* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: FOCUS - Il Grenal di Lucas, la fame di Luis: la prima volta di Leiva e Nani nel derby della Capitale  (Letto 26 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9290
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.LaLazioSiamoNoi.it



                           Il bianco e il celeste da una parte, il giallo e il rosso dall'altra. Roma si divide in due, e si veste di questi colori, sfoggiando il suo abito migliore per l'occasione. la settimana del derby, mancoa dirlo. Se ne parla da mesi, e se ne continuer a discutere ancora a lungo. Perch per quanto dir se ne voglia, la stracittadina rimarr semprela partita pi sentita dell'anno, che sia la pi importante o meno della stagione. Due universi paralleli, troppo distanti fra loro. Lazio e Roma sabato scenderanno in campo all'Olimpico pronte a darsi battaglia. Mai dopo undici giornate (entrambe hanno una gara in meno da recuperare), cos vicine e cos in alto. Da una parte Inzaghi, al suo quinto derby da quando guida la Lazio, dall'altra Di Francesco alla sua prima volta da allenatore. Entrambi per, sanno bene quanto conti questa gara. L'hanno vissuta da avversari sul campo, adesso si ritrovano sfidanti in panchina.



IL BATTESIMO DI LEIVA E NANI - La Lazio rispetto alla scorsa stagione ha cambiato volto ma non mentalit. Fuori Biglia e Keita, dentro Leiva e Nani. Giocatori d'esperienza, leader in mezzo al campo, abituati da sempre apartite del genere. "Lucas, Luis, mi raccomando il derby", leprime parole dei tifosi al loro sbarco nella Capitale. Frasi di rito per chi sceglie di vestire la maglia biancoceleste o quella giallorossa. Adesso quel momento arrivato. Inzaghipuntersu di loro ancora una volta. Il brasiliano partir senza dubbio dal primo minuto, il portoghese invece, si far trovare pronto a gara in corso per dar manforte ai suoi compagni. E i tifosi della Lazio gongolano pensando a loro, che in tre mesi sono riusciti a far dimenticare i propripredecessori, che ad oggi, rappresentano solamente un lontano ricordo. Il cambio di marcia stato evidente. Perch la qualit conta, ma l'esperienza fondamentale in partite di questo calibro. La Lazio non ha pi paura delle big, e questo lo deve un po' anche a loro.



IL GRENAL DI LUCAS - Il derby di Roma una partita unica, difficilmente paragonabile a qualsiasi altra sfida. Ma anche quello di Liverpool non scherza per intensit e per importanza. Il brasiliano ne ha gi 17 sulle spalle nei suoi trascorsi con la maglia dei Reds. Ben nove le vittorie, sei i pareggi, soltanto due le sconfitte contro l'Everton. Nessun gol messo a referto, ma il suo compito non mai stato quello di essere decisivo in fase realizzativa. Lui difende, interrompe trame di gioco, ruba palloni e fa ripartire i suoi. A segnare e a prendersi la scena poi, ci hanno pensato altri. Questo sar il suo "Grenal", il nome con cui i brasiliani hanno soprannominato la stracittadina fra il Gremio, squadra con cui ha esordito fra i professionisti, e l'Internacional, l'altra societ di Porto Alegre.



LA FAME DI LUIS- "Ho vissuto i derby a Manchester, Lisbona e Istanbul. Dappertutto cos, ma quello di Roma mette i brividi". Parlava cos qualche giorno fa Luis Nani. Una gara attesa, in cui spera di essere decisivo, che per l'appunto mette i brividi, ma non lo spaventa. Lui, una Champions League e un Mondiale per Club con il Manchester United, fresco vincitore dell'Europeo con il Portogallo, 112 presenze e 24 gol con la maglia della Nazionale, l'uomo giusto per partite e palcoscenici cos. In carriera ne ha calcati parecchi, eppure ha ancora fame e voglia di vittorie. La stessa che lo ha contraddistinto in questi anni pieni di gioie e soddisfazioni. La Roma l'ha gi affrontata in Championscon la maglia dei Red Devils. Due assist in due partite, il primo nell'ottobre del 2007 per il gol partita di Rooney, il secondo da corner per la testa di Pique. Ma stavolta sar tutta un'altra cosa. Partir dalla panchina, ma di certo non rester a guardare. I campioni in partite cos si esaltano, e lui vuole essere protagonista. Ancora una volta...



         

   



Vai al forum