#Auronzo2018 | Day 4 #Auronzo2018 | Day 4 -> Si chiude la quarta giornata della pre-season dei biancocelesti sotto le Tre Cime di Lavaredo. (...) ---  
#Auronzo2018 | Conferenza stampa, Luiz Felipe: "Voglio farmi trovar pronto per replicare l'ultima stagione" #Auronzo2018 | Conferenza stampa, Luiz Felipe: "Voglio farmi trovar pronto per replicare l'ultima stagione" -> Al termine della gara amichevole con l'Auronzo, il difensore biancoceleste Luiz Felipe Ramos (...) ---  
AURONZO GIORNO 4 - Lazio, record di gol contro l'Auronzo: finisce 20-0 nel segno dei giovani AURONZO GIORNO 4 - Lazio, record di gol contro l'Auronzo: finisce 20-0 nel segno dei giovani -> AURONZO - C il sole, lentusiasmo, i gol e gli applausi della gente. La prima (...) ---  
Lazio-Auronzo: tabellino e marcatori Lazio-Auronzo: tabellino e marcatori -> IL TABELLINO 90 - Rossi sigla il gol del record: ventesimo gol della partita, il successo poi (...) ---  
#Auronzo2018 | Guerrieri: "Per me la Lazio è come una seconda famiglia" #Auronzo2018 | Guerrieri: "Per me la Lazio è come una seconda famiglia" -> Al termine dellallenamento mattutino, il portiere biancoceleste Guido Guerrieri intervenuto ai (...) ---  
#Auronzo2018 | Al termine di Lazio-Auronzo, la conferenza stampa di Luiz Felipe #Auronzo2018 | Al termine di Lazio-Auronzo, la conferenza stampa di Luiz Felipe -> Quarto giorno di ritiro per la Prima Squadra della Capitale ad Auronzo di Cadore. Archiviate le (...) ---  
#TrainingSession | Seduta atletica per i biancocelesti #TrainingSession | Seduta atletica per i biancocelesti -> Allenamento mattutino per la Prima Squadra della Capitale che, questa mattina alle ore 10:00, si (...) ---  
Calciomercato, Lazio-Gomez si pu ma solo a 10 milioni Calciomercato, Lazio-Gomez si pu ma solo a 10 milioni -> L'Atalanta chiede almeno 15 milioni, Lotito invece vuole inserire delle contropartite oltre (...) ---  
Il Flaminio vede la luce, l'ass. Frongia Il Flaminio vede la luce, l'ass. Frongia -> Spunta una nuova luce di speranza per il futuro del Flaminio.Lo storico stadio romano, da (...) ---  
Minala ad Auronzo si gioca la Lazio: potrebbe avere un ruolo alla Onazi Minala ad Auronzo si gioca la Lazio: potrebbe avere un ruolo alla Onazi -> Sembrava destinato a salutare, invece qualche dubbio lo sta mettendo. Addiritturapotrebbe (...) ---  
Sponsor, la Lazio aspetta liter parlamentare del decreto dignit Sponsor, la Lazio aspetta liter parlamentare del decreto dignit -> Acquisti, cessioni e anche la questione sponsor nellagenda della Lazio. Secondo quanto (...) ---  
AURONZO GIORNO 3 - Stefan: l'innamoradu di Lazio AURONZO GIORNO 3 - Stefan: l'innamoradu di Lazio -> AURONZO - All'ombra del calciomercato pi che delle Tre Cime di Lavaredo. Di Stefan (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoled 18 luglio 2018 LaziAlmanacco di mercoled 18 luglio 2018 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoled 18 luglio 2018 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, Inzaghi prova i nuovi Quasi pronto Luis Alberto  Lazio, Inzaghi prova i nuovi Quasi pronto Luis Alberto -> Il tecnico biancoceleste vara la nuova squadra nel ritiro di Auronzo contro la formazione (...)

Autore Topic: IL PAGELLONE 2017 - Nel nome di Simone Inzaghi: la Lazio diventata una Super-squadra  (Letto 43 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 12320
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.LaLazioSiamoNoi.it



                           C' gloria per tutti nel 2017. Almeno per chi rimasto. Un nome perrisuonapi degli altri, una nota sopra. quello di Simone Inzaghi, condottiero di una squadra diventata super. Merito della vittoriadi agosto contro la Juventus, ma non solo. Il quinto posto ottenuto al termine della passata stagione lo ha reso importante. L'inizio di questa,fondamentale. Tante vittorie, su tutte l'aver riportato entusiasmo nell'ambiente e i tifosi allo stadio. una Lazio che si nutre finalmente di passione, a tutti i livelli: dalla societ ai calciatori, passando per il suo popolo. Andiamo ad analizzare l'anno appena trascorso, con Inzaghiminimo comun denominatore.Come d'abitudine, Lalaziosiamonoi.it vi propone il Pagellone dell'anno solare. Buona lettura!



LA SOCIET



LOTITO Claudio:Leader distratto -Claudio Lotito linstancabile. Resta il patron della Lazio, ma con molti meno compiti operativi degli anni passati. Lui punta in alto, come sempre nella sua carriera da dirigente. Lobiettivo principe per sicuramente affermarsi al di la della Lazio. La stanza dei bottoni del calcio ci a cui ambisce. Un ruolo in Federazione e la certezza di non uscire dal giro dei potenti della sfera a scacchi il suo imperativo quotidiano. Questo lo porta inevitabilmente a staccarsi dalle questioni di casa Lazio, delegate molto pi di frequente ai suoi fedelissimi. Il campionato passato ha visto il club tornare in Europa League, ma non va dimenticata una finale di Coppa Italia raggiunta e una Supercoppa alzata in cielo difronte alla Juventus dei campioni. Ha condiviso acquisti e cessioni con il diesse Igli Tare. In ambito di mercato il saldo non pu che ritenersi positivo. Ottimi sono stati gli affari di Keita (ceduto a pi di 30 milioni, praticamente a scadenza) e di Lucas Biglia altri 17 milioni. Allapparenza un po un azzardo risulta l'innesto del duo baby portoghese Neto-Jordao (costato parecchio), ma in generale la squadra consegnata ad Inzaghi sembra essere migliorata al netto delle partenze. Significativa la mano tesa del club alla gente. Segnali di disgelo che hanno contribuito a far da collante fra squadra, societ e tifosi.VOTO 6.5



TARE Igli:"Io vi trover" -Dal celebre film con protagonista Liam Neeson. Igli Tare si muove cos sul mercato. Non gli sfugge nulla. Scova dove gli altri non immaginano, tratta dove nessuno sa. Il suo successo pi grande si chiama Milinkovic Savic, sul quale dal 2015 ha puntato parecchio. Oggi il serbo vale pi di 100 milioni di euro e potrebbe rappresentare in prospettiva la cessione pi remunerativa per un club dal big ben del calcio in Italia. Ma la trovata pi suggestiva del diesse albanese in questa stagione, affonda le radici in quella passata. Il suo nome Luis Alberto e della Lazio ormai lautentico artista. Dopo la trasformazione da un anno allaltro da bruco a farfalla, il talento spagnolo si preso la scena. Oggi vale un capitale e Igli Tare gongola pensando al suo gioiello. I successi di Tare per non campano di rendita e allora come non nominare Lucas Leiva. Il suo approdo alla Lazio stato un autentico colpo di teatro, subito dopo la partenza di Biglia. Leiva ha scelto di sposare i colori biancocelesti abbandonando la Premier. Un salto multiplo, passato sicuramente dal lavoro di diplomazia operato da Tare. La campagna acquisti estiva non si conclusa ad agosto. L'ultimo affare stato programmato per gennaio. Tra poche ore infatti si riaprir il mercato e la Lazio arruoler subito Martin Caceres, parcheggiato a Verona. Ottimo il rinnovo di Milinkovic. Caotica invece la gestione del contratto di De Vrij. Tare e Lotito stanno provando da mesi a trattenerlo. l'ultima stagione in biancoceleste serve un prolungamento per non perderlo a zero. Lo sforzo c' stato. Lasticella dell'offerta si alzata, ma senza far saltare il banco. Perderlo senza indennizzo rappresenterebbe comunque una sconfitta. Il diesse albanese cresciuto parecchio negli anni. bravo, ambito da parecchi club. Una fortuna averlo alla Lazio.VOTO8



