* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: Serie A TIM | Conferenza stampa, Allegri: "Domani partita complicata, non dobbiamo concedere campo e ripartenze"  (Letto 41 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 8531
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.sslazio.it

Il tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, è intervenuto in conferenza stampa da Vinovo per presentare la sfida di domani contro la Lazio.

“Mandzukic sta bene, si è allenato e può giocare, credo che in Nazionale non abbia avuto niente. Domani giocherà Buffon, è tornato in forma dalla Nazionale, così come tutti gli altri. Khedira sta bene. Per quanto riguarda gli infortunati, Pjanic tornerà mercoledì a disposizione, mentre Marchisio sta lavorando in parte con la squadra e in parte secondo un programma personalizzato; per De Sciglio e Pjaca ci vuole un po’ di tempo.

Khedira potrebbe giocare, devo valutare oggi in allenamento: chi è più riposato domani sarà a disposizione e avrà più probabilità di giocare. Questo vale anche per gli italiani, ci sono giocatori che hanno svolto molte partite, però sono rientrati tutti bene a parte Bentancur che non ho ancora visto. Dybala ha riposato ed è in buone condizioni, gli altri che sono rimasti qui a Vinovo hanno lavorato bene; Higuain ha migliorato il suo stato di forma, è motivato e credo che farà un grande mese.

Gli errori da non commettere domani contro la Lazio sono i seguenti: non dovremo concedere campo e ripartenze. A Roma avevamo concluso molto bene i primi quindici minuti, poi abbiamo concesso delle ripartenze. I biancocelesti in campo aperto sono molto bravi, sono una squadra ben organizzata e ben allenata che chiude gli spazi e pressa molto alta. Sarà una partita complicata, ma al di là della sfida di domani noi dobbiamo fare un salto importante per affrontate la stagione nel migliore dei modi ed essere competitivi al massimo: dobbiamo cancellare quei momenti che ci sono stati contro il Sassuolo, con il Torino ed a Bergamo dove, dopo il 2-0, abbiamo smesso di giocare e di difendere. E queste disattenzioni ci sono costate due punti, dobbiamo lavorare su questo, pensiamo troppo alla fase offensiva ma nelle partite c’è anche la fase difensiva da curare e se cali un attimo di ritmo, poi ti ritrovi in balia degli eventi e noi non ce lo dobbiamo permettere, e dobbiamo migliorare in questi momenti della partita perché altrimenti rischiamo di buttare dei punti durante la stagione.

La Supercoppa è stata una partita strana, siamo andati sotto su due ripartenze, poi nell’ultima mezz’ora la squadra ha fatto molto bene. Sul 2-2 c’è stata meno attenzione e questo aspetto farà la differenza durante l'anno. Noi siamo partiti per vincere, ma bisogna sapere che è più difficile dell’anno scorso perché le avversarie, il Napoli, la Roma, l’Inter, il Milan e la Lazio sono più arrabbiate e vogliose di poter battere la Juve e noi, sapendo questo, dobbiamo migliorare e non concedere quanto fatto in questo avvio di campionato anche se la squadra ha vinto sei partite e pareggiato in una sola circostanza.

La Lazio sta facendo, in questi ultimi anni, delle cose importanti e sta riconfermando quanto di buono fatto nella stagione scorsa. Non so se è da Scudetto ma può capitare che un’outsider possa vincerlo.

Inzaghi è uno degli allenatori giovani più bravi, non era facile compiere il salto che ha fatto, sta dimostrando di avere qualità tattiche e gestionali; avrà sicuramente una carriera importante”.

Vai al forum