inzaghi è più armonico e avvolgente, quello di Montella ha - almeno in questa occasione - il baricentro basso. I biancocelesti tengono palla in attesa dell’imbucata buona che arriva al minuto 22: Luis Alberto avvia benissimo l’azione, poi Immobile pesca Correa che dribbla Dragowski e deposita in rete per l’1-0 degli ospiti. L’arbitro Guida inizialmente annulla per fuorigioco, come già aveva fatto qualche minuto prima su un gol di Immobile, ma stavolta il fuorigioco non c’è (è Pezzella a tenere in gioco l’argentino) e il Var corregge la decisione dell’arbitro. Var che invece non era intervenuto in precedenza per un contatto molto dubbio nell’area dei padroni di casa tra Caceres e Lazzari. Il vantaggio laziale, tutto sommato meritato, dura però solo cinque minuti perché al primo vero affondo la Fiorentina pareggia. I protagonisti sono sempre loro: Ribery che inventa (e a nulla serve la gabbia che provano a costruirgli tre laziali) e Chiesa finalizza. Il botta e risposta rende più guardinghe entrambe le squadre, si arriva così all’intervallo senza sussulti. A parte il guaio fisico che costringe Caceres a uscire. Lo rileva il giovane Ranieri.

IL SALE SULLA CODA—   Il secondo tempo continua sula falsariga di quanto visto nella parte finale del primo. Le due formazioni provano a farsi male, non si accontentano del pareggio, ma cercano la vittoria senza scoprirsi troppo. I due tecnici provano a rimescolare le carte con i cambi. Montella, dopo quello cui è costretto nel primo tempo (Ranieri per Caceres) toglie Lirola per Sottil e poi mette dentro Boteng per Ribery che esce dal campo scuotendo ripetutamente la testa (e poi continua a dissentire anche in panchina). Ma la Viola non trae beneficio dalle forze fresche. Molto più efficaci i cambi di Inzaghi che risponde con Parolo per Milinkovic, Lukaku per Lulic e Caicedo per Correa. Cambi che si rivelano azzeccati perché Parolo dà maggiore equilibrio al centrocampo e Lukaku è decisivo nell’azione che porta al sorpasso della Lazio nel finale. Prima conquista palla su Sottil (con la Fiorentina che protesta a lungo, ma l’arbitro - coadiuvato dal Var - ritiene regolare l’intervento, anche se restano molti dubbi), e poi serve a Immobile la palla che il centravanti deposita in rete di testa quando al 90’ manca un minuto. La Lazio si permette il lusso anche di sbagliare un rigore (fallo di mano di Ranieri su conclusione di Luis Alberto) in pieno recupero con Caicedo che si fa ipnotizzare da Dragowski. Ma ormai la partita è finita.

Vai al forum