Laziomania: Taglio-stipendi Juve, lo sgarbo a Lotito (e tutti ad applaudire) Laziomania: Taglio-stipendi Juve, lo sgarbo a Lotito (e tutti ad applaudire) -> 2 Un favore o uno sgarbo a Lotito? Tutti e due, forse. Sarò un po' (...) ---  
Lazio, squadra in attesa: in settimana altro aggiornamento Lazio, squadra in attesa: in settimana altro aggiornamento -> I biancocelesti di Inzaghi continuano gli allenamenti a casa almeno sino al 3 aprile: il tecnico (...) ---  
Il ricordo di Bob Lovati Il ricordo di Bob Lovati -> Nove anni fa ci lasciavaRoberto 'Bob' Lovati, portiere e bandiera della Prima Squadra della (...) ---  
Lazio, Poborsky compie 48 anni: l'uomo del 5 maggio 2002 Lazio, Poborsky compie 48 anni: l'uomo del 5 maggio 2002 -> Il ceco firmò una doppietta nel 4-2 finale che tolse lo scudetto all'Inter di Cuper all'ultima (...) ---  
Lazio, Lotito non si smuove: vuole soffiare lo Scudetto estivo alla Juve Lazio, Lotito non si smuove: vuole soffiare lo Scudetto estivo alla Juve -> Commenta per primo La Lazio non cambia di una virgola la sua posizione: (...) ---  
LaziAlmanacco di lunedì 30 marzo 2020 LaziAlmanacco di lunedì 30 marzo 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 30 marzo 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in data (...) ---  
#SSLHistory | La Coppa delle Coppe è per sempre biancoceleste! #SSLHistory | La Coppa delle Coppe è per sempre biancoceleste! -> È mercoledì 19 maggio 1999 e al Villa Park di Birmingham la Prima Squadra della Capitale contende (...) ---  
#SSLHistory | Coppa delle Coppe | Real Mallorca-Lazio 1-2, il tabellino #SSLHistory | Coppa delle Coppe | Real Mallorca-Lazio 1-2, il tabellino -> REAL MALLORCA-LAZIO 1-2 Marcatori: 7' Vieri (L), 10' Dani (M), 81' Nedved (L) REAL MALLORCA: (...) ---  
Nicchi: "Ripresa? Non manderemo gli arbitri a rischiare la vita". Nicchi: "Ripresa? Non manderemo gli arbitri a rischiare la vita". -> La ripresa dei campionati, che continua ad essere al centro dei dibattiti, è un argomento (...) ---  
Lazio, Pippo Inzaghi: “Da Simone c’è solo da imparare. Al top in Europa” Lazio, Pippo Inzaghi: “Da Simone c’è solo da imparare. Al top in Europa” -> Il tecnico del Benevento fa i complimenti al fratello: “Mi ha stupito in tutto. E Immobile è il (...) ---  
Correa chiama Vazquez: “Vieni alla Lazio” Correa chiama Vazquez: “Vieni alla Lazio” -> Il Tucu, che si è improvvisato cuoco, ha ricevuto i complimenti del giocatore del Siviglia: “Ti (...) ---  
Serie A, Oddo Serie A, Oddo -> Il dibattito sul prosieguo o meno del campionato di Serie A sta creando forti divisioni. (...) ---  
Zarate:  Zarate: "Un errore lasciare la Lazio da idolo" -> Il giocatore oggi al Boca Juniors, ha ripercorso la sua carriera: "Mi sono pentito. A Firenze (...) ---  
Lazio, la previsione sul taglio di stipendi: ecco il risparmio di Lotito Lazio, la previsione sul taglio di stipendi: ecco il risparmio di Lotito -> La Juve la prima in Italia ad aver trovato un accordo con i propri calciatori. In casa (...) ---  
Lazio, Garlaschelli compie 70 anni: vinse lo scudetto nel '74 Lazio, Garlaschelli compie 70 anni: vinse lo scudetto nel '74 -> Insieme alla "Banda Maestrelli" consegnò al popolo biancoceleste il primo tricolore della storia (...)

