LaziAlmanacco di giovedì 06 agosto 2020 LaziAlmanacco di giovedì 06 agosto 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 06 agosto 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Budoni: "Occorre mantenere esperienza aggiungendo qualità e gioventù" Budoni: "Occorre mantenere esperienza aggiungendo qualità e gioventù" -> Riccardo Budoni, ex portiere biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 (...) ---  
Poli: "Fiorini era un riferimento per i giovani" Poli: "Fiorini era un riferimento per i giovani" -> Ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky, è intervenuto l’ex attaccante biancoceleste Fabio (...) ---  
Magnocavallo: "Fiorini in area di rigore era fortissimo, un grandissimo giocatore" Magnocavallo: "Fiorini in area di rigore era fortissimo, un grandissimo giocatore" -> Giorgio Magnocavallo, ex difensore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, (...) ---  
La Lazio Women inizia la preparazione alla stagione con quattro nuovi volti La Lazio Women inizia la preparazione alla stagione con quattro nuovi volti -> Un poker per dare l'assalto alla promozione. La Lazio Women ha iniziato ieri la preparazione al (...) ---  
Lazio, quindici anni fa la scomparsa di Fiorini: il bomber mai dimenticato Lazio, quindici anni fa la scomparsa di Fiorini: il bomber mai dimenticato -> In casa biancoceleste si entra nella storia non solo per i record: Giuliano segnò nel 1987 uno dei (...) ---  
Lazio, la calda estate di Inzaghi: presto papà, poi il rinnovo Lazio, la calda estate di Inzaghi: presto papà, poi il rinnovo -> Il tecnico biancoceleste è rimasto a Roma, lunedì diventerà padre per la terza volta. Aspetta una (...) ---  
Questa sera l'ultima puntata stagionale di "Lazio Play" Questa sera l'ultima puntata stagionale di "Lazio Play" -> Torna “Lazio Play”, lo fa er l'ultima volta in questa stagione. Il format targato Lazio Style (...) ---  
Il ricordo di Giuliano Fiorini Il ricordo di Giuliano Fiorini -> Quindici anni fa ci lasciava Giuliano Fiorini, attaccante della Prima Squadra della Capitale per (...) ---  
David Silva, la Lazio spera. Fares è in chiusura David Silva, la Lazio spera. Fares è in chiusura -> Tra oggi e domani l’asso del Manchester City può dire sì alla società biancoceleste ROMA - Fares (...) ---  
Altro che Dybala, è stato Immobile il miglior giocatore della serie A Altro che Dybala, è stato Immobile il miglior giocatore della serie A -> Nessuno può mettere in dubbio il valore di Dybala, uno dei più grandi fuoriclasse del calcio (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 05 agosto 2020 LaziAlmanacco di mercoledì 05 agosto 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 05 agosto 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, tutti in vacanza: ecco le mete scelte da Immobile e compagni Lazio, tutti in vacanza: ecco le mete scelte da Immobile e compagni -> Il bomber biancoceleste ha optato per Ischia e il Golfo di Napoli insieme alla famiglia. Ferie in (...) ---  
Player of the Season | Vota il tuo migliore! Player of the Season | Vota il tuo migliore! -> La Prima Squadra della Capitale ha chiuso questa stagione al quarto posto in Serie A con 78 punti: (...) ---  
Ciro Immobile miglior attaccante della stagione per la Lega Serie A Ciro Immobile miglior attaccante della stagione per la Lega Serie A -> Un'altra vittoria per Immobile. Ciro ha chiuso la stagione con 36 gol, conquistando la Scarpa (...)

Autore Topic: Costacurta: "Acerbi potrebbe giocare in qualsiasi squadra europea"  (Letto 49 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 22354
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.sslazio.it

Alessandro Costacurta, ex difensore ed attuale opinionista televisivo, è intervenuto ad Agenzia Biancoceleste.

Lo stop non ha fermato la corsa della Lazio: merito anche dell'entusiasmo?
"Non solo. La squadra di Inzaghi ha acquisito anche una grande consapevolezza, tutti i calciatori sono rimasti sul pezzo. La prima mezz'ora contro l'Atalanta è stata incredibile, Immobile e compagni hanno avuto solamente la sfortuna di incontrare la squadra più in forma di tutte, che aveva sulle gambe anche una partita in più".

Domani mancheranno Caicedo ed Immobile ti aspetti qualche mossa a sorpresa di Inzaghi?
"Non ci sono molte possibilità, avanzare Milinkovic potrebbe essere una buona soluzione. Sergej ha fisico e tecnica, sarebbe un'ottima carta da giocare. La difesa del Milan ha dimostrato di essere affidabile contro gli attacchi che concedono punti di riferimento, mentre potrebbe andare in difficoltà non avendoli".

Dall'attacco alla difesa, Acerbi è un altro giocatore rispetto a quello che giocava nel Milan.
"Non mi ha sorpreso, lo stimo molto. Ai tempi in rossonero era un po' presuntuoso, poi la brutta malattia che ha avuto lo ha fatto maturare, regalandogli una svolta. Adesso è uno dei migliori difensori del campionato e potrebbe giocare in qualsiasi squadra italiana ed europea".

In passato, commentando le crescite di Luis Alberto e Milinkovic, hai paragonato Inzaghi ad Ancelotti: noti ancora analogie tra i due? 
"Assolutamente sì. La Lazio gioca bene e con ritmi importanti. Simone potrebbe diventare il successore di Carlo, il primo ad inventare un centrocampo di qualità. Lui arretrò Pirlo e fece esplodere Kakà, che senza Ancelotti sarebbe sì diventato un grande calciatore ma non quanto quello ammirato a Milano. Inzaghi ha fatto lo stesso con Luis Alberto e Milinkovic, cambiando in meglio le loro carriere".

Dalla Lazio al Milan, quali sono le certezze da cui i rossoneri possono ripartire per il prossimo anno?
"Il Milan ha alcuni nomi importanti come Theo Hernandez e Bennacer che hanno dimostrato di saper reggere la pressione di San Siro. Altri invece non hanno dimostrato di avere quella personalità che richiede una maglia importante come quella rossonera".

Qual è il Lazio-Milan a cui sei più legato?
"Ce ne sono tanti. Quando giocavo contro la Lazio erano sempre sfide tra amici: mi vengono in mente Signori, Boksic, Nesta, Negro e Favalli, solo per citarne alcuni. Ce ne davamo tante però (ride, ndr) perché nessuno voleva perdere. Forse la partita più emozionante contro i biancocelesti fu quando - nel 2004 - espugnammo l'Olimpico grazie ad un gol di Ambrosini, lì capimmo che avremmo vinto lo scudetto".

In chiusura: dal campo al ruolo fisso di opinionista, un ruolo dove ormai sei a casa.
"Mi piace raccontare il calcio, grazie anche della grande famiglia che ho trovato a Sky. Iniziai in panchina a Mantova, ma capii subito che non faceva per me. Amo vivere questo meraviglioso sport in modo distaccato, come se fossi a teatro. Sono sempre stato più razionale che emotivo e questo mi ha sicuramente aiutato molto".

Vai al forum