Lazio, Caicedo va in Qatar. Tare lavora sul sostituto Lazio, Caicedo va in Qatar. Tare lavora sul sostituto -> Il Panterone ha detto sì all’Al Gharafa, si punta a chiudere nel giro di pochi giorni. Poi (...) ---  
Immobile esclusivo Immobile esclusivo -> La Scarpa d’oro della maturità: Ciro parla di tutto e tutti senza sbagliare un colpo. «Io davanti (...) ---  
LaziAlmanacco di martedì 11 agosto 2020 LaziAlmanacco di martedì 11 agosto 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di martedì 11 agosto 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, David Silva sempre vicinissimo: le ultime sulla trattativa Lazio, David Silva sempre vicinissimo: le ultime sulla trattativa -> C’è attesa per la firma dello spagnolo. L’annuncio potrebbe arrivare comunque a Champions (...) ---  
Lazio Style 1900 Official Magazine Lazio Style 1900 Official Magazine -> È in edicola il nuovo numero di Lazio Style 1900 Official Magazine. In primo piano la chiusura di (...) ---  
Lazio, Tare e il mercato dalla spiaggia: telefono sempre acceso sotto l’ombrellone Lazio, Tare e il mercato dalla spiaggia: telefono sempre acceso sotto l’ombrellone -> Il ds biancoceleste si gode il mare albanese: auricolare all’orecchio e le trattative vanno avanti (...) ---  
“Gli occhi dell’Arsenal su Luiz Felipe” “Gli occhi dell’Arsenal su Luiz Felipe” -> In Inghilterra il Daily Star mette i Gunners sul centrale della Lazio. Piace anche al Barcellona, (...) ---  
LaziAlmanacco di lunedì 10 agosto 2020 LaziAlmanacco di lunedì 10 agosto 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 10 agosto 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Pirlo alla Juve mette al riparo la Lazio: Inzaghi resta e rinnova. Da Mayoral a Silva, Lotito ora lo Pirlo alla Juve mette al riparo la Lazio: Inzaghi resta e rinnova. Da Mayoral a Silva, Lotito ora lo -> La grande paura è passata: i tifosi della Lazio hanno seriamente temuto di perdere il proprio (...) ---  
Player of the Season | Vince Ciro Immobile Player of the Season | Vince Ciro Immobile -> Le finaesitole ha avuto il suoe Ciro Immobile si sfideranno per il premio di ‘Player of the (...) ---  
Lazio, quanti biancocelesti ad Ibiza! Luis Alberto l’ultimo arrivato Lazio, quanti biancocelesti ad Ibiza! Luis Alberto l’ultimo arrivato -> Vacanza in comitiva per Luiz Felipe, Correa e Leiva. E da ieri si è aggiunto anche il Mago (...) ---  
“La Lazio segue Joshua King del Bournemouth” “La Lazio segue Joshua King del Bournemouth” -> Il The Sun mette anche i biancocelesti in fila per la punta norvegese. Ma la concorrenza è (...) ---  
LaziAlmanacco di domenica 09 agosto 2020 LaziAlmanacco di domenica 09 agosto 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 09 agosto 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, fiocco azzurro in casa Inzaghi: è nato il piccolo Andrea Lazio, fiocco azzurro in casa Inzaghi: è nato il piccolo Andrea -> Il tecnico biancoceleste è papà per la terza volta: la moglie Gaia ha partorito oggi in una (...) ---  
Juve, contatti con Inzaghi: rinnovo con la Lazio in stand-by, ma Lotito vuole dare un segnale forte  Juve, contatti con Inzaghi: rinnovo con la Lazio in stand-by, ma Lotito vuole dare un segnale forte -> Riecco Simone Inzaghi. A un anno di distanza e dopo l'esonero ufficiale di Maurizio Sarri, si (...)

Autore Topic: Minala  (Letto 67 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 22393
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Minala
« : Mercoledì 29 Luglio 2020, 19:01:28 »
www.corrieredellosport.it


L'ex attaccante della Lazio, pronto alla sua avventura in Cina allo Qingdao Huanghai, racconta la sua carriera in un'intervista al Corriere dello Sport-Stadio

Chiuso in hotel, senza uscire per un'altra settimana. I suoi sogni no, non sono in quarantena. Perché avere timori? D'altronde, prima che scoppiasse la pandemia in Italia aveva già deciso di sfidare il coronavirus in trasferta. Joseph Marie Minala ha aspettato 5 mesi per raggiungere la Cina, ci è riuscito pochi giorni fa: a fine febbraio aveva firmato per il Qingdao Huanghai, club della Super League. Prestito fino al 31 dicembre, un anno dimezzato dal Covid. L'obiettivo rimane lo stesso: trovare continuità e convincere la Lazio a puntare su di lui. Prima o poi... 

 Minala, finalmente in Cina. 