PERUZZI Angelo: Altrimenti ci arrabbiamo - Facciamo una scommessa: se doveste sentire qualcuno parlare male di lui no dai, impossibile. Il club manager della Lazio sa come farsi volere bene. E come farsi rispettare. Anzi, ancora di pi: sa benissimo come far rispettare le regole dentro lo spogliatoio. Facile, direte voi, grande e grosso com: se fosse un giudice di Masterchef, Cannavacciuolo dovrebbe trovarsi un altro talent. Ricordate la sfuriata di Lulic dopo la sostituzione di Bologna? Io e Angelo lo abbiamo subito preso in disparte - scherz (forse) Tare . Noi siamo belli grossi, in quel momento poteva solo dirci che era d'accordo con noi. Ma oltre le (s)palle c di pi, a cominciare dallesperienza e dal carisma, dalla concretezza e dalla saggezza che gli ha donato la sua terra, lentroterra viterbese. Non ho la bacchetta magica, aveva messo in chiaro al momento del suo ritorno a Formello, nellestate di un anno fa. Le bacchettate (sulle mani) per non le risparmia, anche se preferisce assai di pi il dialogo, il confronto faccia a faccia, il che problema chai? Vie qua e lo risolviamo. Ci ha provato anche con Keita, ma la frattura in quel caso era insanabile anche per lui. Per il resto, patti chiari e amicizia lunga: di agosto il documento con i punti cardine della condotta che ogni giocatore deve mantenere. Voleva firmare solamente per tre mesi, a fine stagione festegger il secondo anno da mastice tra dirigenza, allenatore (con Simone Inzaghi la sintonia pressoch totale) e squadra. E ultimamente lo vediamo anche pi spesso intervenire di fronte alle telecamere: per la Lazio, questo, pu essere solo che un bene. Di lui, dicevamo, parlano tutti bene: da Lotito a Tare, da Diaconale a giocatori attuali ed ex compagni. La sintesi migliore, per, di un personaggio storicamente distante dal mondo biancoceleste: Il suo un contributo eccezionale - i complimenti sono di Luciano Spalletti -, uno di quelli che ci parli due volte e ci diventi subito amico. Secondo noi, per diventarci amico, basta anche una volta sola. VOTO 7.5



DE MARTINO Stefano:Lazio Style -Dopo tanti anni di Lazio, per qualche attimo la sua immagine ha vacillato. Il rischio fu l'inserimemto nello staff della comunicazione di Arturo Diaconale. Il terremoto dur poco per, giusto il tempo di assestarsi. De Martino e la Lazio sono una cosa sola. Professionalit e cuore laziale, "Lazio style" insomma. Il Responsabile della Comunicazione il padre di tutti gli strumenti del comunicare biancoceleste. Dalla rivista inaugurata nel 2010 all'agenzia ufficiale della SS Lazio messa online nel 2016. Pozzo di idee inesauribile, De Martino si applica quotidianamente nellosmosi necessaria fra linterno e lesterno dellaffollato mondo biancoceleste. Il suo ruolo di Responsabile della Comunicazione lo svolge a pieno, con tanta dedizione e voglia di fare. Cura i media da lui realizzati ed disponibile nel fornire assistenza ai giornalisti dell'ambiente Lazio, quando necessario. Aspetti da migliorare: resta il solito neo biancoceleste: Accorciare la distanza fra il tifoso e la squadra non solo attraverso organi ufficiali, ma avvalendosi anche del mondo circostante. Ci ovviamente esula dalla sola volont di Stefano De Martino, ma ora potrebbe essere giunto il momento di spingere fortemente in questa direzione. Una tale mossa, gli consegnerebbe la corona indiscussa della Comunicazione Lazio. VOTO7.5



DIACONALE Arturo:"Il portavoce" -Pi di un Responsabile della Comunicazione. Diaconale rappresenta la societ. Il suo verbo, i suoi comunicati sonno la perfetta trasposizione del Lotito pensiero. Arturo Diaconale ha speso spesso la sua immagine e il suo carisma a difesa della Lazio. Non ha mai temuto ritorsioni, nemmeno in Rai, dove lui ha un peso specifico importante. La Lazio innanzitutto! Laziale dentro e uomo saggio, stato un buon collante fra la gente e il club. Il suo operato finalmente si dimostrato utile. VOTO7



L'ALLENATORE



INZAGHI Simone: Puro e disposto a salire a le stelle - Comera la storia del secondo anno? Una stagione da urlo, quella dopo una presa a male epica. E di nuovo cos, nelleterna girandola del gi previsto. Bene, Simone il fu Inzaghino, ora semplicemente Inzaghi, a questa infelice tradizione ha dato un bel calcio nel didietro. Nel cuore dei tifosi, anzi, questa sua Lazio-capitolo 2 si sta ritagliando uno spazio anche pi grande rispetto alla Lazio-capitolo 1 (senza contare il finale del 2015/16). E se il vero capolavoro della scorsa stagione era stata laccoppiata derby di Coppa Italia-derby di ritorno di campionato, a met agosto il trionfo in Supercoppa Italiana aveva gi alzato lasticella delle aspettative. Giovane, preparato e determinato lui, spavalda, unita e coraggiosa la sua squadra: Simone ha plasmato un gruppo a sua immagine e somiglianza, umile ma allo stesso tempo ambizioso. E che ha trovato la forza dentro di s, proprio quando allesterno la tendenza comune era a snobbare la Lazio nella corsa ai vertici: Fino alla Supercoppa nessuno ci metteva nelle prime otto - comment sarcastico Inzaghi dopo la vittoria contro la Juve - adesso forse qualcuno ci metter al sesto posto. Nel frattempo, lasticella si sollevata ancora di pi: il campione dItalia del 2000 ora vuole fortissimamente quel pass per la Champions League che gli sfuggito lo scorso anno. Intanto la sua Lazio quella che, nella storia biancoceleste, ha segnato pi gol di tutte nella prima met di campionato: nel pantheon degli allenatori laziali, Simone vuole entrarci in grande stile. E poi non dimentichiamocelo: se Luis Alberto diventato oggi un trascinatore di folle, una buona parte del merito anche suo. Perch Inzaghi, nello spagnolo, ci ha creduto. Come crede nei suoi ragazzi, nella bont delle sue idee e in quelle del suo staff. Questo voto non pu che essere infatti anche per il suo vice Farris, per i collaboratori Cecchi e Cerasaro, per i preparatori Ripert, Bianchini, Fonte, per Grigioni e per tutti quanti lavorano ogni giorno a stretto contatto con il tecnico piacentino. Una squadra al servizio della squadra, quella che scende in campo e rende orgogliosi i tifosi. VOTO 9



