Autore Topic: FOCUS - Da Grdig a Waregem, Felipe Anderson is back! E adesso Inzaghi pensa ad un cambio modulo  (Letto 12 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 9882
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.LaLazioSiamoNoi.it



                            stata dura aspettare tutto questo tempo", non dirlo a noi Felipe. "Sono felice, mi sento bene e voglio tornare in forma il prima possibile", grazie al cielo Felipe. Minuto 55' di Zulte Waregem - Lazio sul cronometro dell'arbitro grecoKalogeropoulos. I capitolini sono sotto in una gara inutile in termini di risultati.Inzaghisi gira verso la panchina e fa un cenno ai suoi collaboratori. Pipetocca a te. Si alza la lavagnetta luminosa, esce Crecco, entra il numero 10, e finalmente la partita contro i belgi adesso ha un senso. Occhi verso il cielo, mani aperte in segno di preghiera, FelipeAnderson"is back"."Speriamo di poterlo farscendere in campo trenta minuti", aveva dichiarato il tecnico piacentino in conferenza stampa. Gliene ha concessi pi di 35. Quasi un tempo intero per il brasiliano, che ha regalato giocate e messo in campo tutta la sua determinazionedopo mesi di calvario, di preoccupazioni e di ansie. Quattro mesi lunghissimi, vissuti senza un pallone fra i piedi. Come dentro un tunnel senza vedere mai la luce. Un disagiotestimoniato dalle foto in bianco e nero pubblicate sui propri profili socialda quel momento in poi.



FUORI DAL TUNNEL - La gara di ieri la fine di un incubo cominciato a fine luglio, in occasione dell'amichevole contro il Bayer Leverkusena Grdig, durante il ritiro austriaco. Un problema lieve dai primi accertamenti, tant' che nonostante il dolore, Anderson tra i convocati della sfida per la Supercoppaitaliana contro la Juventus. Inzaghi non lo rischia, la Lazio vince lo stesso, Luis Alberto sembra essere un altro giocatore. Insieme allo staff medico si decide di procedere con calma. Esami e controlli pi specifici evidenzianouna tendinopatia inserzionale calcifica a carico delladduttore sinistro, un problema di non poco conto. I tempi di recupero non sono stimabili, ma il brasiliano inizia volenteroso il suo percorso. Palestra, piscina, esercizi specifici, riposi precauzionali, controlli periodici.Andersonguarda il campo da lontano, ma lavora duro e sempre a testa alta. Fino a ieri. Fino a quel cenno di Inzaghi. tornato a vivere a colori Felipe. "Obiettivi? Acquisire il ritmo partita. I miei compagni giocano a livelli alti, devo essere al loro passo", non ancora finita, ma la strada ora in discesa, eil meglio deve ancora venire.



IPOTESI CAMBIO DIMODULO - Per recuperare il ritmo partita e per rivederlo al 100% ci vorr ancora un po', ma Simone Inzaghi gi da tempo sta pensando a dove poter inserire il brasiliano, in una squadra che gira quasi alla perfezione e che sembra aver trovato la sua quadratura. Tenerlo fuori sarebbe un delitto, cos come fuorida ogni dubbio che Luis Alberto continuer a far parte dell'undici titolare. "Penso che questanno torner a giocaredavanti, per il mister sa che sono sempre disponibile e pu contare su di me". C' pi gusto a giocare davanti, Felipelo sa. Soprattutto in questa Lazio che gioca e si diverte, vincendo e segnando raffiche di gol. Lo scorso anno, soprattutto dopo l'esplosione di Keita, il brasiliano aveva dovuto adattarsi nel 3-5-2 come esterno di centrocampo. Un ruolo che presuppone anche dei compiti difensivi, e che in un certo qual modo aveva limitato la sua creativit e la sua pericolositin fase offensiva. Nonostante tutto per,tra campionato e Coppa Italia erano arrivati 5 gol e 14 assist, fondamentali e decisivi per il cammino dei biancocelesti. Nel pre-campionato per, prima dell'infortunio, Andersonaveva sempre giocato al fianco di Immobile.Inzaghicon il suo ritorno prover in ogni modo ad inserire in campo pi qualit possibile, e questo presuppone il graduale reinserimento del brasiliano. L'opzione principale per vederli tutti all'opera insieme, potrebbe essere quella del cambio modulo. Abbandonare il tanto caro 3-5-2, per passare al 3-4-1-2, con Luis Alberto ad inventare proprio alle spalle di Anderson e Immobile. Afarne le spese sarebbe molto probabilmente Adam Marusic, tra le sorprese pi liete di questo inizio stagione, ma apparso leggermente in flessione nell'ultimo periodo. Un "problema" che per non potr che far piacere al tecnico piacentino, che con i tanti impegni avr sicuramente pi possibilit di far girare i suoi uomini migliori (in attesa anche del rientro di Nani). La cosa pi importante che la Lazio abbia ritrovato il suo 10, che non vede l'ora di tornare a far cantare i suoi tifosi. "FelipeAnderson, la la la la, FelipeAnderson la la la la"...