* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: Lazio, la rinascita di Immobile: un gol ogni 10 tocchi  (Letto 23 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 8023
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, la rinascita di Immobile: un gol ogni 10 tocchi
« : Lunedì 11 Settembre 2017, 20:01:20 »
www.repubblica.it



L'attaccante con la tripletta al Milan continua a far registrare numeri impressionanti: ogni 10 palloni toccati, o segna o fa segnare. Ora però con le tre competizioni da giocare Inzaghi dovrà essere bravo a gestirlo ed inserirlo nel turnover

ROMA - Quando capitano giornate così, per un attaccante sembra tutto semplicissimo. Nell'Olimpico bagnato dalla pioggia torrenziale che ha inondato Roma in mattinata, Ciro Immobile è diventato il protagonista assoluto del 4-1 della Lazio sul Milan, proprio grazie a una giornata di grazia, una di quelle che spesso vengono sintetizzate così: "Ogni palla che tocca, la trasforma in gol".

IMMOBILE, UN GOL OGNI DIECI TOCCHI - Ovviamente la statistica non può essere del 100%, ma i numeri fanno comunque impressione. Perché la partita di Immobile si è composta di 39 tocchi totali, trasformati in 7 tiri in porta, 4 fuori, 2 passaggi smarcanti per un compagno. Ecco, da questi tocchi (di cui ben l'89,5% sono andati a buon fine, media più alta tra i giocatori biancocelesti) sono nati i suoi 3 gol che hanno spazzato via il Milan e l'assist vincente per Luis Alberto, che ha chiuso definitivamente la sfida. In pratica, significa che ogni 10 palloni toccati, o segna o fa segnare. Una media impressionante, che la dice lunga sulla sua prestazione e la crescita da quando è rientrato in Italia in pianta stabile, per vestire la maglia della Lazio. Inzaghi ha detto di non avere più parole per descriverlo, di vederlo ormai come un leader del gruppo.

ORA PERÒ CONOSCERÀ IL TURNOVER - Ora però toccherà al tecnico riuscire a preservarlo, inserendolo all'interno del turnover, come mai aveva fatto la scorsa stagione. Immobile infatti aveva chiuso la prima annata da giocatore biancoceleste con 3517 minuti giocati su 3870 complessivi (il 90,8%), risultando per distacco il più impiegato da Inzaghi, davanti anche a uno come Parolo (3260), abituato a essere il recordman di queste speciali classifiche. Con le tre competizioni, però, la situazione dovrà cambiare: l'allenatore dovrà abituarsi a prendere in considerazione anche delle alternative, con il giovane Palombi e l'ecuadoriano Caicedo pronti a fargli tirare il fiato. Già giovedì con il Vitesse in Europa League, potrebbe essere l'occasione per farlo partire dalla panchina. Certo, sarà una sensazione strana: con la maglia della Lazio ha provato solo due volte fino a questo momento.

Vai al forum