Autore Topic: Lazio e Inzaghi, non è più un sogno  (Letto 57 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 20929
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio e Inzaghi, non è più un sogno
« : Lunedì 17 Febbraio 2020, 09:00:07 »
www.corrieredellosport.it




Dopo oltre sei mesi di campionato, lo scudetto non è più una corsa tra Juve e Inter perché il rigore di Immobile e il gioiello di Milinkovic hanno cambiato le gerarchie alle spalle dei bianconeri: adesso è la Lazio che corre dietro a Sarri e Ronaldo, che tra l’altro ha già battuto due volte per 3-1, mentre Conte deve iniziare l’inseguimento e domandarsi, il prima possibile, se stia sbagliando qualche cosa. La prima: perché Eriksen, che è costato solo venti milioni ma che ne vale almeno cento, non deve giocare una partita da scudetto? Appena entrato, ha creato subito due occasioni da gol, come già era accaduto in Coppa Italia contro il Napoli, ma per ora non viene ritenuto pronto per partecipare dall’inizio: Vecino è considerato più affidabile e, senza offesa per l’uruguaiano, viene davvero da sorridere. La seconda: una volta che la Juve ha vinto nel primo pomeriggio contro il Brescia (soffrendo, giocando male come spesso le accade, perdendo Pjanic, ma recuperando Chiellini), perché il tecnico ha preparato la partita dell’Olimpico sacrificando Lautaro su Leiva e non ha affrontato la Lazio sfruttando le qualità dei suoi giocatori migliori? In fondo l’Inter ha speso quasi centocinquanta milioni sul mercato e vale, secondo uno studio fatto dal nostro giornale, centotrenta milioni in più dei suoi rivali, che hanno avuto la forza e il coraggio per ribaltare una partita che stava perdendo. 

 

La Lazio, accompagnata dall’amore di uno stadio intero, ha giocato un’altra partita quasi perfetta, come già aveva fatto contro la Juve in campionato e nella finale di Supercoppa: nessun calcolo, Simone Inzaghi, molto più bravo e audace di Conte, ha insistito con tutti i suoi fuoriclasse senza lucrare sul “chi marca chi”, pensando solo alla fase propositiva, soprattutto dopo lo svantaggio. Luis Alberto, Milinkovic Savic, Immobile, Caicedo (e poi Correa), Marusic, Jony (e poi Lazzari) hanno accerchiato l’Inter, senza paura, risalendo la corrente. A Lukaku e a quel che Conte aveva lasciato di Lautaro, cioè poco e niente, si sono dedicati Luiz Felipe, Acerbi e Radu. Il primo gol italiano di Young, uno dei tre rinforzi pretesi a gennaio dal tecnico interista, non ha piegato la Lazio, che nella ripresa ha iniziato il suo show, conquistando il diciannovesimo risultato utile consecutivo: subito il rigore di Immobile (causato da De Vrij, il fischiatissimo ex che aveva provocato nel maggio del 2018 il rigore da Champions a favore dei nerazzurri), poi il gol di Milinkovic dopo un salvataggio di Brozovic sulla linea. Un doppio colpo durissimo per l’Inter, che chiedendo aiuto a Eriksen e Sanchez non solo non ha recuperato, ma si è anche esposta ai contropiede di Immobile e Correa, vicinissimi al terzo gol in un paio di occasioni. Attenzione, la Lazio era fresca, reduce da una settimana di lavoro perché non ha più le Coppe, mentre l’Inter aveva giocato contro il Napoli: una situazione che non può più essere considerata un dettaglio nella corsa scudetto, considerando che anche la Juve è sempre in corsa su tre fronti. Allenarsi sette giorni per un solo impegno può fare la differenza: il sogno biancoceleste è sempre più bello, dall’Inter del 25 settembre (ultimo ko) all’Inter di ieri, il mondo si è capovolto.

 

Vai al forum