«Una bella sfida. Sono arrivato a Shanghai il 23 luglio. Ora sono chiuso in hotel in quarantena, il club mi ha messo a disposizione l’occorrente per tenermi in forma. Potrò uscire di qui e raggiungere la squadra il 6 agosto, spero in tempo per la quarta giornata di campionato».  

 La Super League è iniziata da pochi giorni. 

«Due gironi da otto. Per ora è come se fosse un mondiale, sono state scelte due città per la fase iniziale. Le partite del nostro raggruppamento si giocano a Suzhou, poi a novembre e a dicembre ci saranno i play off per il titolo». 

 Ha mai avuto un ripensamento? 

«Ho dovuto completare le pratiche burocratiche e aspettare per partire. Non ho mai avuto timori, non mi sono mai fermato allenandomi con un preparatore atletico. È una bella opportunità, avevo bisogno di giocare. Nessuno poteva prevedere la sospensione della Serie A…».  
Non pensa al “caso” di Djavan Anderson? Da fuori rosa a titolare contro Juventus e Verona. 


«Sono contento per lui, ci trovavamo nella stessa situazione a inizio anno. Ho giocato qualche partita con la Primavera, poi a gennaio sono stato aggregato alla prima squadra. Probabilmente sì, dopo il lockdown avrei potuto dare anche io il mio contributo. A centrocampo ci sono stati tanti infortuni».  


 
Perché la Cina?  


«Volevo mettermi in gioco, avevo diverse offerte dalla Serie B, le ho rifiutate. Non volevo sminuire le proposte, anzi ringrazio tutti i club, compresa la Salernitana. Però penso di aver fatto sempre bene in prestito e poter giocare a livelli più alti. Voglio conquistare la Nazionale e convincere la Lazio a puntare su di me in futuro, oltre la scadenza del contratto». 


 
Non ha avuto un po' di paura? 


«Mi dispiace solo essere qui da solo. Per venire in Cina devono esserci degli interessi di lavoro. Viviana, la mia fidanzata, non ha potuto accompagnarmi in questa esperienza. La ringrazio, mi ha sempre sostenuto, siamo molto legati. Ma paura no, perché dovrei averne? Faccio un mestiere in cui i controlli sono costanti. Ho fatto gli esami prima di partire, due test del tampone, tutti negativi grazie a Dio. Poi gli esami del sangue, ora devo informare della mia temperatura due volte al giorno. Il 6 agosto farò di nuovo il tampone così come quando mi unirò al gruppo. Più sotto controllo di così è impossibile...». 


 
Ha studiato il campionato cinese?  


«Qualcuno pensa che non sia all’altezza, non è così. Ci sono grandi giocatori: da Hamsik a Hulk, passando per Oscar, Miranda, Eder e Fellaini. Ho chiesto consigli a Paolo Cannavaro ed El Shaarawy. Ho sentito il bisogno di mettermi in gioco, di confrontarmi con un mondo diverso. Sono convinto della scelta, ci sono grandi stadi. E a gennaio prossimo tornerò alla Lazio cresciuto, più maturo e con un'altra mentalità. Voglio guadagnare cultura e ampliare le conoscenze. Magari un giorno a Formello avranno bisogno di me».  


 
Si aspettava di avere più opportunità?  


«Ho debuttato in A nel 2014 con Reja, Bollini suo vice. Poi in prestito mi sono sempre fatto valere. Quest'anno ho avuto la soddisfazione dell’esordio stagionale in Coppa Italia (contro la Cremonese), però ho il contratto in scadenza a giugno 2021. Senza il Covid sarebbe stato difficile avere spazio. A gennaio prossimo ci sarebbe stata anche la Coppa d’Africa, purtroppo è stata posticipata al 2022. Ma il pensiero resta lo stesso: voglio conquistare il Camerun, è il mio sogno fin da bambino».  Come arriva alla Lazio?  


«Sono stato in diversi club, tra questi l’Inter e l’Udinese. Ma il primo provino è stato il Napoli: Raiola venne alla casa famiglia, all’improvviso mi ritrovai ad allenarmi con Cavani e Lavezzi, Mazzarri come tecnico. Ero incredulo. Si parlava molto di me, con la casa famiglia disputavamo un campionato regionale, ma eravamo fuori classifica. La gente cominciava a notarmi. Si presentarono delle persone, mi fecero delle proposte. All’inizio dissi di no, poi mi convinsero e ottenni un permesso speciale. Alla Lazio sono arrivato dopo una buona annata alla Vigor Perconti».  


 
Si è parlato spesso della sua età, molti non credono sia un classe 1996. Le battute e i commenti l’hanno ferita? 


«Chi mi seguiva in quegli anni non mi ha protetto bene. Pensavo fosse una polemica banale, ero senza i miei genitori. Non è stato facile, avevo persone sbagliate intorno a me. In principio non ci facevo troppo caso, poi ho capito che avrei dovuto stare più sul pezzo ed essere tutelato meglio. Le chiacchiere hanno influito sulla mia carriera, tante squadre credo siano state influenzate».


Vai al forum