LA SQUADRA



PORTIERI



GUERRIERI Guido: Chi lha visto? - Nessuna presenza e zero minuti giocati in tutto il 2017. Lannus horribilis per Guerrieri, che nei primi sei mesi ha sempre fatto panchina a Trapani. Eppure in Sicilia nel 2016 era partito con i galloni del titolare, ma un po i suoi errori, un po la stagione sfortunata della squadra hanno fatto s che perdesse il posto. Tornato in estate a Roma con speranze da vice Strakosha, Inzaghi gli ha preferito anche Vargic. Per lex Primavera un ruolo da terzo portiere, sebbene il croato non sia sembrato ineccepibile nelle due apparizioni in Europa League. La svolta per Guido pu arrivare dalla fiducia che in lui ripone la societ, tanto che il mese scorso stato prolungato il contratto fino al 2021. Del resto anche Strakosha prima di diventare quello che diventato ha dovuto penare un po in quel di Salerno. Il nome di Guerrieri pu essere caldo nella finestra di mercato di gennaio, del resto mettere minuti non pu che fargli bene. VOTO ng



MARCHETTI Federico: Desaparecido- Un 2017 da incubo quello del portiere di Bassano del Grappa. Nonostante la fiducia di Simone Inzaghi, che lo aveva sempre considerato il titolare inamovibile della squadra, Marchetti col passare dei mesi si perso. Prima i problemi fisici, poi l'ascesa di Thomas Strakosha, lo hanno portato pian piano a sparire dai radar. In questo anno solare che volge al termine, sono solo 5 le presenze collezionate, 4 in campionato, e una in Coppa Italia nei quarti di finale contro l'Inter. L'ultima apparizione risale invece al 5 febbraio 2017, in occasione della sfida con il Pescara, vinta dai biancocelesti per 2-6 sul campo degli abruzzesi. Da quel momento in poi si sono perse le sue tracce, e anche Vargic e Guerrieri gli sono stati preferiti per il ruolo di secondo e terzo portiere. fuori dalla rosa dei 25 giocatori, e il suo contratto scadr il 30 giugno 2018. Da quel momento Marchetti sar libero di decidere il suo futuro. A 34 anni avrebbe ancora del tempo per provare a rilanciarsi in una realt diversa. Star a lui decidere, se provare a darsi una seconda possibilit, oppure se appendere definitivamente i guantoni al chiodo. VOTO ng



STRAKOSHAThomas: Audace- NellOlimpo delle stelle coi guantoni, in casa Lazio, destinato ad entrarci presto il buon Thomas. Chewing-gum sempre in bocca, spavalderia che non guasta, il tutto condito da un talento purissimo. Tra i pali un ragno, soffre insieme alla squadra, sente il bisogno di tenere la porta inviolata. In Serie A l'albanese il portiere che tocca pi palloni, come un portiere di calcio a cinque, a Thomas piace sentirsi parte del gioco. Il 2017 lo vede consacrarsi a livelli altissimi: Inzaghi non ci rinuncia mai, di fatto non esiste neppure un suo vice. Il punto pi alto del suo 2017 il rigore parato oltre il novantesimo a Dybala, decisivo per una vittoria storica allo Stadium con la Juventus. Questo stato anche lanno del rinnovo fino al 2022, altro step di un percorso incredibile. Un altro portiere fatto in casa, e che punta alla Hall of Fame dei numeri uno transitati a Formello. VOTO 7.5



VARGIC Ivan: Ricomincio da tre Diceva Troisi a un dubbioso Lello Arena: Tre cose mi sono riuscite nella vita, perch devo perdere anche quelle?. Una citazione che potrebbe fare al caso di Ivan Vargic, ma con le dovute modifiche. Perch effettivamente le presenze totalizzate dal secondo portiere biancoceleste nellarco dellormai passato 2017 sono tre. Ma non tutte hanno avuto un riscontro positivo. Nel match Lazio Inter della seconda parte della scorsa stagione fece il suo esordio con laquila sul petto. Non proprio una giornata da segnare sul calendario, dato che la squadra di Inzaghi ne usc sconfitta. Vargic per ebbe la possibilit di presentarsi ai suoi tifosi, consapevoli che per i 3 gol subiti dai nerazzurri il portiere non avesse colpe. A peccare fu la difesa. Di responsabilit ne ha avute poche anche nel pareggio del 23 novembre scorso contro il Vitesse. Lo stesso per non si pu dire per la sconfitta contro lo Zulte Waregem nellultimo match del girone K dellEuropa League. In quella partita di errori ne ha commessi. evidente, ha ancora molto lavoro da fare. Ma questo il periodo migliore per i buoni propositi. E ritornando alla celebre citazione di Massimo Troisi: Quello che stato stato. Adesso basta: ricomincio da tre!. VOTO 5



DIFENSORI



BASTA Dusan:Corri Dusan, corri - L'anno che sta per volgere al termine, rimarr sicuramente impresso per sempre nella testa di Dusan Basta. Classe 1984, il terzino serbo ha ancora tanta voglia di correre su quella fascia. Il 2017 gli ha regalato la prima rete in campionato con la maglia della Lazio, per di pi in un derby. Una rete decisiva, che ha ribaltato le sorti di una gara che sarebbe potuta essere pi amara, dopo il rigore inesistente fischiato a Strootman. Ma anche il primo trofeo in Italia e in maglia biancoceleste, con la vittoria della Supercoppa Italiana ad agosto contro la Juventus. Una liberazione dopo le tre finali perse con i bianconeri, e la qualificazione in Champions fallita nei preliminari con il Bayer Leverkusen. Anche in questa stagione, partito titolare nello scacchiere di Simone Inzaghi, poi l'ennesimo problema muscolare accusato nella gara contro il Napoli, gli ha fatto perdere terreno nei confronti di Adam Marusic, esploso da quel momento in poi. Dusan da professionista qual per, si accomodato in panchina, ha aspettato le sue occasioni e le ha sfruttate al meglio, togliendosi anche la soddisfazione di indossare per la prima volta la fascia da capitano, nella sfida di Europa League col Vitesse. Rimane tra i giocatori pi affidabili e preziosi tra quelli a disposizione di Inzaghi, che sa di poter contare su di lui. La competizione non potr che fargli bene e dargli ulteriori stimoli, in una stagione che si prospetta ricca di impegni. VOTO 6.5



BASTOSQuissanga: Un muro (a volte) friabile - Premessa: secondo i canonici difensivi italiani, ogni squadra deve avere in rosa un giocatore roccioso e veloce nel reparto arretrato. Bastos uno di questi. Agile, muscoloso, potente e fisico. Perfetto per lo stile di gioco in Italia. Laltra faccia della medaglia? A volte ruvido, troppo consapevole dei suoi mezzi alla Hulk. E sbaglia. Tra infortuni e tante panchine ad inizio anno si visto poco. Simone Inzaghi lo rilancia nella stagione 2017/2018. Lex Rostov sale in cattedra, diventa un fedelissimo dopo linfortunio di Wallace. Segna pure 3 gol. Ha per momenti di totale appannamento. Quando dovrebbe spazzare via la palla, la tiene. Altre disattenzioni costano caro alla Lazio, come a Bergamo contro lAtalanta, irruento in area con un rigore causato, come con la Roma, situazione simile. Gli serve costanza per diventare un difensore al top. VOTO 6.5



