Serie B | Vicenza-Lazio Women 0-1, il tabellino Serie B | Vicenza-Lazio Women 0-1, il tabellino -> La Lazio non si ferma più. Le biancocelesti di Morace espugnano di misura il campo del Vicenza (...) ---  
Lazio, Acerbi: 'Derby giocato da infortunato, domani la risonanza' Lazio, Acerbi: 'Derby giocato da infortunato, domani la risonanza' -> Francesco Acerbiieri è stato espulso nel derby: salterà per squalifica il recupero col Torino ma è (...) ---  
Roma - Lazio, i numeri del match: i biancocelesti creano e distruggono Roma - Lazio, i numeri del match: i biancocelesti creano e distruggono -> La Lazio crea e (si) distrugge. Il derby con la Roma è stato perso dai biancocelesti dal momento (...) ---  
LaziAlmanacco di domenica 16 maggio 2021 LaziAlmanacco di domenica 16 maggio 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 16 maggio 2021 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
#RomaLazio | Post partita, Leiva: "Perdere un derby non è mai bello" #RomaLazio | Post partita, Leiva: "Perdere un derby non è mai bello" -> Nel post partita di Roma-Lazio, il centrocampista biancoceleste Lucas Leiva è intervenuto ai (...) ---  
#RomaLazio | Conferenza stampa, Inzaghi: "È l'unico rammarico della stagione" #RomaLazio | Conferenza stampa, Inzaghi: "È l'unico rammarico della stagione" -> Queste le dichiarazioni rilasciate da Mister Simone Inzaghi in conferenza stampa nel post gara. (...) ---  
#RomaLazio | Post partita, Inzaghi: "Dovevamo reagire dopo il primo gol subito" #RomaLazio | Post partita, Inzaghi: "Dovevamo reagire dopo il primo gol subito" -> Al termine di Roma-Lazio, mister Simone Inzaghi ha analizzato la gara ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
MOVIOLA - Roma - Lazio: discutibile Pairetto, ma le scelte non incidono MOVIOLA - Roma - Lazio: discutibile Pairetto, ma le scelte non incidono -> Termina con una sconfitta per la Lazio il primo incrocio con Luca Pairetto in una stracittadina. (...) ---  
Roma-Lazio 2-0: Mkhitaryan e Pedro, Inzaghi fuori dalla Champions  Roma-Lazio 2-0: Mkhitaryan e Pedro, Inzaghi fuori dalla Champions -> I gol dell'armeno (propiziato da un grande Dzeko) e dello spagnolo escludono la Lazio dalle (...) ---  
Lazio, Tare sul rinnovo di Inzaghi:  Lazio, Tare sul rinnovo di Inzaghi: "A fine stagione ne parleremo, sono ottimista" -> Tutto pronto per il derby della Capitale, gara valida per la 37ª giornata di Serie A. A pochi (...) ---  
Serie A TIM | Roma-Lazio, i convocati biancocelesti Serie A TIM | Roma-Lazio, i convocati biancocelesti -> www.sslazio.it Il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha diramato la lista dei convocati in vista (...) ---  
Serie A TIM | Roma-Lazio, i convocati di Fonseca Serie A TIM | Roma-Lazio, i convocati di Fonseca -> L'allenatore della Roma Paulo Fonseca ha diramato l'elenco dei calciatori giallorossi convocati (...) ---  
Lazio Women, Morace:  Lazio Women, Morace: "Ecco cosa tatticamente prima non andava" -> Da quando Carolina Morace si è seduta sulla panchina della Lazio Women le cose sono visibilmente (...) ---  
Roma - Lazio, senatori e debuttanti: ecco i volti nuovi della stracittadina Roma - Lazio, senatori e debuttanti: ecco i volti nuovi della stracittadina -> LAZIO ROMA - Il derby di Roma ritrova uno dei suoi protagonisti dal primo minuto. Se all'andata (...) ---  
Roma - Lazio, la doppia vittoria manca dal 2012: Immobile insegue Piola e Rocchi Roma - Lazio, la doppia vittoria manca dal 2012: Immobile insegue Piola e Rocchi -> Il derby della Capitale, si sa, è una partita speciale sempre, a prescindere dalla posta in palio. (...)

