LaziAlmanacco di domenica 29 novembre 2020 LaziAlmanacco di domenica 29 novembre 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 29 novembre 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Gazzetta, altro attacco scomposto: ma la Lazio per ora è l'unica danneggiata Gazzetta, altro attacco scomposto: ma la Lazio per ora è l'unica danneggiata -> Nel giorno in cui Marcelo Brozovic torna a essere "debolmente positivo" al tampone, dopo essere (...) ---  
Lazio, le rivali della Champions: scivolone Borussia Dortmund, il Colonia passa 2-1 Lazio, le rivali della Champions: scivolone Borussia Dortmund, il Colonia passa 2-1 -> Passo falso in Bundesliga per il Borussia Dortmund che mercoledì sera ospiterà la Lazio nella (...) ---  
Lazio, biancocelesti in campo con una maglia celebrativa per Maradona - FT Lazio, biancocelesti in campo con una maglia celebrativa per Maradona - FT -> Anche la Lazio ricorderà Diego Armando Maradona. Nel lunch match di domani contro l'Udinese, i (...) ---  
Inzaghi:"L'addio di Maradona un vuoto enorme. Scudetto? Le potenzialità ci sono. Inzaghi:"L'addio di Maradona un vuoto enorme. Scudetto? Le potenzialità ci sono. -> Il tecnico della Lazio ha parlato in conferenza stampa: "Testa solo all'Udinese, no alla (...) ---  
Lazio-Udinese, Luis Alberto avvisa: “Speriamo di fare gol” Lazio-Udinese, Luis Alberto avvisa: “Speriamo di fare gol” -> Lo spagnolo in mattinata si è divertito a FIFA 21 in diretta su Twitch. E ai tifosi ha risposto (...) ---  
Consiglio di Lega, via libera alla centralizzazione dei tamponi. E sulla bolla... Consiglio di Lega, via libera alla centralizzazione dei tamponi. E sulla bolla... -> Il Consiglio di Lega, preceduto da una riunione di tutti i medici di Serie A, ha accolto solo (...) ---  
Milinkovic e Parolo, una staffetta tra leader: i due pronti ad alternarsi per far volare la Lazio Milinkovic e Parolo, una staffetta tra leader: i due pronti ad alternarsi per far volare la Lazio -> Milinkovic e Parolo, due leader si divideranno il ruolo di interno destro nella sfida di domani (...) ---  
Lazio, ora tocca a Pereira! Il brasiliano prepara i grandi colpi Lazio, ora tocca a Pereira! Il brasiliano prepara i grandi colpi -> Potrebbe toccare nuovamente a lui dal 1' domani pomeriggio. Andreas Pereira si scalda in vista (...) ---  
LaziAlmanacco di sabato 28 novembre 2020 LaziAlmanacco di sabato 28 novembre 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di sabato 28 novembre 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Maradona, l'omaggio definitivo del Vaticano: ecco perché i preti impazziscono per lui Maradona, l'omaggio definitivo del Vaticano: ecco perché i preti impazziscono per lui -> A due giorni dalla scomparsa di Diego Armando Maradonail fuoriclasse argentino riceve un (...) ---  
Massaro (avv. Futura Diagnostica):  Massaro (avv. Futura Diagnostica): "Ciò che sta accadendo riguarda il rapporto tra Lazio e laboratorio" -> Innocenzo Massaro, avvocato della Futura Diagnostica di Avellino, è intervenuto ai microfoni di (...) ---  
Lazio - Udinese, le probabili formazioni: Strakosha può tornare titolare, ok anche Milinkovic Lazio - Udinese, le probabili formazioni: Strakosha può tornare titolare, ok anche Milinkovic -> Giusto il tempo di ricaricare le batterie e la Lazio scenderà di nuovo in campo nel pomeriggio di (...) ---  
Lazio, nuovo infortunio per Lulic  Lazio, nuovo infortunio per Lulic -> Il bosniaco sembrava pronto al rientro contro l'Udinese, ma la caviglia non convince (...) ---  
#TrainingSession | Seduta tattica per la squadra #TrainingSession | Seduta tattica per la squadra -> Allenamento mattutino per la Prima Squadra della Capitale che, quest’oggi, si è ritrovata sul (...)

Autore Topic: Lazio, André Anderson: “Il paragone con Hernanes? Nessun fastidio. Ma voglio scrivere la mia storia”  (Letto 161 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 23637
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.corrieredellosport.it


Il giovane trequartista biancoceleste ha le idee chiare in vista del futuro: “I confronti fanno parte del gioco. Ora voglio trovare spazio e mostrare il mio calcio”

ROMA - Ha voglia di giocarsi le sue chance, André Anderson. L’italo-brasiliano prima dello stop aveva fatto registrare 5 gol in amichevole contro la Primavera. Poi il periodo lontano dal campo senza mai perdere di vista l’obiettivo: guadagnarsi spazio in questa super Lazio. Ai microfoni del portale brasiliano UOL Esporte, ha ricordato l’esordio contro l’Udinese di dicembre scorso: “Le gambe non tremavano, ma posso dire che durante la gara faceva molto freddo. È stato un misto di sentimenti. Non tanto la paura, ma l'ansia per entrare e mostrare il mio calcio. Un anno fa mi allenavo con gli atleti che non sarebbero stati impiegati dal Santos, e una stagione dopo stavo giocando allo stadio Olimpico davanti a 60 mila persone, nella Lazio, con la squadra che stava facendo una grande stagione. Quindi, nel momento in cui mi ha chiamato il tecnico, ho sentito qualcosa che è persino difficile definire in un sentimento specifico. Per me è stato molto importante, e sarà sicuramente un sentimento che non dimenticherò per il resto della mia vita".
“I confronti non mi danno fastidio. Sono contento di essere paragonato ad un giocatore come Hernanes che ha scritto belle storie nel calcio. Nonostante il rispetto, non mi affeziono ai confronti. So che i paragoni fanno parte del calcio. Sono qui per scrivere la mia storia. Non voglio essere una promessa che sarà sempre una promessa. Cerco, rispetto ai miei compagni, il mio spazio e il mio lavoro per realizzare quella promessa. Penso di essermi allenato bene, di aver lavorato duramente e ora, con il ritorno del campionato, credo che avrò più opportunità e quindi sarò in grado di mostrare più del mio calcio”.“Quando lasciamo una cultura che abbiamo vissuto per anni e iniziamo a viverne una completamente diversa, l'adattamento non è semplice. Mio padre mi ha parlato prima di firmare con la Lazio dicendomi una frase che ricordo ancora oggi: 'Devi adattarti all'Italia. Non l'Italia a te’. È solo questo. Non mi sono ancora adattato al 100%, ma ho cercato di imparare quotidianamente cultura, questioni sociali... All'inizio è stato molto difficile. Ti trovi di fronte a uno scenario totalmente diverso. Sono arrivato qui molto giovane, immaturo e solo. Mia moglie è venuta a vivere qui solo dopo. È stato uno shock. Sono cresciuto in un certo senso e ho dovuto vivere qui in un modo completamente diverso. L’italiano? Riesco a capire più che parlare. Ho imparato a dire alcune cose, ma non tutto. Ma Inzaghi è un insegnante che cerca sempre di essere informato sulle condizioni dell'atleta. Questo dà tranquillità e, come me, penso che tutto il gruppo sia molto felice di vedere un allenatore che si prende cura dei propri calciatori, che è sempre dalla nostra parte”.

Vai al forum