DE VRIJ Stefan: Grazie di tutto- Non importa come andr a finire. E non serve analizzare tutto l'anno per descrivere il 2017 di de Vrij. Basta e avanza l'ultima partita, quella contro l'Inter. Marcare il capocannoniere della Serie A un compito ingrato per qualunque difensore del campionato, non per il pi forte. Che annulla Icardi: sempre in anticipo, mai ricorso al fallo. L'argentino l'ombra di se stesso, merito di quella di de Vrij che lo segue ovunque vada. Al rientro nello spogliatoio stretta di mano, con la speranza di non rincontrarlo nel prossimo anno. O magari di averlo come compagno di squadra. Gi, perch di futuro che si parla quando c' di mezzo il nome di de Vrij. I top club d'Europa (Barcellona, Juventus, Atletico Madrid e Inter) c'hanno messo pi del dovuto, ma finalmente hanno capito: nessuno pi forte di Stefan. Un'occasione resa ancor pi ghiotta con quel contratto in scadenza 2018, ancora non rinnovato. Inzaghici spera, la societ no. Ha fatto quel che poteva, ora la palla passa all'olandese. Innamorato di Roma, ma con ambizioni Champions. E se lo merita. Comunque andr a finire, grazie.VOTO 7



HOEDTWesley: Quel futuro che non c mai stato Una promessa mantenuta a met, cos che si pu riassumere il 2017 di Wesley Hoedt. Un anno che era cominciato con le migliori premesse per il centrale olandese, che proprio nel mese di gennaio riesce a scalzare Wallace e Bastos dal blocco dei titolari dellallora difesa a 4 di mister Inzaghi. Prestazioni convincenti, capacit nellimpostazione e anche due gol tra Serie A e Coppa Italia: al netto di qualche scivolone nel finale di stagione, dovuto anche al calo generale di tutta la squadra, la prima met di 2017 passata con laquila sul petto pi che positiva. Nonostante tutto, si capisce che ben presto Hoedt avr molto meno spazio nello scacchiere di Inzaghi: i tre derby tra campionato e Coppa Italia e la finale di questultima contro la Juventus sono il chiaro segnale che il mister biancoceleste si prepara al definitivo passaggio alla difesa a 3, disposizione in cui il ruolo naturale del difensore orange occupato senza appello da Stefan de Vrij. E infatti, in tutti questi scontri fondamentali per la stagione della Lazio Hoedt resta a guardare, giocando al massimo qualche minuto da subentrato. Questa situazione, ribadita dalla finale di Supercoppa di agosto, deve aver condizionato la scelta del classe 94 di cedere allofferta pur lusinghiera anche per la Lazio dal punto di vista economico del Southampton. VOTO 6



LUKAKU Jordan: Ci vogliono 90 minuti, ce ne metter 30 - Sono il signor Lukaku, risolvo problemi. S, il nostro Jordan il Mister Wolf di Simone Inzaghi, quello da chiamare in causa quando le cose cominciano a farsi complicate. Ci vogliono 90 minuti, ce ne metter 30, sembra dire in pieno stile Pulp Fiction ogni volta che lallenatore lo manda in campo quando le difese avversarie si compattano e serve la sua energia da vera e propria forza della natura per provare a scardinarle. Come nella Supercoppa italiana contro la Juventus, decisa da Murgia proprio su un assist delizioso del belga (che da solo vale almeno mezzo punto in pi nella sua votazione finale). sempre uno dei primi cambi per Inzaghi, che lo considera (a ragione) uno spaccapartite. Letichetta non particolarmente gradita da Jordan, ovviamente preferirebbe avere pi minuti a sua disposizione. Ma davanti ha il capitano, Senad Lulic, e diventa difficile scavalcare certe gerarchie. A testa bassa, per, Lukaku si sta guadagnando sempre pi spazio e proprio sul finale di questo 2017 si tolto pure lo sfizio di realizzare il primo gol con la maglia della Lazio, aprendo le marcature nel 4-0 sul Crotone. VOTO 7.5



LUIZ FELIPE Ramos Marchi: La scommessa diventata promessa - Tra le giovani rivelazioni della Lazio. Eppure il 2016 di Luiz Felipe non si era aperto certo nel migliore dei modi. Larrivo di Bollini sulla panchina della Salernitana al posto di Sannino cambia completamente le gerarchie difensive. E il giovane brasiliano, nonostante le parole di stima dellex tecnico della Primavera, non vede pi il campo. Cinque mesi tra panchina e tribuna con la stagione chiusa in anticipo per una lesione muscolare di secondo grado al retto femorale. Poi in estate la sorpresa: Inzaghi lo aggrega ai suoi per il ritiro di Auronzo di Cadore. una benedizione per noi e la realizzazione di un sogno per Luiz", raccontava emozionata la mamma Patricia. Test superato. Il classe 97 viene confermato nella rosa biancoceleste e contro il Milan, subentrando a Radu, fa anche il suo esordio in campionato. Complice qualche infortunio e soprattutto il ricambio in campo continentale, lex Ituano diventa protagonista in Europa League dove gioca tutte le partite da titolare. Qualche sbavatura figlia dellet, ma Luiz Felipe dimostra tutti i suoi pregi: ha grande personalit, puntuale nelle chiusure (pur entrando duro quando serve) e imposta lazione a testa alta. Una crescita costante che potr proseguire con il nuovo anno. Dalla D brasiliana alla A italiana: un altro giovane di prospettiva per la Lazio. VOTO 6.5 (ng con la Salernitana)



MARUSIC Adam: E chi ti ferma pi - Proviene dal campionato belga e ha per procuratore Kezman. State tutti pensando a Milinkovic-Savic. Certo non sar Sergej, ma anche Marusic non scherza mica. Arrivato in estate quasi a sorpresa, il montenegrino ha bruciato le tappe e in pochi mesi si conquistato la maglia da titolare. Qualche fisiologica difficolt allinizio (il gol di Murgia in Supercoppa ha cancellato il suo errore sul rigore della Juventus), ma anche sfruttando l'infortunio di Basta cresciuto di partita in partita, diventando un punto di forza sulla destra. Si tolto anche la soddisfazione di realizzare i primi due gol in Serie A e di vendicarsi dello Zulte Waregem, con cui aveva perso la finale della Coppa del Belgio in maglia Ostenda. Eccellente dal punto di vista fisico, deve migliorare la qualit e la precisione dei cross, ma il tempo dalla sua parte. I 6,5 milioni pagati in estate ancora una volta ben spesi, anzi la sensazione che Marusic sia seriamente candidato a diventare un fiore allocchiello nel curriculum del ds Tare. VOTO 6.5