Autore Topic: Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato  (Letto 392 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline MCM

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 17285
  • Karma: +201/-199
    • Mostra profilo
Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« : Mercoledì 21 Aprile 2021, 14:30:01 »
L'ultimo giapponese nella foresta 20 anni dopo la fine della guerra.

Grandissimo somaretto.

Offline Karmilla

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1661
  • Karma: +83/-0
  • Sesso: Femmina
  • "La mia ragazza è laziopatica" (cit.)
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #1 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 14:31:25 »
Il parente scemo che si balocca col calcio perché nelle vere aziende di famiglia non deve metterci neanche la punta del naso.

Come Massimo Moratti. Con la non trascurabile differenza che MM aveva un cuore.
Citazione da: franz_kappa
Karmilla non è donna di cultura, ahinoi ;-)

Offline Karmilla

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1661
  • Karma: +83/-0
  • Sesso: Femmina
  • "La mia ragazza è laziopatica" (cit.)
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #2 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 14:38:10 »
L'intervista concessa a Repubblica è dietro PayWall, ma questa al Corsport va letta.

Come si fa a fare una figura così?

Come?
Citazione da: franz_kappa
Karmilla non è donna di cultura, ahinoi ;-)

Offline Frusta

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 6908
  • Karma: +241/-18
  • Orgoglio biancoceleste
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #3 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 14:45:24 »
Du' dita de fronte e sopracciglio alla Spartaco Ditri*
 8) Poi dice che Lombroso non aveva ragione.

*Questa è solo per chi da ragazzino vedeva il musichere
Il tifoso è un ablativo assoluto, o un genitivo alla greca. In pratica una determinazione collaterale avverbiale dell’azione principale. L' allenatore no.

Offline Gasco luis veron

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 7311
  • Karma: +91/-1
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #4 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 14:51:33 »
L' esempio di Moratti e' perfetto: cosi' come la precisazione perche' almeno Moratti aveva un cuore.


Offline Breizh

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 5489
  • Karma: +261/-5
  • Sesso: Maschio
  • "Simpatizzante???"
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #5 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 16:52:02 »
Grandissimo somaretto.
L'asino (volgarmente detto somaro) è un animale tutt'altro che stupido; gli agnelli, non lo so...

Offline aquilavecchia

  • Celestino
  • ****
  • Post: 411
  • Karma: +18/-0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #6 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 17:04:55 »
Gli agnelli maschi da grandi diventano arieti, con tanto di corna.
Meglio non cercare troppo: si potrebbe trovare quello che si cerca e potrebbe non piacere.

Offline Frusta

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 6908
  • Karma: +241/-18
  • Orgoglio biancoceleste
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #7 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 18:22:17 »
...Moratti aveva un cuore.
Caro Gasco diciamo che in alcune occasioni dimenticava di averlo. Quando contattava i nostri giocatori sotto contratto per poi sfilarceli gratis, per esempio, o quando la sua squadra svicolò prima per inspiegabili omissioni e poi per decorrenza di termini dal crucifige che toccò per molto meno anche a noi, o quando cannibalizzo' tutto il cannibalizzabile per rimpolpare la sua squadra ostentando senza il minimo pudore il più farlocco degli scudetti di cartone. Vabbè va'  :D dimenticanzie de corazon.
Il tifoso è un ablativo assoluto, o un genitivo alla greca. In pratica una determinazione collaterale avverbiale dell’azione principale. L' allenatore no.

Offline Il frigorifero

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 8581
  • Karma: +178/-6
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #8 : Mercoledì 21 Aprile 2021, 20:05:14 »
Ma la foto nell’articolo è obbligatorio metterla ?

È parecchio antiestetico, così il giornale perde appeal !
"E' NORMALE BATTERE LA ROMA...."  - Senad Lulic  26 - 5 -2013

Offline SAV

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 10135
  • Karma: +259/-7
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #9 : Giovedì 22 Aprile 2021, 15:32:19 »
Ecco l'intervista a La Repubblica (al direttore del giornale, nominato appunto dalla famiglia Agnelli) che avete citato...

