* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: Lazio, Inzaghi: ''Vincere altri trofei divertendoci''  (Letto 73 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9283
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, Inzaghi: ''Vincere altri trofei divertendoci''
« : Lunedì 2 Ottobre 2017, 21:09:18 »
www.repubblica.it

Il tecnico biancoceleste: ''Sulla carta siamo meno attrezzati, ma vogliamo stare in alto. Il segreto? Il clima positivo fra i giocatori, è un gruppo che sta bene insieme''
ROMA -  Sta lavorando bene, la Lazio. E non lo dicono solo i numeri e i risultati che sta raggiungendo Inzaghi nell'ultimo anno e mezzo, ma pure i riconoscimenti. Come quelli che sono stati riservati al tecnico biancoceleste e al direttore sportivo Igli Tare ad Amatrice, individuati rispettivamente come miglior allenatore e miglior manager della stagione scorsa, dalla giuria del Premio Scopigno. Per entrambi è stato un modo per parlare anche del momento attuale della Lazio, a partire da mister Inzaghi: "Dopo la partita con il Napoli - ha detto a Premium - avevamo queste tre partite non semplicissime, ma siamo stati bravi a farle diventare tali vincendole tutte, meritatamente. Questo grazie ai ragazzi, che sono stati bravissimi ad adattarsi e superare le difficoltà, qualcuno anche giocando fuori ruolo". 



INZAGHI: "VOGLIAMO DIVERTIRCI E VINCERE ALTRI TROFEI" - Inzaghi parla poi di Luis Alberto: "Non mi ha sorpreso. È stato molto bravo, l'anno scorso ha avuto problemi di ambientamento, ma quest'anno si è presentato in un modo nuovo già dal ritiro. Sapevo che ci avrebbe dato una grande mano. Lui ci ha messo del suo, giusto che si prenda le gratificazioni che si è meritato. Var? Penso che ancora ci si debba abituare tutti. Ma io ero favorevole, lo avevo ammesso già in tempi non sospetti. Questo purché si riesca a fare in modo che la partita non sia troppo ferma e con troppi minuti di recupero. Che la Lazio finora non sia stata coinvolta non è un problema. Poteva essere chiamato il Var in certe circostanze, volendo anche con il Sassuolo, ma va bene così". Poi guarda al prossimo futuro, quando la Lazio sarà chiamata a giocare a Torino contro la Juventus: "Ora avremo una partita importante, dove cercheremo di fare il massimo e sapendo che dovremo fare una gara impeccabile. La Juventus l'abbiamo affrontata tante volte, l'ultima in maniera perfetta. Dovremo prepararla con i ranghi non al completo per via delle nazionali, ma ci sono 15 giorni. Personalmente avrei preferito continuare a giocare, siamo in un bel momento. Ma sfrutteremo la sosta per recuperare energie fisiche e mentali sperando di avere a disposizione altri giocatori". Guardando un po' più in là, Inzaghi non si tira indietro: "Ho una squadra matura, fatta di grandi professionisti. È normale, sulla carta, che nelle gerarchie si parta dietro a molti club, ma il nostro obiettivo è restare in alto e divertirci, fermo restando che per noi quest'anno, con l'Europa League sarà più difficile. Poi vogliamo provare a vincere qualcosa, come accaduto con la Supercoppa italiana. Per noi il massimo è cercare di riempire lo stadio e riportare le persone all'Olimpico: speriamo di avere il grande affetto della nostra gente".



TARE: "I RISULTATI SONO FRUTTO DI UN LAVORO PROFONDO" - Dopo tocca all'altro premiato, il ds Tare, parlare del momento biancoceleste. A partire dall'attuale posizione da Champions League: "I risultati sono frutto di un lavoro profondo. Mi dà fastidio quando si utilizza la parola sorpresa: anno per anno abbiamo cercato di migliorare pezzo per pezzo. Adesso stiamo raccogliendo i risultati, ma non ci scordiamo che siamo all'inizio della stagione e non c'è nessun motivo per volare troppo alto. Ci saranno delle difficoltà, come normale, ma dovremo essere bravi a superarle con serenità e con il bel gioco, così come abbiamo fatto fino ad ora. Per restare nei piani alti ci vuole tanta continuità: Juventus, Napoli, la stessa Roma, l'Inter, sono tutte squadre che hanno una mentalità vincente e tanti giocatori di qualità. Cosa che la Lazio ha raggiunto negli ultimi anni. Adesso abbiamo più bisogno della gente all'Olimpico, perché dispiace vedere una squadra che gioca un calcio fantastico, forse il migliore in Italia, ma con uno stadio che lascia a desiderare". Poi su Luis Alberto, una sua scommessa vinta: "Ero convinto che avrebbe fatto qualcosa di importante con questa società, ma all'inizio abbiamo avuto delle difficoltà: gli è servito tempo per ambientarsi. Può dare ancora di più rispetto a quello che ha dimostrato". Infine le sue sensazioni sul rinnovo di de Vrij: "Sono ottimista, c'è la buona volontà da entrambe le parti. Tra poco avremo un incontro con i suoi agenti e penso che alla fine avremo quello che vogliamo tutti quanti. Ma fino a che non vedo nero su bianco resto sempre molto attento su queste cose".



 

Vai al forum