Autore Topic: #MilanLazio | Conferenza stampa, Çalhano?lu: "Sappiamo che sarà difficile ma anche domani vogliamo vincere"  (Letto 35 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 11671
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.sslazio.it

L’attaccante del Milan, Hakan Çalhano?lu, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa Italia contro la Lazio.

“Sono felice di aver raggiunto una buona condizione, dopo l’infortunio ci ho messo un po’ a riprendere il ritmo. Ora sono contento perché il nuovo allenatore mi dà fiducia, parla molto con me. Inizialmente non avevo la forza di mostrare il mio valore, da quando c’è Gattuso ho più motivazioni e sto tornando ai miei livelli.

Con Gattuso riesco a trovare gli spazi giusti ed il modulo corretto. Con Bonaventura mi trovo alla grande bene. È importante il nostro feeling in campo, ci aiutiamo e vogliamo andare avanti così.

Ogni allenatore ha la sua idea di gioco e rispetto ovviamente anche quella di Montella, ci tengo a dirlo. Nella mia carriera non ho mai giocato nel 3-5-2 e ho avuto difficoltà ad adattarmi a questo nuovo sistema di gioco. Nel mio ruolo attuale mi trovo a mio agio e riesco a giocare meglio.

L’attuale tecnico rossonero ci sta trasmettendo la stessa grinta di quando giocava. Vuole il 100% in settimana da riportare in partita. Dobbiamo dare il massimo sempre in ogni gara.

Al di là dei problemi fisici non ho trovato difficoltà nel calcio italiano. È molto simile a ciò che ero abituato a fare. Il mondo Milan e i miei compagni mi hanno aiutato molto. Quando sono arrivato c'erano grandi aspettative, ma non ho potuto rendere al meglio per i miei problemi fisici ed altri fattori. Ora ho raggiunto i miei obiettivi e starò sempre meglio, e come squadra e possiamo solo migliorare.

Posso dire che quando parlo con il mister riesce a motivarmi e mi mostra tutto l'interesse nei miei confronti. È stato chiaro con me, mi ha detto che i miei problemi non erano i piedi ma la testa. Mi ha detto di essere libero e concentrato, da quel momento ho cominciato a giocare meglio.

Mi interessa di più il gioco di squadra e vincere, non sto a guardare i miei movimenti o le giocate singole. Anche domani, l'obiettivo è vincere.

È doloroso non andare ai Mondiali, ogni giocatore vorrebbe giocare questa competizione. Ci dispiace moltissimo ma dobbiamo andare avanti.

Lavoro molto per arrivare a meritarmi il numero che indosso. In Italia il gioco è molto più tattico e basato sull'esperienza, è molto difficile. Quando si va in vantaggio, le difese si chiudono e si cerca di non prendere gol. In Germania invece si gioca molto più in avanti.

Abbiamo raggiunto un buon livello, domani abbiamo una grande possibilità di far bene anche se sarà molto difficile”.

Vai al forum