Autore Topic: Lazio infuriata, Diaconale:  (Letto 40 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 11726
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio infuriata, Diaconale:
« : Marted 12 Dicembre 2017, 09:00:12 »
www.goal.com 


 Si frenano ulteriormente le ambizioni di altissima classifica della Lazio, sconfitta sul proprio campo da un Torino mai domo: gar per pesantemente condizionata dall'espulsione di Immobile a fine primo tempo, quando i biancocelesti hanno fortemente protestato per un calcio di rigore non concesso che avrebbe potuto cambiare l'inerzia dell'incontro.

 Tanta la rabbia del club capitolino, manifestata in maniera netta dal responsabile della comunicazione, Arturo Diaconale, molto duro ai microfoni di 'Lazio Style Channel': "Il Club indignato per dei comportamenti ripetuti in pi occasioni che hanno danneggiato la Lazio: questi lasciano alimentare il sospetto che ci sia un disegno per azzoppare il campionato dei biancocelesti. La tecnologia solo uno strumento e deve essere interpretata dalle persone: queste interpretazioni non sono corrette; una volta pu capitare una valutazione sbagliata in buona fede, anche per la seconda si pu ancora credere possa essere in buona fede, ma la terza rappresenta il terzo indizio di una prova, noi siamo alla quarta ed anche ripetuta. Queste prove testimoniano un problema verso il quale bisogna protestare, non si pu restare immobili e subire tutto ci che ingiustificabile".

"La protesta ufficiale - continua Diaconale - la sto esprimendo a nome della Societ, del Presidente Claudio Lotito e della squadra che uscita da questa gara colpita per leccesso di penalizzazione che c stato. Non giusto che un gruppo che lavora e che simpegna venga penalizzato in maniera cos irregolare".

La speranza che in futuro le cose possano cambiare: "La gente laziale deve continuare ad essere responsabile: la Societ esprime questa protesta anche a nome dei tifosi laziali. Evidentemente ci auguriamo che questa protesta possa servire in futuro ad ottenere comportamenti meno irresponsabili. Lirresponsabilit, dunque, non riguarda solo calciatori e tifosi, ma pu anche toccare altri soggetti".

In zona mista, Diaconale ha rinforzato il concetto: "Purtroppo non si pu credere minimamente alla buona fede, evidentemente la posizione della Lazio crea in qualche modo fastidio. Possono anche dircelo, cosi giochiamo soltanto in Europa League. E' evidente come qualcosa non funzioni, c' il rischio di compromettere il torneo. Il VAR solo un mezzo, non d interpretazione. La colpa di chi utilizza che finisce per danneggiarlo".