Andrea Agnelli: "La Superlega per coinvolgere i giovani, la competizione è con Fortnite e Call of duty"
21 APRILE 2021
Il numero 1 della Juventus, vicepresidente e fondatore della nuova lega europea, svela i programmi dei club ribelli ma non chiude alle istituzioni: "Se ci fanno una proposta, valuteremo"
DI MAURIZIO MOLINARI

«Fra i nostri club c’è un patto di sangue, il progetto della Superleague ha il 100 per cento di possibilità di successo, andiamo avanti». Andrea Agnelli, presidente della Juventus, ci parla prima di partecipare ad una riunione digitale notturna fra i soci fondatori della Superlega con in agenda lo scenario della sfida con l’Uefa e quanto sta avvenendo in Gran Bretagna, dove si sono ritirate le sei squadre inglesi . La situazione è tesa perché in gioco c’è non solo la sfida alla Uefa ma la credibilità dei più grandi club del Continente, Juventus inclusa.

Presidente Agnelli, la Superlega perde pezzi, il progetto rischia di affondare?
«Fra i nostri club c’è un patto di sangue, andiamo avanti».

Ritiene che il progetto possa ancora avere successo?
«Sì, ha il cento per cento di possibilità di successo».

La vulnerabilità della Superlega è nell’essere accusata di rappresentare un progetto elitario che snatura il calcio europeo trasformandolo da sport popolare in un club per ricchi. È questo ciò che volete fare?
«No. Vogliamo creare la competizione più bella al mondo capace di portare benefici all’intera piramide del calcio, aumentando la distribuzione delle risorse agli altri club e rimanendo aperta con cinque posti disponibili ogni anno per gli altri da definire attraverso il dialogo con le istituzioni del calcio».

Ma una simile competizione non è una minaccia mortale per i campionati nazionali?
«Nessuna minaccia, c’è piena volontà di continuare a partecipare a campionato e coppe nazionali».

Come è possibile che tre squadre italiane della Superlega, prendendo ogni anno un bonus di 350 milioni, non alterino l’equilibrio della Serie A a cui partecipano?
«Il bonus di 350 milioni l’anno è falso. Noi rimaniamo nelle competizioni domestiche, andremo a giocare in ogni stadio d’Italia, di Spagna e d’Inghilterra. Il nostro lavoro resterà intrinsecamente legato alle competizioni domestiche».

Il modello Nba negli Stati Uniti si alimenta grazie alle squadre dei college. Che legame avrete con le squadre giovanili, locali?
«L’alimentazione dei settori giovanili viene mantenuta. Ogni settimana daremo ai tifosi le partite dei campionati nazionali e di una nuova competizione, capace di avvicinare le generazioni più giovani che si stanno allontanando dal calcio».

Perché ritiene che la Superlega andrà incontro alle preferenze dei più giovani?
«I più giovani vogliono vedere i grandi eventi e sono meno legati agli elementi di campanilismo che hanno segnato le generazioni precedenti, compresa la mia. Un terzo dei tifosi mondiali segue due club che sono tra i fondatori della Superleague, il 10 per cento segue i grandi giocatori e non i club, due terzi seguono il calcio più per "il timore di perdere qualcosa" che non per altro, e il dato più allarmante è che il 40% per cento di coloro che hanno fra i 16 e 24 anni non ha interesse nel mondo del calcio. Andare a creare una competizione che simuli ciò che fanno sulle piattaforme digitali — come Fifa — significa andargli incontro e fronteggiare la competizione di Fortnite o Call of Duty che sono i veri centri di attenzione dei ragazzi di oggi, che spenderanno domani».

Teme che i giovani abbandonino il calcio?
«Il calcio sta vivendo una crisi enorme di appetibilità verso le nuove generazioni. Avere gli stadi chiusi da un anno per chi ha figli di 10-15 anni di età lo evidenzia: si interessano ad altro. È un processo accelerato dall’epidemia».

L’Uefa vi vuole espellere, i campionati locali minacciano di non farvi giocare e i vostri giocatori rischiano di non poter vestire più le maglie nazionali. Non temete il boomerang di rimanere isolati?
«Temo molto di più una situazione di monopolio di fatto con il tentativo di impedire a società e giocatori di esercitare le proprie libertà sancite dal Trattato dell’Ue. Bisogna uscire da questa situazione di monopolio dove i nostri regolatori sono i nostri principali rivali. È un esercizio delle libertà».