MAURICIODos Santos: 5 minuti solo 5 vedrai - La Lazio chiama, Mauricio risponde. La storia del centrale brasiliano con la maglia biancoceleste pu essere riassunta pi o meno cos. Venne acquistato nella sessione invernale di gennaio nel 2015 per allungare la coperta difensiva e dare una mano a un reparto in difficolt. Il 22 settembre scorso viene reintegrato nella lista dei 25, tagliando fuori Luca Crecco, dopo la moria di difensori accorsa alla squadra di Inzaghi. Una mossa necessaria, nei momenti di difficolt si pensa sempre a Mauricio. Nel mezzo c una stagione vissuta tra alti e bassi in Russia allo Spartak Mosca e conclusa alla grande con la vittoria del campionato a maggio. Con i russi nel 2017 colleziona solo due presenze, il resto del tempo lo passa in panchina guardando i compagni correre verso il titolo. Non si pu dire, per, che non abbia portato fortuna: lo Spartak si laurea campione dopo sedici anni dallultima volta. Prima i festeggiamenti, poi per Mauricio lora di tornare a Roma. Si allena come esubero, non rientra nei piani n della societ n tantomeno di Inzaghi. Ma a settembre ecco che ritorna utile: out Basta, Wallace, Bastos e de Vrij, il brasiliano viene reintegrato e strappa la prima convocazione contro il Verona (24 settembre). Attende solo unaltra settimana (1 ottobre) per ricalcare il prato dellOlimpico, Inzaghi gli concede gli ultimi 5 minuti contro il Sassuolo. Entra sul 6-1 - che poi sar il risultato finale - quando la partita gi abbondantemente archiviata. Da l in poi solo una triste alternanza tra panchina e tribuna, senza pi la gioia del campo. ancora in attesa di essere richiamato. VOTO ng (5.5 con lo Spartak Mosca)



PATRIC Gabarrn Gil: Lamico che tutti vorrebbero avere - il tempo a valorizzare unamicizia. Ma la memoria a garantirne la qualit. Patric veste la maglia della Lazio da poco pi di due anni. Ormai si fatto conoscere. Le sue capacit non sono pi un mistero. Gli hanno permesso di occupare un posto anche nellalbum dei ricordi del 2017. E basta sfogliare le pagine di questi dodici mesi per capire che quella tra lo spagnolo e la Lazio unamicizia vera. Perch nelle 26 presenze totalizzate nel corso dellanno solare Patric lo ha dimostrato: il tipo di amico che ognuno vorrebbe avere nella propria cerchia. Pronto a dare il massimo nel momento del bisogno. lui che chiameremmo nel cuore della notte. E lo spagnolo risponderebbe con una grinta tale da farci cadere gi dal letto. Negli ultimi quattro mesi, dopo larrivo di Marusic, Inzaghi lha schierato spesso in un ruolo non suo: centrale di destra. Completa disponibilit, ma anche euforia. A volte stata la troppa foga a far s che commettesse qualche errore di troppo. Il fallo allo Stadium su Bernardeschi nel recupero ha fatto perdere un anno di vita a tutti. Ma il terzino biancoceleste ha affrontato ognuna delle 16 partite giocate da titolare con lentusiasmo tipico di chi sta debuttando in Serie A. Lo stesso atteggiamento tenuto dallo spagnolo nelle occasioni che lo hanno visto entrare a partita in corso. Ecco perch Patric un amico fidato. VOTO 6



RADU Stefan: Irraducibile - Sta salendo i gradini della Storia: nono posto nella classifica all-time delle presenze (295), raggiunto e superato Rocchi nella stagione in corso. Tra poco toccher a Mauri, fermo a 303. Ci dispiace per loro e per la Romania (per niente), ma Stefan ha scelto la sua Lazionale da 10 anni. E forse questo il migliore in assoluto da quando arrivato a Roma, nel gennaio del 2008. Vive una terza o quarta giovinezza (una seconda pare riduttivo): meno infortuni, pi attenzione in difesa. Titolare fisso e ci mancherebbe altro: ha imparato a dosare la grinta, il nervosismo se n andato con la maturit calcistica. Un punto di riferimento per i compagni e per i tifosi. Molti consideravano una follia il suo rinnovo fino al 2020. Ora sembra una scadenza troppo vicina per uno come lui: a lunga conservazione. VOTO 7



WALLACE Fortuna Dos Santos: Bene ma non benissimo Una crescita esponenziale maturata lo scorso anno accanto al maestro de Vrij. Al primo anno in Italia ha saputo subito adattarsi al calcio nostrano, mettendo da parte qualche delirio di onnipotenza di troppo (impossibile da dimenticare il derby di un anno fa) per assumere, seppur in concorrenza con Bastos, i galloni da titolare. Nei movimenti della difesa a tre ha dimostrato senza dubbio maggior dimestichezza rispetto al collega angolano, pur non avendo la stessa velocit e prontezza nei riflessi. Questanno ha visto poco il campo, ma non certo per scelta tecnica: lo scorso 11 settembre, in occasione della gara contro il Milan, il brasiliano costretto a fermarsi per una lesione di secondo grado al polpaccio sinistro. Una brutta tegola che lo costringe ai box per pi di due mesi. A fine novembre, unaltra settimana di stop per un fastidio alla coscia. Ora finalmente tornato abile ed arruolabile al servizio di Inzaghi, che anche grazie al ritorno in campo dellex Braga ha finalmente registrato la difesa rendendola pi ermetica ed equilibrata. A Bergamo ha rischiato un derby bis regalando il possibile pallone del ko a Gomez. Incidenti di percorso dovuti soprattutto ad un calo di concentrazione e ad un pizzico di incoscienza, pi che a questioni tecniche. Imperfezioni comunque gravi nelleconomia delle partite, che in qualche modo rendono meno luminoso il suo percorso di crescita in Italia. Le due problematiche muscolari registrate in questi mesi, infine, fanno suonare un piccolo campanello dallarme circa le condizioni del giocatore, in passato mai soggetto a criticit di questo tipo. VOTO6.5



CENTROCAMPISTI



ANDERSON Felipe:Finalmente la continuit Il 2016 si era chiuso con pi dubbi che certezze per il brasiliano. Il 2017 stato sicuramente lanno della svolta per lex Santos che ha trovato una cosa che in tutte le altre stagioni era sempre mancata: la regolarit. Il talento verdeoro ha saputo, infatti, calarsi alla perfezione nella nuova Lazio di Simone Inzaghi accettando le scelte del mister e dando il massimo in pi ruoli. Ala nel 4-3-3, esterno a tutta fascia nel 3-5-2, seconda punta o trequartista, Pipe ha saputo adattarsi perfettamente nei ruoli disegnati per lui dal piacentino. Lallenatore, poi, non ha mai rinunciato a lui nei primi cinque mesi dellanno: dallinizio o sganciato a gara in corso per sfruttare le sue ripartenze, Simone lo ha sempre chiamato in causa. Felipe ha saltato il match con il Crotone per squalifica, ma poi ha giocato tutte le partite delle aquile. Ventiquattro presenze in totale tra campionato e Coppa Italia condite da tre gol e sei assist. Dopo le meritate vacanze, il caso e poi la cessione di Keita in estate gli regalano il posto garantito al fianco di Immobile in attacco. Nel pre-season assoluto protagonista e insieme a Ciro pronto a trascinare i suoi compagni. La sfortuna per ci mette lo zampino con un serio infortunio agli adduttori che lo mette ko per quattro mesi e gli fa saltare 20 gare. Torna in campo a dicembre nella sfida contro lo Zulte Waregem e da allora, come successo nei primi cinque mesi, gioca tutte le gare segnando anche due gol e fornendo un assist. Inzaghi parlando di lui ha detto: Felipe Anderson sar il nostro miglior acquisto del 2018. A giudicare dai numeri, chi potrebbe dargli torto?VOTO6.5



