* ::: Street Radio :::

OPEN POP-UP In onda ora su :::streetradio:::
SIAE 871/I/07-987 Radio amatoriale - SCF 346/10 -
WRA 42-01/2016

Autore Topic: #LazioFiorentina | Conferenza stampa, Inzaghi: "Battere il maestro Pioli per ripartire"  (Letto 29 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9394
  • Karma: +6/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.sslazio.it

Il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello per presentare la gara Lazio-Fiorentina, in programma domani allo Stadio Olimpico di Roma alle ore 18:00.

“Domani mi aspetto un avversario scomodo: la Fiorentina vanta ottime individualità ed è allenata da un tecnico molto bravo che conosco personalmente. Pioli prepara molto bene le sfide. Dovremo essere attenti e ripartire al meglio dopo la sconfitta ottenuta nel derby offrendo una prestazione di determinazione ed umiltà. Sarà necessario essere una vera squadra ed aiutarci sul terreno di gioco perché la gara non sarà semplice, ma dobbiamo riprendere il nostro cammino. A livello difensivo devo fare delle valutazioni, ho ancora due sedute a disposizione per prendere le mie scelte: l’assetto tattico non cambierà.

Giovedì ho ricevuto le giuste indicazioni, ci sono tanti giovani in rosa che possono aiutarci nel nostro percorso, ma ora ci interessa la gara di domani che sarà molto insidiosa contro una compagine che vanta ottime individualità. Sappiamo che siamo reduci da una grande delusione, ma ho parlato tanto con la squadra; siamo passati già nella passata stagione per una sconfitta nel derby, dobbiamo ripartire più forti di prima con determinazione ed umiltà. Rispetto alle nostre dirette avversarie abbiamo acquisito un grande vantaggio: parlo dell’Atalanta, del Milan e della Fiorentina che sono le compagini con le quali ci eravamo sfidati nella passata stagione per accedere in Europa League. Siamo in piena corsa e vogliamo restare tra le più forti della classe, non siamo in alto per caso e vogliamo provare, nonostante sia difficile, a restare tra i vertici ancora per tanto tempo.

Immobile non ha giocato giovedì, ma era pronto: si è allenato bene negli ultimi giorni, domani giocherà e darà il suo contributo al 100%. Per quanto riguarda Nani non ho ancora notizie, oggi erano previsti gli accertamenti ed avremo aggiornamenti al termine della seduta di rifinitura. Wallace e Caicedo hanno preso parte alle ultime due sedute d’allenamento, ma è ancora prematuro il loro impiego da titolari. Sono due calciatori importanti e mi auguro possano portare a termine nel migliore dei modi la seduta di oggi per convocarli e portarli in panchina. L’esordio di Miceli? È un premio ai nostri ragazzi ed al nostro Settore Giovanile che sta lavorando molto bene. Questi debutti non sono casuali, ma dettati dall’atteggiamento degli interpreti in allenamento: non mi sono mai fatto problemi a lanciare giovani, parlo costantemente con il tecnico della Primavera Andrea Bonatti e potrebbero emergerne altri.

Pedro Neto sta lavorando molto bene con i suoi compagni, è molto giovane: si sta ambientando e sta imparando la lingua. Ha grandissime qualità e le assenze di Felipe Anderson e Nani mi porteranno a valutarlo partita dopo partita: sono comunque contento per come si sta allenando. Domani faremo la nostra partita, conosciamo le caratteristiche della Fiorentina e cercheremo di creare più insidie possibili. Abbiamo analizzato i viola e ci servirà una gara di grande corsa ed aggressività: dovremo esser umili e squadra, altrimenti la partita potrebbe complicarsi.

Speriamo di recuperare molto presto Felipe Anderson e Nani: per noi sono due calciatori molto importanti. Ogni squadra sfrutta le caratteristiche suggerite dai calciatori che la compongono, le squadre di Pioli sono sempre molto aggressive: lo scorso anno abbiamo affrontato due volte l’Inter del tecnico parmense e abbiamo raccolto una sconfitta ed una vittoria. Mi auguro che il confronto di domani possa sorridere alla Lazio. Ho imparato molto da Pioli, mi fermavo spesso a parlare con  lui quando lavoravamo fianco a fianco: impartisce dei concetti molto chiari alle sue compagini ed era un piacere parlare di calcio con lui. Ho un ottimo ricordo di lui e mi fa sempre piacere rivederlo. Lui ed il suo staff oltre ad essere molto competenti, erano persone gradevoli”.

Vai al forum