Resta il fatto che in questo momento sembrate circondati. Qual è la mossa per rompere l’assedio da parte delle istituzioni del calcio europeo e nazionale?
«Abbiamo fiducia nella bontà della nostra iniziativa che crediamo avrà successo nel breve periodo. L’iniziativa intrapresa, come previsto dal Trattato Ue, porterà a veder riconoscere un nostro diritto. Per questo teniamo il dialogo aperto con istituzioni, Fifa e Uefa».

Eppure l’Uefa vi considera "illegali".
«Ciò che stiamo facendo è perfettamente legale. Stiamo esercitando una libertà prevista dal Trattato dell’Ue. E questo è molto importante».

Come fa a definire "aperta" un’organizzazione dove 15 membri su 20 sono presenti per diritto di nascita?
«Perché ci sono 5 posti disponibili e perché la Superleague affronta il maggior problema dell’industria del calcio che è la carenza di stabilità. Le riforme delle competizioni, nazionali e internazionali, sono temi costanti dell’elezione dei presidenti delle istituzioni del calcio. È il momento di agire».

Ritiene davvero di poter aprire una trattativa con Fifa o Uefa?
«È il nostro auspicio. Abbiamo scritto ai presidenti di Fifa e Uefa per dialogare».

Se la Uefa inizia a dialogare, siete pronti a compromessi o la Superleague andrà comunque avanti?
«La Superleague va avanti comunque. Se ci faranno una proposta, la valuteremo».

Urbano Cairo l’ha definita "un traditore" e Aleksander Ceferin "un serpente". La accusano di averli traditi, di aver fatto il doppio gioco per mesi lavorando apparentemente ad una riforma della Champions mentre in segreto ne preparava in realtà un’altra. Che cosa risponde?
«Che per quasi dieci anni ho lavorato nelle istituzioni sportive internazionali che detengono il controllo delle competizioni, con un monopolio di fatto, senza sostenere alcun rischio economico. Perché i rischi ricadono solo sui club. Non sono riuscito a fargli capire quanto è alto il rischio economico per i club che generano valore per tutti gli stakeholder del calcio. O forse non hanno mai voluto capirlo. Dunque bisognava cambiare le cose. Cercheremo un accordo con Uefa e Fifa».

Se l’intento è la rottura allora perché restare nella Serie A?
«La tradizione del calcio risiede nei campionati domestici. Per noi i tifosi sono importanti e devono avere la possibilità, ogni domenica, di venire allo stadio».

Le reazioni del premier britannico Johnson e del presidente francese Macron sono state molto negative. Il premier italiano Draghi invece ha fatto trapelare volontà di mediazioni. I leader politici in questa fase sono un ostacolo o possono aiutare a trovare un compromesso?
«La posizione di Draghi è di grande buon senso. Lo sport è da sempre contro le ingerenze della politica. Se i leader politici vogliono intervenire sul fronte economico — dove stimiamo perdite fra i 6,5 e gli 8,5 miliardi di euro — sarà positivo, soprattutto sul fronte con la Uefa».

Aveva messo in conto l’impatto negativo sulla sua immagine di questa operazione?
«Mi aspettavo una reazione simile e credo potrà andare avanti ancora per qualche settimana. Bisognerà iniziare a dialogare».

L’ultimo giorno quando Ceferin, presidente Uefa, la chiamava, non rispondeva perché aveva la batteria scarica?
«Sono dettagli di vita personale che si commentano da soli».

Come siete arrivati all’accordo sulla Superlega?
«La volontà politica è maturata negli ultimi 20-30 anni. Credo che non si sia capito qual è stato l’impatto della pandemia nel mondo del calcio, al punto che nel budget 2021-2022, che è stato presentato nel dicembre 2020, i presupposti che Uefa ha fatto sono da brividi. Cito: "Le cifre presentate si basano sulla crisi sanitaria superata senza impatto su competizione e eventi, il calcio sta continuando normalmente". La massima istituzione del calcio europeo a dicembre del 2020 diceva questo. Istituzione che, vi ricordo, non ha nessun rischio economico nell’industria che regolamenta e con la quale compete. Questo conflitto d’interessi è importante sottolinearlo».