BIGLIA Lucas: Nessun rimpianto-Morto un Lucasse ne fa un altro. Dall'Argentina al Brasile il passo breve. E la Lazio sembra aver guadagnato dal cambio. Esperienza (Liverpool), personalit (niente lacrime solo sudore), continuit (nessun infortunio). L'addio di Biglia non andato gi ai tifosi della Lazio, che lo hanno presto rimpiazzato, cos come la societ. Qualcuno ha addirittura tirato in ballo la scaramanzia: quattro stagioni alla Lazio, zero trofei. Un mese di Leivaalla Lazio, la Supercoppa contro la Juventus. Sar un caso, forse. Quel che certo che la squadra ne ha beneficiato. I malumori all'interno dello spogliatoio sono un ricordo lontano. E vedendo le prestazioni di Biglia al Milan non c' che da applaudire all'ennesima intuizione del ds Tare. Cosa resta dell'ex capitano nel 2017? Il tunnel a Tottinel derby del 30 aprile, vinto 3-1. L c' anche il piedinodi Lucas.VOTO 6



CRECCO Luca:Poche presenze, poca fortuna - Il 2017 di Crecco comincia con 5 minuti di Serie B con la maglia dellAvellino nel match contro il Brescia, prima ed ultima partita dellanno giocata dal classe 95 in una squadra diversa dalla Lazio. Richiamato dal prestito, Luca Crecco un volto familiare che non si vede da tanto tempo allOlimpico, tra i vari prestiti in giro per lItalia con cui il giovane biancoceleste andato a farsi le ossa. Ma ora in panchina c Simone Inzaghi, che fa del lancio dei giovani il proprio vanto: Crecco viene infatti spedito in campo dal mister piacentino addirittura nel derby dandata della semifinale di Coppa Italia. 10 minuti quando il risultato gi maturato, ma comunque significativi per il centrocampista cresciuto nel vivaio della Lazio. Nel finale di stagione Crecco raccoglie altre tre presenze sempre da subentro, togliendosi anche la soddisfazione della prima rete in Serie A nella goleada contro il Palermo. Sicuramente non larma segreta di questa Lazio, ma un comprimario che Inzaghi decide di tenere in rosa allinizio della nuova stagione. Almeno fino allimponderabile sequela di infortuni che colpisce la difesa nel match contro il Napoli, che costringono la societ a reintegrare Mauricio per sopperire alle tante assenze. Neanche a dirlo, la vittima sacrificale proprio Crecco, che viene quindi depennato dalla lista della Serie A e impiegato solo in Europa League, raccogliendo finora due presenze nella competizione. Per il classe 95 si profila ora un nuovo prestito al Benevento, dove troverebbe ad aspettarlo Cataldi e Lombardi. Pi una necessit che una bocciatura, vista la situazione del centrocampista biancoceleste. VOTO 6



DI GENNARO Davide: Rimandato al 2018 - Giudizio sospeso per il centrocampista arrivato in estate dal Cagliari. Svincolatosi dal club sardo, sposa il progetto Lazio (a cui si lega con un triennale) e i gradoni di vice Lucas Leiva per rinforzare la linea mediana biancoceleste. I capitolini partono forte e Inzaghi difficilmente rinuncia al regista brasiliano relegando in panchina il classe 88. Cos per il ragazzo di Milano ci sono appena quattro spezzoni di gara divisi tra campionato ed Europa League per un totale di 183 minuti. Ci si messa poi anche la sfortuna perch, nel momento in cui il calendario delle aquile diventava fitto di impegni, il numero 88 si infortunato alla vigilia della sfida con il Benevento. Uno stiramento muscolare gli fa saltare gli ultimi due mesi del 2017 rimandando i giudizi e il suo ritorno in campo al prossimo anno. VOTOng



LEIVA Lucas: La Kop sei tu - Ci puoi fare la spesa di carisma.Si portato dietro la carica agonistica della Premier League e dello stadio dei Reds. un leader nato preso a prezzo d'offerta: anche perch al Liverpool, se non sei di unaltra Leiva-tura, per 10 anni non ti tengono nemmeno perpulire gli spogliatoi. E diciamo che se lintero club, capitanato da un certo Sir Steven George Gerrard, ti ringrazia e ti omaggia pubblicamente, allora vuol dire che sei uno che lascia il segno. Solo che cos marcato nemmeno i pi ottimisti se lo aspettavano: l'esordioin Supercoppa con la Juve entusiasmante, le altre (23 presenze totali, 1 gol di tacco) partite quasi meglio. Unradar cattura-palloni, un picchiatore intelligente, una testa pensante, un vincitore di contrasti. Un Lucas meglio dellaltro. VOTO 8



LUIS ALBERTO: Incredibile, proprio Luis! - Un anno, due calciatori diversi. Nei primi sei mesi del 2017 comincia a vedere la luce in fondo al tunnel, nella seconda parte diventa Lui(s) la luce e i tunnel sono quelli con cui umilia gli avversari. Nella scorsa stagione pochissime apparizioni prima del gol- liberazione a Genoa e la prestazione super con la Fiorentina. Il ritiro di Auronzo fenomenale, il rendimento successivo ancora di pi e gli regala la convocazione con la Spagna, non proprio lultima delle nazionali. Tecnica sopraffina, uomo a tutto campo, il vero segreto di Inzaghi scoperto in Supercoppa quando a sorpresa viene schierato al posto del ribelle Keita. Luis, il disagio psicologico, lo sta causando alle altre squadre. VOTO 8



LULIC Senad: Capitano indiscusso - Se c un uomo imprescindibile per questa Lazio il bosniaco. In campo d sempre il suo, fuori anche. A volte sbaglia tanti palloni, vero, ma quanti ne gioca. E davanti ai microfoni, anche durante unestate calda sul fronte cessioni, lui ha sempre ribadito di vedere una squadra forte. Aveva ragione. Con laddio di Lucas Biglia diventa capitano. Lui, leroe del 26 maggio, scende sul prato verde di gioco con la fascia al braccio, il massimo grado per un calciatore. Alza la Supercoppa al cielo con un sorriso incredibile. Alla faccia di Lucas, che andato via senza capire cosa volesse dire avere laquila sul petto. Senad oggi capitano e mito. Nessuno in giro come lui. VOTO 7



MICELI Alessio:Sognatore - Chi conosce la sua storia sa che il giovanotto di Genzano incarna alla perfezione i valori di un giovane sognatore. Una trafila continua nel settore giovanile laziale, come fossero i livelli di un bellissimo videogioco. il capitano dell'Under 17 quando si svela al mondo, il primo anno in Primavera quello che lo plasma nel carattere e per intelligenza tattica. Per tutto questo che Inzaghi non se l' mai fatto sfuggire, regalandogli l'incredibile esordio in Europa League con il Vitesse e quello da titolare con lo Zulte Waregem. Con la Primavera di Bonatti capitano e primo condottiero, un leader e la Lazio lo sa. Per lui potrebbero arrivare nuove opportunit, intanto non finisce di pedalare per concludere un percorso straordinario. VOTO 6.5



