* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: Juve e Inter insieme contro Lotito, la Lega di A minaccia l'addio alla Figc  (Letto 9 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9394
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.calciomercato.com



                    Luned un altro giorno cruciale per il calcio italiano. A Milano si riunisce in assemblea la Lega Serie A, chiamata a prendere due decisioni fondamentali: il bando per i diritti tv e le nomine della nuova governance. Bisogna nominare un presidente e un amministratore delegato.



LOTITO IN MINORANZA - Claudio Lotito passa intere giornate al telefono con i presidenti amici per cercare di ricompattare il "blocco delle piccole", ma il suo lavoro sotto traccia non ha dato i frutti sperati. Anzi, il "blocco riformatore" (Juventus, Inter, Napoli, Roma, Fiorentina, Torino e a giorni alterni Sampdoria) vuole far saltare l'elezione per guadagnare tempo e arrivare dopo il 30 novembre alla nomina di un commissario ad acta. A quel punto l'assemblea sceglierebbe la sua governance a maggioranza semplice e Lotito sarebbe in minoranza. Sempre secondo La Repubblica, il commissariamento porterebbe anche a un'altra conseguenza: non si potrebbe completare il consiglio federale e questo consentirebbe al Coni di Malag di procedere con il commissariamento della Federcalcio. Una strategia condivisa col Ministro dello Sport, Lotti.



LEGA FUORI DALLA FIGC? - Sono 3 i nomi presentati da Egon Zehnder per l'ad: Sami Kahale di Procter and Gamble, Michele Scannavini (presidente di Ice) e Marzio Perrelli di Hsbc. Elezioni o commissariamento? Le grandi con Bologna, Torino e Sassuolo sono pronte ad accontentare Malag purch il Coni apra a una riforma dei campionati, al maggior peso della Lega di A in consiglio federale, alle seconde squadre. Altrimenti si potrebbe percorrere la via dell'uscita della Lega dalla Figc, sul modello della Premier inglese. Al momento pi una minaccia che un'ipotesi concreta secondo il Corriere della Sera.



ANTI COMMISSARIO - Secondo la Gazzetta dello Sport, una buona met della Serie A (quella che in questi ultimi tempi ha pi incarnato uno spirito riformista e vanta uno schieramento trasversale tra big e provinciali) ha deciso di serrare i ranghi e difendere il giocattolo. L'obiettivo evitare il commissariamento della Figc e, semmai arrivasse, avere un peso notevole su mandato e durata. Per riuscirci c' un modo, individuato dallo stesso presidente del Coni Malag: rinnovare gli organi della Lega, vacanti dalla primavera, entro l'11 dicembre. Luned in assemblea il primo round, che difficilmente porter alla fumata bianca, poi si andr avanti a oltranza. Ieri in via Rosellini si tenuta una riunione informale che ha messo assieme il fronte delle "riformiste": Juventus, Inter, Napoli, Roma, Fiorentina, Torino, Sampdoria, Sassuolo, Bologna, Cagliari. Praticamente tutte le storiche big (tranne il Milan) pi club medio-piccoli con alle spalle solidi imprenditori. Il quorum per le elezioni fissato a 14 voti, l'alleanza ne conta dieci e punta a convincere alcune indecise come Atalanta, Benevento, Spal, considerato che il contraltare Lotito pu contare su un blocco di cinque (Lazio, Genoa, Chievo, Crotone, Verona, oltre all'incerta Udinese).



TOTO A.D.- Ieri in Lega erano presenti, tra gli altri, Marotta, Cairo, Baldissoni, Ferrero, Gardini. C' una forte convergenza sui candidati a presidente e amministratore delegato. Per il primo si lavora a un profilo in netta discontinuit con i vertici del calcio italiano, condizione che taglia fuori l'attuale numero 1 della Lega Pro, Gabriele Gravina. Va da s che questo gruppo di societ non ci pensa minimamente ad accettare il candidato di Lotito, l'ex vice comandante della Guardia di finanza Ugo Marchetti. Quanto all'a.d., la scelta dovrebbe cadere su Sami Kahale, presidente per il Sud Europa Procter & Gamble in uscita: una soluzione che piace a Cairo e agli altri membri della commissione di Lega incaricata di esaminare i candidati, con la consulenza dei cacciatori di teste Egon Zehnder. Non va scartato, comunque, Luigi De Siervo, a.d. di Infront Italy, che continua a riscuotere un certo consenso ed stato impegnato negli ultimi mesi nella progettazione del canale della Lega.



VANTAGGI E RISCHI - L'accoppiata presidente-amministratore delegato darebbe forma alla nuova governance, dimpronta manageriale, della Serie A, da completare con i consiglieri federali (Marotta in pole per un posto) e i consiglieri di Lega. Il fronte delle dieci societ, pur riconoscendo la necessit di una riforma radicale del sistema federale, in primis le norme sulla rappresentanza in Figc che assegnano alla A solo il 12% contro il 34% dei Dilettanti e il 17% della Lega Pro, ha il timore di vedersi sfilato il pallone per lungo tempo, visto che lo stesso Malag ha parlato di un commissariamento "lungo e con ampi poteri". E, considerata leccezionalit del momento dopo leliminazione degli azzurri dal Mondiale, il commissario della Federcalcio non potrebbe che essere il capo del Coni, verso il quale i club in questione nutrono il massimo rispetto ma, allo stesso tempo, rivendicano il desiderio di tornare a essere protagonisti della scena.



DIRITTI TV - Ieri, nella riunione della commissione diritti tv, si sono quasi finalizzati i pacchetti per il bando domestico 2018-2021. Lo scenario del mercato italiano resta incerto e i club sono preoccupati, dopo l'asta deserta di giugno. Resta valido il piano B del canale della Lega. E, come alternativa alla vendita diretta, qualcuno evoca il ricorso a un soggetto terzo che faccia da intermediario unico e indipendente acquistando i diritti e rivendendoli alle varie piattaforme: gli indizi portano a una societ riconducibile a Bogarelli.





               

Vai al forum