La vostra sfida punta in realtà proprio alla Uefa. Perché?
«Bisogna tener presente che l’Uefa gestisce i nostri diritti, li vende, decide quanti che ce ne redistribuisce e ci regola pure. Senza affrontare alcun rischio economico. Ed inoltre è un nostro rivale. Mi pare un aspetto di grande valore per un’industria da 25 miliardi di euro. Fifa e Uefa fanno grandi ricavi con i nostri giocatori ma non ci hanno aiutato nei momenti di crisi. Devono scegliere: o fanno i regolatori o i promotori commerciali».

Com’è nata la convergenza con Inter e Milan?
«In maniera naturale».

Come si sente nella stessa trincea con Marotta, dg dell’Inter, suo rivale acerrimo negli ultimi campionati?
«Molto bene. Il rapporto con lui è sempre rimasto buono. Abbiamo vissuto assieme otto anni straordinari, l’affetto resta inalterato».

JP Morgan pare abbia chiamato il Napoli. State trattando con altre squadre italiane?
«Non posso confermarlo. Sarà sempre il cda a decidere».

Chi trasmetterà i contenuti della Superlega?
«Ci sono condizioni tecniche e commerciali che devono essere soddisfatte».

Da dove nascono le lettere di sfiducia per Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A?
«L’ho chiamato per spiegargli che eravamo in stallo dopo la proposta sulla gestione dei fondi. Aveva un ruolo di garanzia che non ha svolto nella gestione della Lega».

La decisione dei club francesi e tedeschi di non aderire indebolisce la Superlega?
«No, anzi crea delle opportunità. Per questi club o per altri».

E se sarete espulsi dai campionati nazionali?
«Non sarà così. Se avvenisse sarebbe un grave abuso. Quanto stanno minacciando è illegale. Se ciò avvenisse non sarebbe solo un monopolio ma una dittatura. Vogliamo rimanere vicini ai nostri tifosi».

Dazn ha appena acquistato i diritti tv del campionato, cosa ne sarà?
«In questo momento in Gran Bretagna le squadre che si candidano alla Champions sono Leicester e West Ham. Non per questo Dazn cambierà i suoi piani, le circostanze mutano».

Il calcio è un gioco o un business?
«Il calcio non è più un gioco ma un comparto industriale e serve stabilità. Anche a livello domestico. In Europa la partita che vale di più non è la finale di Champions ma i play-off della prima divisione inglese per accedere alla Premier League: ben 150 milioni. Questa non è stabilità. Servono regole economico-finanziarie ferree come quelle stabilite nella Superleague».

Ma il problema è che queste regole impediranno ad una squadra minore, in Lituania o in Italia, di sfidare un grande club: il duello fra Davide e Golia non ci sarà più e lo sport ne uscirà indebolito.
«Allora partiamo dai dati: nei quarti di Champions abbiamo tutte le squadre che dovevano essere lì, in Germania il Bayern ha vinto 8 campionati di fila, in Francia c’è un’egemonia, in Spagna un duopolio e in Italia negli ultimi cento anni di storia 80 campionati sono stati vinti da Juventus, Milan e Inter. Dunque l’ambizione delle piccole è legittima ma dall’altra parte abbiamo una statistica lunga un secolo».

Questo significa che le squadre piccole devono rinunciare ai sogni?
«All’origine vincevano le squadre delle grandi città — da Bucarest a Belgrado — perché avevano grandi stadi e grandi entrate, poi c’è stato l’avvento dei diritti tv e si sono imposti i Paesi: Inghilterra, Francia, Germania, Spagna e Italia. Tutti gli altri — dall’Olanda alla Serbia — sono spariti non perché non meritevoli bensì perché non appartenenti a Paesi con un Pil che garantiva diritti televisivi importanti. Il prossimo passaggio sono i marchi globali: possono garantire entrate per garantire alla piramide del calcio ritorni davvero fiorenti. Per questo nasce la Superleague».

