* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: 1912, la prima crisi Figc: un presidente appassionato di ippica e 7 club ribelli  (Letto 6 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9377
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.calciomercato.com



                    Sembra strano, ma oltre un secolo fa la Svezia segn un momento molto difficile per la Federazione e il calcio italiano in generale. Un po' come sta accadendo in questi giorni, in queste ore, dopo l'eliminazione della Nazionale italiana dai Mondiali in Russia per mano della Svezia, cos nel 1912 la fallimentare spedizione del calcio azzurro ai giochi olimpici in Svezia port ad un vero e proprio terremoto, accentuando un malessere gi latente.



I PRIMI CASI DI PROFESSIONISMO -In seno alla Federazione le acque si pu ben dire che non siano mai state troppo tranquille sin dagli inizi, ma in quel 1912 alcuni casi di professionismo in un calcio ancora totalmente e fieramente dilettante avevano portato a squalificare alcuni giocatori e ad infliggere sanzioni ad autorevoli societ una su tutte, il Genoa. Inoltre si faceva sempre pi pressante il problema legato alla richiesta di sempre pi societ di poter partecipare al campionato, richieste che almeno per il torneo 1911/12 erano state, non senza difficolt, soddisfatte dalla Federazione con l'organizzazione dello spareggio tra Casale e Racing Libertas. Insomma, nuove e sempre pi importanti istanze venivano portate avanti e la Federazione arrancava, tanto che il Presidente federale Ferrero da Ventimiglia agli inizi dell'estate 1912 rassegn le dimissioni.



LA SPEDIZIONE AZZURRA IN SVEZIA -Il posto cos lasciato vacante di Presidente Federale venne assunto ad interim da Valvassori in occasione del Congresso internazionale di Stoccolma, al quale la FIGC era stata invitata a partecipare per la prima volta dalla FIFA. Comunque in Federazione non c'era molta voglia di partecipare al torneo olimpico, considerato anche lo stato della Nazionale, che dopo la vittoria contro la Francia nella sua prima, storica partita, nei due anni seguenti non era pi stata in grado di vincerne una: nelle successive 6 gare la miseria di 2 pareggi e 4 sconfitte. Logico dunque che ai vertici federali non si smaniasse troppo di partecipare al torneo olimpico, ma le pressioni esercitate direttamente dal governo italiano andavano in senso opposto, spingendo invece per la partecipazione dell'Italia alla manifestazione. Come bene sintetizza Alfio Caruso le recenti conquiste di Tripolitania e Cirenaica avevano fatto assurgere il nostro Paese a potenza coloniale o quasi... - e pertanto era d'obbligo che la squadra di calcio partecipasse al torneo olimpico organizzato dal C.I.O. E cos fu. La spedizione azzurra fu affidata al segretario della Federazione, quel Vittorio Pozzo che alcuni lustri pi avanti sarebbe diventato il Commissario tecnico pi vincente nella storia azzurra. L'avventura olimpica fu burrascosa e molto avara di soddisfazioni sportive. Pozzo venne lasciato completamente solo ad organizzare tutta la trasferta. L'aspetto se vogliamo pi pittoresco, ma piuttosto emblematico di quei tempi, fu come gustosamente racconta lo stesso Pozzo che il Comitato Olimpico pagava s la trasferta in II classe ma aveva autorizzato i partecipanti, una volta lasciato il confine italiano, a viaggiare in III classe e ad intascarsi la differenza! Il torneo non and affatto bene, certific quanto ancora fosse arretrato il nostro calcio e una volta ritornato in Italia Pozzo fu sollevato dall'incarico e all'Assemblea federale del 30 e 31 agosto 1912 venne eletto quale Presidente il conte Vittorio Rignon.



L'ASSEMBLEA FEDERALE DEL 30 E 31 AGOSTO -L'Assemblea Federale fu un crocevia molto importante. Ben 50 delegati discussero i nove punti all'ordine del giorno, dei quali sicuramente i pi importanti furono l'elezione della nuova Presidenza Federale e la riforma dei campionati. Innanzitutto venne eletto un nuovo Presidente Federale: abbastanza a sorpresa con 38 voti la spunt il conte Vittorio Rignon, digiuno di football in quanto appassionato di ippica e automobilismo. L'altro punto, come detto, fondamentale di quell'assemblea fu la riforma dei campionati. Se la debacle in Svezia qualcosa aveva detto, era senz'altro che il calcio italiano non era ancora al livello dei migliori in Europa, tutt'altro. C'era necessit di allargare il bacino d'utenza e il movimento tutto del calcio italiano, allargando cos l'accesso al campionato ad un numero maggiore di squadre. Due furono le proposte di riforma del campionato: una favorevole ad un'enorme dilatazione del campionato, quella presentata dai due soci del F.C. Piemonte Faroppa e Valvassori; l'altra, all'opposto, orientata verso criteri restrittivi e presentata dal dirigente genoano Goetzlof. La prima pi favorevole per le societ medio-piccole, la seconda sicuramente pi vantaggiosa per i clubs pi ricchi. Prevalse il progetto Valvassori-Faroppa, non senza polemiche che si trascinarono anche dopo i lavori assembleari, tanto che agli inizi di settembre incominci a circolare una voce secondo la quale ben sette squadre sarebbero state pronte a notificare alla FIGC la propria intenzione a scioperare: queste squadre erano lInternazionale, il Milan, il Genoa, lAndrea Doria, il Casale, la Juventus, il Torino e forse - perch non lo dichiar mai esplicitamente - la Pro Vercelli; contrarie allo sciopero perch favorevoli alla riforma il Piemonte e lU.S. Milanese. I ribelli motivarono lidea dello sciopero ritenendo che il nuovo sistema avrebbe avuto come risultato quello di diminuire considerevolmente il numero degli spettatori, con la conseguente riduzione degli incassi. Il Corriere della Sera cos concludeva larticolo del 4 settembre, con parole che facevano ben intendere come gli anni pionieristici del football in Italia fossero ormai irrimediabilmente lontani:



la riforma (...) ispirata ad un concetto assai sportivo: quello di imprimere un vigoroso impulso alle pi giovani squadre. E le Societ anziane, che sono alla testa del progresso di questo ramo sportivo, non debbono e non possono ostacolare una riforma giusta e necessaria. I footballers, che sono tutti dilettanti, dovrebbero avere per primo scopo lo sport, e non altro



Postilla finale, perch molto importante per qualcosa che accadr al termine del campionato 1912/13. la riforma prevedeva anche l'istituzione del meccanismo di promozioni/retrocessioni: l'ultima di ciascun girone sarebbe retrocessa in Promozione. Ne riparleremo a breve, ma nel torneo 1912/13 ultima nel Piemonte si classific la Juventus.



(Alessandro Bassi anche su http://storiedifootballperduto.blogspot.it/[/b])