MILINKOVIC-SAVIC Sergej: Cos completo da risultare imbarazzante - Sguardo diabolico, aria strafottente e tanta (ma davvero tanta) classe. Il fatto che di 53 partite giocate della Lazio nel 2017, lui ne abbia saltate appena 5 (una per squalifica, due per problemi fisici e altre due perch semplicemente erano le due ultime inutili gare del girone di Europa League), un dato che sottolinea in modo abbastanza evidente limportanza rivestita nella Lazio. Se poi ci aggiungiamo anche 11 gol, 9 assist e giocate fenomenali varie, allora il risultato un centrocampista praticamente perfetto, talmente completo da risultare quasi imbarazzante. Tare se n accorto. E non solo lui. Quando tra marzo e aprile ha fatto fuori la Roma dalla Coppa Italia con due gol decisivi, Lotito corso ai ripari rinnovandogli il contratto fino al 2022. E pochi mesi dopo, in estate, di fronte alle offerte monstre arrivate da mezza Europa (alcune hanno toccato quota 75 milioni), ha provveduto a pagare altri 9 milioni al Genk, eliminando la clausola del 50% sulla futura rivendita che altrimenti sarebbe spettata ai belgi. Un piccolo investimento che non ha niente a che vedere con le potenziali offerte che potranno arrivare in futuro. Ma un problema da porsi nel caso pi avanti. Perch lo sguardo diabolico, laria strafottente e la tanta (ma davvero tanta) classe, oggi veste la maglia della Lazio. VOTO 8.5



MURGIA Alessandro: La meglio giovent - Tempismo, l'inserimento perfetto. Bum, zampata al 93' e Buffon non ci arriva. Un sogno a cui sembra impossibile credere. Eppure, Murgia lo ha vissuto: in appena dieci minuti, il pupillo di Inzaghi segna e decide la Supercoppa. E' l'immagine pi nitida del 2017 del centrocampista ex Primavera, che un mese dopo replica e segna il terzo gol biancoceleste anche contro il Vitesse. Nella turnazione predisposta dal mister laziale, a lui spetta la titolarit in Europa League. In campionato, il classe '96 trova meno spazio ma affronta ogni scampolo di partita con personalit. Smista palloni, partecipa alla manovra e quando non schierato davanti alla difesa riesce anche a fornire una delle sue specialit: quegli inserimenti offensivi che lo hanno reso una preziosissima risorsa anche nella notte agostana. C' ancora da lavorare, ancora da crescere: Alessandro lo sa, Inzaghi vuole farlo diventare grande sotto la sua ala protettrice. Ma gi si vede, Murgia il futuro. VOTO: 7



PAROLO Marco:Linesauribile - Marco Parolo magari pu spiccare meno rispetto ad altri elementi della rosa laziale, ma in campo si sente eccome. Un motorino inesauribile a cui Inzaghi non rinuncia mai se non costretto. Basti pensare allo scorso anno: 38 presenze, tutte dal primo minuto. Della serie toccatemi tutto, ma non il mio Parolo. Da gennaio 2017 fino a maggio sceso in campo 17 volte, saltando solo quattro partite (due per squalifica e due per infortunio). Questa stagione (2017-2018, ndr) il suo inserimento contro il Nizza ha permesso ai romani di qualificarsi matematicamente ai sedicesimi dEuropa League, inoltre continua ad essere un titolarissimo di Inzaghi: sono 1816 i minuti (esclusa la partita contro lInter) quelli spesi da Marco a sudare con la maglia biancoceleste fino a questo momento. Il buon Parolo, poi, stato uno di quelli che sia nei momenti belli che in quelli brutti ci ha sempre messo la faccia, senza mai una dichiarazione sopra le righe. Alla cena di Natale stato chiaro: Il nostro sogno si chiama Champions. State pur certi che metter tutti i suoi polmoni in campo per raggiungerlo. Lunica vera nota stonata per il classe 85 leliminazione subita con lItalia contro la Svezia. Con la maglia della Lazio, invece, un moto perpetuo: difende, attacca, si inserisce e segna. Inesauribile. VOTO 7



ATTACCANTI



CAICEDOFelipe:Pantera part-time -Vice Immobile. Questo il ruolo che la Lazio assegna a Felipe Caicedo il 2 agosto 2017, giorno in cui viene ufficializzato il suo acquisto all'Espanyol per 2,5 milioni di euro. Un compito arduo, quello del bomber di scorta, a volte ingrato. Perch devi sfruttare le rare occasioni che ti capitano e non hai margine di errore. Perch la prossima chance non sai quando e se arriver. Perch il tuo impiego dipende esclusivamente dal rendimento di chi hai davanti. in Europa League che Caicedo ha la possibilit di mettersi in mostra. Ed sul palcoscenico continentale che d il meglio di s. All'esordio con il Vitesse confeziona un delizioso assist di tacco per Immobile. Il 28 settembre segna il primo gol in maglia biancoceleste contro lo Zulte (esulter anche al ritorno in Belgio) e si ripete in casa del Nizza nel match che di fatto regala il primo posto nel girone agli Inzaghi boys. In campionato colleziona 11 presenze, appena una da titolare (complice un infortunio muscolare) contro l'Atalanta dove regala a Luis Alberto il pallone del 3-3. Al Ferraris mette invece la firma su un successo dal peso specifico smisurato. Appena una settimana prima aveva provocato in pieno recupero un discusso rigore - assegnato col VAR - che aveva inchiodato la Lazio sull'1-1 con la Fiorentina. In quel caso la sua ingenuit stata evidente, in altri i suoi errori sono stati nascosti dal risultato finale. Come successo all'Allianz Stadium quando non chiude la partita e poi Strakosha fa il miracolo su Dybala. O come a Genova quando crede di essere in fuorigioco e non calcia in porta. Il pallone per gli torna indietro e a quel punto non pu esimersi dal gonfiare la rete. Gli si pu rimproverare poco, ma la sensazione che in fase di mercato si potesse fare qualcosa di pi. Il dislivello tra lui e Immobile troppo ampio, andrebbe ridotto se si vuole puntare a certi obiettivi. VOTO 6.5



DJORDJEVIC Filip: Ci dobbiamo salutare - Si provato fino allultimo a cercargli una sistemazione, avrebbe fatto bene a lui e comodo alla Lazio. Il mercato estivo non ha trovato una soluzione e Filip rimasto a Roma. Nessuna speranza di giocare per, larrivo di Caicedo ha chiuso ogni discorso e tagliato fuori Djordjevic dal ruolo di vice-Immobile. La nuova stagione per lui non mai cominciata e probabilmente mai comincer. Servirebbe un altro caso stile Mauricio che, ovviamente, la Lazio non si augura perch significherebbe imbattersi in una nuova ed enorme emergenza. Il serbo continua ad allenarsi da fuori rosa, a pieno titolo considerato un esubero da quando stato escluso dalla lista dei 25 giocatori per il campionato e per lEuropa League. legato alla Lazio solamente dal contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, per il resto di biancoceleste ha davvero poco. Da gennaio sar libero di accordarsi con qualche altro club, ormai siamo proprio ai saluti. Probabilmente Djordjevic si aspettava un finale del genere, gi nella seconda parte della scorsa stagione (soprattutto da febbraio in poi) il suo impiego era stato sempre pi ridotto. Appena 7 presenze, lultima con la Fiorentina al Franchi nella gara del 13 maggio persa dagli uomini di Inzaghi per 3-2. Solamente due volte schierato dal 1, nelle altre occasioni entrato a gara in corso accumulando pochi minuti e nessun gol. A Roma nessuno si strapper i capelli. VOTO 4