Sul fronte opposto le motivazioni di Uefa a Fifa sono altrettanto granitiche. Dunque andrete allo scontro?
«Ho parlato con Gianni Petrucci, presidente della Federazione italiana pallacanestro. Nel basket hanno trovato una coesistenza. È un precedente e riguarda il secondo sport europeo. Se osserviamo il percorso che ha portato alla nascita dell’Eurolega e dell’Eurocup troviamo un percorso analogo al nostro. Perché il calcio no?».

A proposito di stabilità, lei è saldo alla guida della Juve?
«Chi afferma il contrario mi porta bene».

Cosa la rassicura di più o cosa teme di più nella sfida della Superlega?
«Mi rassicura il progetto di creare il campionato più bello del mondo, mi preoccupa il populismo che ostacola il dialogo su questa iniziativa».

Come hanno reagito i giocatori della Juve all’annuncio?
«Mi hanno chiesto quando si comincia».

Non temono di non poter più vestire la maglia delle rispettive nazionali?
«Non mi sembra. C’è stato anche un comunicato dell’Unione dei calciatori europei, molto significativo, a riguardo. Gli hanno detto di fare attenzione con simili minacce».

Insomma, avete spedito le lettere a Uefa e Fifa e aspettate di aprire il negoziato. In caso contrario sarà battaglia legale?
«In caso contrario ci sarà un confronto su ragioni tecnico-legali».

E se Juve, Inter e Milan saranno radiate dal campionato?
«Se il sistema calcio non dovesse permettere alle singole società di esercitare le libertà previste dal Trattato Ue dovremmo riflettere con attenzione. Per le implicazioni che potrebbero esservi in altri ambiti della società civile».

Si potrebbe arrivare ad un cappello Uefa sulla Superlega?
«Non lo so. Un dialogo può partire da posizioni molto distanti, come quelle attuali, ma è lo strumento per risolvere i problemi complessi».

Si è mai pentito di aver preso Ronaldo?
«Mai. Se tornassi indietro lo rifarei sempre».

E di aver scelto Pirlo come allenatore?
«Neanche».

Offline Arch

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1842
  • Karma: +143/-4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #10 : Giovedì 22 Aprile 2021, 16:23:47 »
Frusta, Spartaco Ditri di Ostia era un grandissimo laziale, ricordi? :)

Offline Frusta

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 6908
  • Karma: +241/-18
  • Orgoglio biancoceleste
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #11 : Giovedì 22 Aprile 2021, 16:26:23 »
Non solo, ma al contrario del monocigliato di cui si sta discutendo era una persona intelligente e con un senso dell' humor che quello manco se lo sogna.
Il tifoso è un ablativo assoluto, o un genitivo alla greca. In pratica una determinazione collaterale avverbiale dell’azione principale. L' allenatore no.

Offline Karmilla

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1661
  • Karma: +83/-0
  • Sesso: Femmina
  • "La mia ragazza è laziopatica" (cit.)
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #12 : Giovedì 22 Aprile 2021, 18:08:21 »

Presidente Agnelli, la Superlega perde pezzi, il progetto rischia di affondare?
«Fra i nostri club c’è un patto di sangue, andiamo avanti».

Ritiene che il progetto possa ancora avere successo?
«Sì, ha il cento per cento di possibilità di successo».


E io che credevo che quello fuori dal mondo fosse Lapo.
Citazione da: franz_kappa
Karmilla non è donna di cultura, ahinoi ;-)

Offline Panzabianca

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 2282
  • Karma: +32/-0
  • Sesso: Maschio
  • se non ti avessi uscirei fuori a comprarti (cit.)
    • Mostra profilo
Re:Andrea Agnelli, la parabola di un Somaro patentato
« Risposta #13 : Martedì 27 Aprile 2021, 12:33:17 »
L'ultimo giapponese nella foresta 20 anni dopo la fine della guerra.

Grandissimo somaretto.

A sto punto, è vero, al confronto, Lapo, che  si accompagna a donne che si chiamano Ugo e cianno i baffi e non solo..., sembra un neo-platonico.
"to the brave heroic cohesive friend of the three parameters Claudio you can only give a two-handed blowjob" (a repentant actress from Fiano Romano. Cit.)