UFFICIALE: la Uefa cancella la regola del gol in trasferta. Era in vigore dal 1965, Ceferin: 'Inadat UFFICIALE: la Uefa cancella la regola del gol in trasferta. Era in vigore dal 1965, Ceferin: 'Inadat -> Svolta epocale per la Uefa che cambia il calcio come l'abbiamo conosciuto negli ultimi 56 (...) ---  
Lazio, Sarri prepara il ritiro ad Auronzo: il programma  Lazio, Sarri prepara il ritiro ad Auronzo: il programma -> Il nuovo allenatore biancoceleste ha le idee chiare: cambiomodulo e allenamentiintensi. Nei (...) ---  
Lazio, i compagni della Primavera ricordano Guerini: “Tre mesi senza te” - FOTO Lazio, i compagni della Primavera ricordano Guerini: “Tre mesi senza te” - FOTO -> Sono passati già tre mesi da quel maledetto 24 marzo 2021. Quella sera Daniel Guerini, giovane (...) ---  
Salernitana, sono le ore decisive: da Radrizzani e il fondo arabo al trust, tutte le possibili soluz Salernitana, sono le ore decisive: da Radrizzani e il fondo arabo al trust, tutte le possibili soluz -> Le ore decisive. Si avvicina sempre di più l'ora del gong, il momento della verità per il (...) ---  
Lazio, sono 9 i giocatori di rientro dalla Salernitana: quale futuro per loro? Lazio, sono 9 i giocatori di rientro dalla Salernitana: quale futuro per loro? -> RASSEGNA STAMPA - Giorni decisivi per la Salernitana che entro domani dovrà risolvere la questione (...) ---  
LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 24 giugno 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
PRIMAVERA - Play-out decisivi, la Lazio si salva se... PRIMAVERA - Play-out decisivi, la Lazio si salva se... -> Termina in parità la prima sfida fra Lazio e Bologna Primavera, andata dei play-out salvezza. Il (...) ---  
PRIMAVERA - Lazio, play-out atto primo: Bologna sovrastato ma finisce in parità PRIMAVERA - Lazio, play-out atto primo: Bologna sovrastato ma finisce in parità -> Play-out atto primo: una buona Lazio contro un Bologna attendista e fortunato. I biancocelesti (...) ---  
Laziomania: le paure irrazionali su Sarri Laziomania: le paure irrazionali su Sarri -> di Luca Capriotti Su Sarri nelle ultime ore a Roma si respirano paure irrazionali. A fine giugno, (...) ---  
Ritiro Auronzo, Lacché:  Ritiro Auronzo, Lacché: "Amichevoli alle 18:30, ecco quando..." -> Poco più di due settimane alla partenza della Lazio alla volta di Auronzo di Cadore per il (...) ---  
Serie A 20/21, riaprono gli stadi: ecco quanti spettatori può ospitare l'Olimpico Serie A 20/21, riaprono gli stadi: ecco quanti spettatori può ospitare l'Olimpico -> La Serie A 2021/22 partirà con almeno il 25% dei tifosi sugli spalti.  In Serie (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 23 giugno 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Contratti brevi e nuove formule, ecco come cambia il mercato post Covid: Calhanoglu apripista Contratti brevi e nuove formule, ecco come cambia il mercato post Covid: Calhanoglu apripista -> No money no party. Il calciomercato ai tempi della pandemia è la somma di tante componenti: (...) ---  
Calciomercato, dall'Inghilterra: "Torreira verso la Lazio" Calciomercato, dall'Inghilterra: "Torreira verso la Lazio" -> La Lazio sonda il mercato alla ricerca di profili che possano sposarsi con l'idea di calcio (...) ---  
Sarri incontra Guccini: che cena fra musica e Ronaldo!  Sarri incontra Guccini: che cena fra musica e Ronaldo! -> Una cena speciale. Marino Bartoletti, storico giornalista, ha invitato a casa sua Francesco (...)

Autore Topic: Immobile esclusivo  (Letto 230 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 25709
  • Karma: +9/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Immobile esclusivo
« : Martedì 11 Agosto 2020, 09:01:44 »
www.corrieredellosport.it


La Scarpa d’oro della maturità: Ciro parla di tutto e tutti senza sbagliare un colpo. «Io davanti a Ronaldo e Lewandowski, bellissima sensazione. Messi, Cristiano, Suarez: l’elenco dei vincitori mi riempie d’orgoglio».

Ciro Immobile è più sorprendente dei suoi trentasei gol. Ha finalmente se stesso in pugno, è un uomo consapevole, maturo, risolto. Affronta tutti i temi, risponde a ogni domanda senza la minima incertezza, non ha paura di sbagliare porta. Il non detto non lo contempla. Alcune valutazioni prendono forma con grazia e inattesa profondità. L’inflessione napoletana, che i rapidi passaggi da Dortmund e Siviglia e i quattro anni alla Lazio non hanno neppure sfiorato, aggiunge e non toglie, fa simpatia immediata. La Scarpa d’oro è una vertigine e un’impennata. «Pazzesco, io davanti a Ronaldo e Lewandowski, se rileggo l’albo d’oro al contrario quasi non ci credo: Messi Messi Suàrez Ronaldo Ronaldo Messi Messi Ronaldo Messi».
Nessun rimpianto per i rigori lasciati ai compagni? Un altro gol e saresti entrato da solo nella storia del calcio italiano.
«No, nessuno. Ho fatto quello che andava fatto. Se non mi fossi comportato così non avrei raggiunto la cifra record. Lo spogliatoio, i suoi equilibri prevalgono sul resto. Sono fili sottilissimi e non devono essere mai spezzati. Il calcio è un gioco collettivo, nel corso di una stagione sono tanti i momenti in cui si ha bisogno dei compagni, del passaggio in più, del pallone servito nel punto giusto e al momento giusto. Il buon gruppo ha un’ottima memoria». Alla soddisfazione personale si accompagna però la delusione di squadra: avete sprecato un’occasione probabilmente irripetibile.
«Ne siamo consapevoli, prima del lockdown eravamo a un solo punto dalla Juve e, soprattutto, mentalmente a mille. Le partite le vincevamo prima ancora di giocarle. La sospensione ci ha danneggiato, è stata gestita male, pur se abbiamo tentato di fare le cose al meglio». In effetti, a differenza della Juve e dell’Inter, siete sempre stati sul pezzo, bloccati a Roma.
«Per qualcuno non è stato un bene, ammetto di averlo pensato. In particolare per gli stranieri: tre mesi lontani dalle famiglie, per combattere la solitudine condividevano il tempo, gli spazi, ma non è la stessa cosa. La nostra ripartenza è stata pessima, la partita che ha provocato i guasti maggiori, quella di Bergamo. L’abbiamo persa nonostante il doppio vantaggio, ci siamo ritrovati con un pugno di mosche in mano. È stata vissuta come la chiusura del ciclo più brillante che era cominciato proprio con la rimonta sull’Atalanta, il 3 a 3 della svolta».Quella delle accuse di Gasperini. Ti diede del simulatore.
«L’ennesima cazzata su di me. Due rigori netti. Gasperini deve avercela con la Lazio, noi giocatori ce lo siamo detti tante volte: vincendo puoi andare a tre punti dalla Juve eppure dichiari che l’unica cosa che ti interessa è finire davanti a noi. La Lazio non gli piace proprio. Penso che non gli sia ancora andata giù la sconfitta nella finale di coppa Italia».Sei a un passo dal rinnovo.
«Sto aspettando che mi chiamino. Ho intenzione di legarmi per sempre alla Lazio».


Vai al forum