IMMOBILE Ciro: Anema E Core - Dopo re Miro, re Ciro: inchinatevi ancora. In un anno e mezzo, Immobile ha raccolto un'eredit pesantissima continuando a nutrire i sogni dei tifosi della Lazio. Arrivato per riscattarsi e per dimostrare a tutti di meritare ancora i palcoscenici pi illustri, Ciruzzo non si smentito. Il centravanti di Torre Annunziata negli ultimi dodici mesi, stato protagonista di un'evoluzione sbalorditiva. Gol in campionato, gol in Coppa Italia: un percorso costellato da reti e culminato nella notte del 13 agosto. Una doppietta per nutrire anche i propri, di sogni, e alzare al cielo il primo trofeo con l'aquila sul petto. E pensare che quelle due reti sono state solo l'inizio di una marcia a ritmi vertiginosi che lo ha condotto in cima alla classifica marcatori. Prestazioni generose e tante reti, anche in Europa League: l'attaccante si espresso in tutte le competizioni stagionali. Unica nota stonata di un anno perfetto: la mancata qualificazione ai Mondiali. Una ferita pesata tantissimo sul morale dell'attaccante, tra i meno colpevoli con le sue sei reti durante la fase di qualificazione. Vorr dire che dovr rifarsi con la Lazio: Immobile non vede l'ora. Nemmeno i tifosi, che ora se lo tengono stretto: "nun ce lassammo cchi, manco pe' n'ora". VOTO: 8.5



KEITABalde Diao:El Nio viziato - Ci sono due Keita da giudicare. Il primo racconta un giocatore fenomenale in campo. 11 reti da febbraio a maggio, 16 totali in tutta lannata passata. Lex canterano del Barcellona si consacrato nella sua ultima stagione alla Lazio. Poi per ha sbattuto la porta in faccia a Lotito, Tare e a tutti i tifosi biancocelesti. Qui si scopre il secondo Keita. Si parlato di lui in campo e fuori. Dei capricci nello spogliatoio, dei senatori che lo scaricano. Del rinnovo contrattuale, della firma che non mai arrivata, del Monaco che ha portato i soldi, della sua frase daddio: Non posso pi restare. Rapporto ormai logoro con la societ e lambiente, con lagente del senegalese che ha recitato da attore non protagonista in una telenovela caldissima. Che culmina con la mancata convocazione per la finale di Supercoppa contro la Juventus. Striscioni a Formello contro di lui. Fine della soap opera. Una storia che lascia un po di amaro in bocca. VOTO 7 (condotta 4)



LOMBARDI Cristiano:Bene ma non Bene...vento- Il giovane Lombardi lo scorso campionato ha vissuto momenti importanti con la Lazio, fra cui la gioia della prima rete in Serie A alla prima di campionato contro lAtalanta. In biancoceleste si impegnava e cercava sempre di dare il meglio, cosa che gli ha consentito di ottenere varie apparizioni in campo (19 fra campionato e Coppa Italia). In estate il passaggio al Benevento in prestito e qui cominciano i problemi. La posizione di classifica dei campani e le difficolt legate ai risultati lo vedono coinvolto, ma non totalmente responsabile. Le qualit ci sono, ma nelle difficolt in cui si trova La Strega giallorossa si spengono. Cristiano ancora non ha segnato una rete in questa stagione ma c ancora tempo per far vedere il suo repertorio. Bene, ma non Bene-vento. VOTO ng(5.5 con il Benevento)



NANILus Carlos Almeida da Cunha:Guest star -E con la straordinaria partecipazione di Luis Nani. Una sorta di cameo quello del portoghese nella pellicola biancoceleste di questa prima parte di stagione. Un attore di prima fascia costretto per al momento ad un ruolo marginale e con pochi primi piani. A Valencia lo scorso anno non ha lasciato un ricordo indelebile, anche in virt di un problema alla coscia che lo ha tenuto lontano dai campi per quasi due mesi. Guai muscolari che lo hanno trattenuto ai box anche a Roma, ritardando il suo graduale processo di inserimento, gi di per s complicato per via della perfetta sintonia offensiva raggiunta dallasse Milinkovic-Luis Alberto-Immobile. Otto presenze, un assist e un gol il suo parziale bilancio nella Capitale: una falsa partenza ben al di sotto delle aspettative di inizio stagione, per un giocatore che rappresenta tuttora il colpo forte del mercato estivo. Il completo recupero di Felipe Anderson, nel frattempo, ha aumentato la concorrenza in avanti anche per quanto concerne le alternative. Una straordinaria notizia per Inzaghi, ma per certi versi un ostacolo in pi per le ambizioni personali del giocatore (non c spirito di gruppo che tenga in questi casi), che ha scelto la Lazio per rilanciarsi a grandi livelli e confermarsi leader tecnico di una squadra. A 31 anni compiuti, inoltre, Nani sembra aver man mano maturato lidea di dover centellinare le devastanti accelerazioni sfoggiate nei primi anni di Manchester, accentrando il proprio raggio dazione per un gioco pi ragionato ma comunque prezioso grazie ad una tecnica comunque superiore alla media. Pu ancora seguire le orme di Luis Alberto per quanto riguarda la sua parabola in biancoceleste: da oggetto misterioso a giocatore imprescindibile. Ha tutto dalla sua parte per riuscirci, tranne forse un pizzico di buona sorte, nella speranza di vederlo meno in infermeria. VOTO 6



PALOMBI Simone: E se non fosse ancora il momento? - Lanno degli esordi: in Serie A con la Lazio e in amichevole con lItalia Under 21. Ma soprattutto la consacrazione tra i grandi. Dopo i tanti gol in Primavera, alla prima avventura tra i professionisti, Palombi tra i protagonisti della grande rincorsa salvezza della Ternana. Chiusa la parentesi con Gautieri, larrivo di Liverani gli garantisce un grande spazio, ripagato con le doppiette decisive contro Novara e Frosinone. In estate nessun prestito: la voglia di prendersi la Lazio convince il mentore Inzaghi a tenerlo con lui. La fiducia arriva anche dal club ed riassunta dal rinnovo con adeguamento fino al 2022. A fine agosto arriva subito il debutto in biancoceleste. Il bomber di Tivoli, in coppia con Immobile, sfida la Spal ma paga la prestazione incolore della squadra. La folta concorrenza in attacco e linfortunio alla caviglia fanno il resto nei mesi successivi. Palombi ritrova il campo soltanto tra fine novembre e inizio dicembre in occasione delle ultime due giornate di Europa League, inutili ai fini della classifica. Tanto movimento e una grande generosit che non vengono per premiati. Il primo gol con la Lazio va rimandato, forse alla prossima stagione. Nel suo futuro, come paventato gi in estate, potrebbe esserci infatti una nuova avventura in prestito. Le offerte non mancano. VOTO 6 (7 con la Ternana).



Alla realizzazione del Pagellone 2017hanno collaborato, in ordine alfabetico: Francesco Bizzarri, Gabriele Candelori, Laura Castellani,Andrea Centogambe, Annalisa Cesaretti,Claudio Cianci, Saverio Cucina, Valerio De Benedetti,Marco Ercole, Stefano Fiori, Federico Marchetti, Alessandro Menghi, Antoniomaria Pietoso,Daniele Rocca, Carlo Roscito, Francesco Tringali, Alessandro Vittorie il nostro direttore Alessandro Zappulla.



DA TUTTA LA REDAZIONE, BUON 2018A TUTTI VOI!



         

   



Vai al forum