Autore Topic: Lazio, Inzaghi: "Grande reazione. La mia espulsione? Arbitro prevenuto"  (Letto 47 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 12044
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.repubblica.it

Il tecnico biancoceleste dopo il ko con l'Atalanta
BERGAMO - "Una bella risposta su un campo non semplice. Era la terza partita in sei giorni, sapevamo che avremmo potuto soffrire: dopo un buon inizio abbiamo preso quell'uno-due che avrebbe steso chiunque ma i ragazzi sono stati bravi a incassare due schiaffi e non disunirsi, poi abbiamo commesso un'ingenuità su rigore e quindi è arrivato il 3-3.



Penso che non si sia annoiato nessuno". Simone Inzaghi commenta così lo spettacolare pareggio di Bergamo. Il tecnico della Lazio è stato espulso da Irrati per proteste dopo un fallo di Hateboer su Radu punito dal fischietto toscano 'soltanto' con l'ammonizione. "Non avevo detto una parola, ho solo alzato una mano per quel fallo fatto sotto di me, mi dispiace perchè avevo protestato e Irrati mi ha mandato via. Quest'anno non ho mai avuto un'espulsione, ho sempre avuto un comportamento impeccabile, Irrati era forse un pò prevenuto nei miei confronti. In quel fallo sono forse entrato di cinque centimetri in campo, poi mi ha 'curato' sotto il tunnel. Mi dispiace perchè non ho mancato di rispetto a nessuno. Non vedeva l'ora di mandarmi fuori".





La Lazio fa un passetto in avanti ma continua a subire tanti gol: "Uno dei nostri difensori, Wallace, non l'abbiamo quasi mai potuto utilizzare, sta rientrando e con lui possiamo e dobbiamo fare meglio. Avremo una settimana piena, cercheremo di recuperare giocatori importanti e cercheremo anche di crescere. Luis Alberto? Si cerca la posizione in campo, sa da solo dove collocarsi in campo".





Doppietta per Milinkovic-Savic: "Da un po' di tempo lo dico, Sergej ha 22 anni e una qualità grandissima, riesce ad abbinare anche una grandissima quantità, ci aiuta anche in fase di non possesso. E' un giocatore completo con ampi margini vista l'età, ma sta dimostrando di essere fortissimo in entrambe le fasi di gioco". Inzaghi loda l'Atalanta: "Mi manca di vedere soltanto l'Inter e il Crotone, l'Atalanta mi ha impressionato più di tutte per ritmo e qualità di gioco, non a caso è arrivata quarta lo scorso anno e in classifica ha qualche punto di ritardo ma sta giocando l'Europa League. Non era facile, ma anche stasera abbiamo dimostrato che non molliamo e che vogliamo giocarcela fino alla fine. Vogliamo rimanere attaccati a quel treno, a stretto contatto con le prime, perchè ce lo meritiamo". Quando si rivedrà Felipe Anderson titolare? "Già in Coppa Italia contro il Cittadella lo è stato, oggi è entrato e mi ha soddisfatto, non era facile ma è stato bravo, si è fatto trovare pronto. Ora - conclude Inzaghi - avremo partite attaccate: il Crotone, poi la Coppa Italia, sicuramente una delle due la farà. Sta sempre meglio, è normale che dopo tanti mesi abbia ancora un'autonomia limitata".



LUIS ALBERTO: "MERITAVAMO LA VITTORIA" - "Questa sera abbiamo mostrato grande carattere ma dovevamo giocare così da subito - dice Luis Alberto ai microfoni di Mediaset Premium -. I primi venti minuti non eravamo in campo e non possiamo permettercelo. Alla fine meritavamo di vincere ma non si può iniziare una partita con uno svantaggio di due gol. Se questa squadra gioca tutta la partita come sa, può battere tutti. Dobbiamo migliorare la concentrazione nei primi minuti perchè non è possibile segnare 3 gol in trasferta e non vincere". Il fantasista biancoceleste infine conclude commentando così il suo primo gol in trasferta: "Sono contento per il primo gol fatto fuori casa ma io volevo vincere perchè per me è la cosa più importante".

Vai al forum