Manzini presenta la sua biografia: “Io, uno contro tutti: ecco perché” Manzini presenta la sua biografia: “Io, uno contro tutti: ecco perché” -> A margine dell’evento di presentazione della propria biografia, dal titolo “Uno contro tutti”, lo (...) ---  
Pedullà: "Domenica abbiamo creato molto, ora andremo a Milano senza paura" Pedullà: "Domenica abbiamo creato molto, ora andremo a Milano senza paura" -> Emanuela Pedullà, giocatrice della Lazio Women, è intervenuta ai microfoni di Lazio Style Radio, (...) ---  
Milinkovic, che succede? Da fenomeno a  Milinkovic, che succede? Da fenomeno a "normale" -> Il serbo è il fantasma del giocatore ammirato la scorsa stagione: ecco i numeri (...) ---  
Lazio, la lettera di Wilson a Pulici:  Lazio, la lettera di Wilson a Pulici: "Ciao Felice, te ne sei andato via in punta di piedi..." - VIDEO -> È il giorno dell'ultimo saluto a Felice Pulici e in tanti hanno raggiunto la chiesa (...) ---  
#TrainingSession | Allenamento di ripresa per i biancocelesti #TrainingSession | Allenamento di ripresa per i biancocelesti -> Allenamento mattutino per la Prima Squadra della Capitale che, quest’oggi, si è ritrovata presso (...) ---  
Lopez: "La classifica è corta, tutto può ancora accadere" Lopez: "La classifica è corta, tutto può ancora accadere" -> Antonio Lopez, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, (...) ---  
Canigiani: "Per la partita contro il Cagliari ci sono molte offerte e promozioni" Canigiani: "Per la partita contro il Cagliari ci sono molte offerte e promozioni" -> Marco Canigiani, responsabile del settore marketing biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di (...) ---  
Lazio, Conceicao: " Io dico ‘Forza Lazio’” Lazio, Conceicao: " Io dico ‘Forza Lazio’” -> Durante la conferenza stampa che anticipa la partita contro il Moreirense di Coppa (...) ---  
Garlini: "Ieri Luis Alberto è entrato bene a gara in corso" Garlini: "Ieri Luis Alberto è entrato bene a gara in corso" -> Oliviero Garlini, ex giocatore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
#AtalantaLazio | I numeri del match #AtalantaLazio | I numeri del match -> Quinto stop stagionale in Serie A TIM per la Prima Squadra della Capitale che, ieri sera, ha (...) ---  
Zapata, braccio regolare Offside Acerbi di un tallone  Zapata, braccio regolare Offside Acerbi di un tallone -> Orsato governa la partita in modo autorevole: due gli episodi decisivi, entrambi risolti con il (...) ---  
LaziAlmanacco di martedì 18 dicembre 2018 LaziAlmanacco di martedì 18 dicembre 2018 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di martedì 18 dicembre 2018 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
LE PAGELLE - Lazio, il coraggio di Acerbi non basta. Radu, errore decisivo LE PAGELLE - Lazio, il coraggio di Acerbi non basta. Radu, errore decisivo -> STRAKOSHA 5.5: Prende gol che nemmeno s’è ancora sputato sui guanti: Zapata è troppo (...) ---  
#AtalantaLazio | Post partita, conferenza stampa Inzaghi: "Un punto sarebbe stato importante" #AtalantaLazio | Post partita, conferenza stampa Inzaghi: "Un punto sarebbe stato importante" -> Nel post partita di Atalanta-Lazio, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in (...) ---  
#TrainingSession | Domani biancocelesti in campo alle 11:00 #TrainingSession | Domani biancocelesti in campo alle 11:00 -> Archiviata la 16ª giornata di campionato, la Prima Squadra della Capitale è ora chiamata a (...)

Autore Topic: Italia-Svezia 0-0, siamo fuori dal Mondiale. Figuraccia storica a San Siro  (Letto 79 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 14474
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.corriere.it



Sfuma la rimonta dopo il k.o. dell'andata, azzurri senza Coppa del mondo come nel '58

Lo sfacelo è negli occhi vuoti di Gian Piero Ventura, in quelli bagnati di Gigi Buffon, nei fischi increduli più che rabbiosi di San Siro. Siamo fuori dal Mondiale come soltanto una volta, sessant’anni fa, è capitato nella nostra storia. Una macchia nera, brutta, incancellabile. Ora la Federazione è sotto schiaffo: il c.t. perderà la panchina e Tavecchio rischia di essere messo all’angolo. Sul calcio italiano sta per abbattersi una tempesta senza precedenti.

La notte di San Siro è una lunga agonia. L’Italia è troppo lenta e improvvisata per mettere alle corde la Svezia, che bada soprattutto a difendere il prezioso 1-0 dell’andata. Jorginho, regista al posto di De Rossi, cerca di impreziosire la manovra ma è spesso ignorato, mentre sulle fasce non riusciamo quasi mai a sfondare. Mancano ritmo, organizzazione, lucidità, anche un briciolo di fortuna. La buona volontà non basta. Giochiamo sui nervi e con la paura addosso, così finiamo per sbagliare anche le cose più banali e alla fine riusciamo a vincere solo la partita del possesso palla: sterile e inutile, quasi sempre orizzontale. Soltanto nel quarto d’ora finale del primo tempo gli azzurri s’impennano e riescono a mettere sotto i nostri avversari e a costruire tre occasioni. Poco rispetto a quanto ci aspettavamo e quanto serviva per andare a Mosca. In una serata da incubo brilla la scarsezza dell’arbitro spagnolo Lahoz che non vede quattro rigori su quattro, due per parte. Un record.

La partita è una specie di romanzo epico pieno di tante cose. I fischi a Ventura durante la lettura delle formazioni, quelli all’Inno svedese che neppure Buffon stavolta riesce a trasformare in applausi. L’Italia è contratta. C’è subito una spinta galeotta a Parolo di Augustinsson, ma anche due falli di mano evidenti nell’area azzurra, il primo di Darmian, il secondo di Barzagli. Per mezz’ora quello italiano è solo sterile possesso palla (72 per cento al 35’). Poi i gialli cominciano ad abbassarsi e la nostra Nazionale, che sino a quel momento non aveva trovato lo specchio della porta neppure una volta, sfiora il gol tre volte nello spazio di quattro minuti: Granqvist salva sulla linea il tiro di Immobile e spegne la deviazione di Parolo a colpo sicuro, poi tocca a Olsen con il tacco superarsi su Florenzi.

Nel secondo tempo pareggiamo subito il conto dei rigori non dati dallo squinternato Lahoz: il fallo di Lustig su Darmian è netto. Manca però la grinta feroce, attacchiamo a testa bassa ma senza lucidità. Ventura tenta con un doppio cambio: dentro Belotti e El Shaarawy, fuori Gabbiadini e Darmian. Florenzi, su un cross deviato, colpisce la traversa. Ma nel momento della verità, veniamo meno. I settantamila di San Siro cantano e spingono, ma non basta. E non basta neppure il cuore, servirebbero pressing e intensità. L’ultimo assalto, disordinato e inutile, crea un colpo di testa di Parolo fuori misura e un tiro di El Shaarawy ben deviato da Olsen.

Così muoiono i sogni. Il Mondiale sta diventando una maledizione: agli ultimi due siamo usciti al primo turno, stavolta neppure ci andiamo.

Vai al forum