Coronavirus, lo stadio del Borussia Dortmund si trasforma in ospedale Coronavirus, lo stadio del Borussia Dortmund si trasforma in ospedale -> Uno dei templi del calcio tedesco, il Westfalen Stadion (ora soprannominato Signal Iduna (...) ---  
Lazio macchina da gol: negli ultimi 5 anni al top in Serie A Lazio macchina da gol: negli ultimi 5 anni al top in Serie A -> Ah, come gioca questa Lazio. E come segna. Sia quest'anno che nel 2017/18, le due (...) ---  
Lazio, Leiva: “Giusta l’operazione. Tornerò al massimo” Lazio, Leiva: “Giusta l’operazione. Tornerò al massimo” -> Il centrocampista, dopo l’intervento al ginocchio, ha lasciato un messaggio a tutti i tifosi: “A (...) ---  
Auguri Inzaghi, fa 44 anni il tecnico di una Lazio da record Auguri Inzaghi, fa 44 anni il tecnico di una Lazio da record -> Un giorno speciale per l'allenatore biancoceleste, che festeggia in casa con la sua famiglia. (...) ---  
Buon compleanno Simone Inzaghi Buon compleanno Simone Inzaghi -> Simone Inzaghi, allenatore biancoceleste, spegne oggi 44 candeline. Dal Presidente, dalla (...) ---  
#SSLHistory | La Coppa Italia quattro giorni dopo lo Scudetto: double biancoceleste! #SSLHistory | La Coppa Italia quattro giorni dopo lo Scudetto: double biancoceleste! -> È giovedì 18 maggio 2000 e allo stadio Giuseppe Meazza di Milano l’Inter ospita la Prima Squadra (...) ---  
#SSLHistory | Coppa Italia | Inter-Lazio 0-0, il tabellino #SSLHistory | Coppa Italia | Inter-Lazio 0-0, il tabellino -> INTER-LAZIO 0-0 INTER: Peruzzi, Serena (67' Georgatos), Cordoba, Blanc, Domoraud, Zanetti, Di (...) ---  
Lazio, Parolo: “Mi sento laziale. La Coppa Italia il trofeo più bello” Lazio, Parolo: “Mi sento laziale. La Coppa Italia il trofeo più bello” -> Il centrocampista biancoceleste si è raccontato: “Radu nello spogliatoio è il simpatico del (...) ---  
LaziAlmanacco di domenica 05 aprile 2020 LaziAlmanacco di domenica 05 aprile 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 05 aprile 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Scudetto 1915, la Lazio al Genoa: titolo anche nostro, finale mai disputata Scudetto 1915, la Lazio al Genoa: titolo anche nostro, finale mai disputata -> Dopo la presa di posizione degli esperti rossoblù, arriva la replica da parte capitolina ROMA - (...) ---  
Nota della Società su Lucas Leiva Nota della Società su Lucas Leiva -> Si comunica che questa mattina l’atleta Lucas Leiva è stato visitato e trattato dal dott. Ezio (...) ---  
Scudetto 1915, ecco le incongruenze degli storici genoani Scudetto 1915, ecco le incongruenze degli storici genoani -> Cinque anni, e qualcosa in più.È quanto ci hanno impiegato a rispondere, da Genova, alla (...) ---  
LaziAlmanacco di sabato 04 aprile 2020 LaziAlmanacco di sabato 04 aprile 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di sabato 04 aprile 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...)

Autore Topic: Lazio, Rio Ferdinand su Veron: “Ecco perché fu un flop allo United”  (Letto 743 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 20992
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.corrieredellosport.it


Nel 2001 il centrocampista argentino passava alla corte dei Red Devils. L’ex difensore: “Juan fortissimo, ma non esplose mai per colpa di Roy Keane”

ROMA - Lo ha ammesso anche recentemente, Juan Sebastian Veron: “La Lazio è la squadra più forte in cui ho giocato e Eriksson il miglior allenatore mai avuto”. Parole al miele del centrocampista argentino rivolte al suo ex club. A Roma non è mai stato dimenticato. I tifosi biancocelesti pensano ancora a quell’estate del 2001, quando per circa 80 miliardi passa al Manchester United. É la definitiva consacrazione: va alla corte di Sir Alex Ferguson. Ma con i Red Devils non è mai esploso. L’ex difensore Rio Ferdinand, ai taccuini del DailyMail, ha ricordato: “Veron era eccezionale, ancora ricordo un suo gol segnato in allenamento, mai visto nulla di simile: una piccola rabona da metà campo. L’intera squadra si è fermata, siamo rimasti di stucco. Forse Roy Keane lo ha frenato, aveva più personalità. Alla Lazio era un giocatore fondamentale. Da noi Keane voleva sempre la palla e Juan per rispetto eseguiva gli ordini. Ma era un talento straordinario. Senza Keane probabilmente si sarebbe potuto imporsi con la maglia del Manchester United”. Keane, Giggs, Scholes, Butt, Beckham: questi alcuni grandi nomi del centrocampo di quella fantastica squadra. Veron era un diamante tra i diamanti. Dopo due anni è stato venduto al Chelsea, altra avventura sfortunata. Poi l’Inter e il ritorno in Argentina. Ma Veron non ha mai smesso di disegnare calcio, anche con la sola forza del pensiero.


           

Vai al forum