* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: Lazio, Murgia asso di coppe: ora il Genoa  (Letto 8 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 8023
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, Murgia asso di coppe: ora il Genoa
« : Sabato 16 Settembre 2017, 15:35:17 »
www.corrieredellosport.it

Il gol ad Arnhem decisivo come quello in Supercoppa: «Europa emozione speciale. Sogno un futuro con la fascia di capitano». Inzaghi gli darà spazio anche in campionato


    I gol di Alessandro Murgia, un figlio della Lazio, sono un inno. Di più, sono un urlo. E’ il laziale che tutti speravano di avere in squadra. S’è arrampicato anche in Europa, da spavaldo e risoluto agonista. Visto il gol? Ha resistito alla carica, s’è infilato in area e che stoccata finale! Ha bucato da volpone pur avendo 21 anni, questo è cinismo d’autore. Non bisogna aver paura di avere coraggio. Murgia non ha mai avuto paura. E quando non ci arriva con i riflessi sui palloni, si aggrappa al cuore e allo spirito: «Non è mai facile giocare in questi stadi pieni, con il pubblico vicino al campo, si fa sentire. Abbiamo la capacità di variare i moduli, abbiamo messo l’anima in campo. Faccio un plauso a tutti. A livello europeo si incontrano giocatori forti, il ritmo è più alto, l’intensità aumenta. Noi non siamo da meno. Inzaghi ci trasmette lo spirito giusto, ci dà tanta carica. Giocando ogni tre giorni è il momento di far vedere la nostra forza. Tutti quanti. Siamo una grande squadra al di là degli interpreti».Murgia è stato speciale, ha corso da area ad area, ha premuto sull’acceleratore, mai sul freno e giocherà anche a Genova (Parolo è squalificato): «Io ci spero, sono a disposizione. Continuerò ad allenarmi al massimo aspettando una chance. Mi sento bene, sento la fiducia di tutti, più di così non posso chiedere». Destro, sinistro, di testa. Segna in tutti i modi: «Quando sono lì davanti penso a fare gol, non a come prendere il pallone. Ciro mi ha fatto un bel passaggio, anche un po’ fortunato. Il gol mi rende ancora più felice se serve alla vittoria. Continuerò a spingere e a fare più gol possibili». 

Vai al forum