Autore Topic: Laziomania: Questa nostra stupida corsa Champions  (Letto 20 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 11226
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Laziomania: Questa nostra stupida corsa Champions
« : Domenica 1 Aprile 2018, 11:00:04 »
www.calciomercato.com



                    Questa nostra stupida corsa Champions continua. La buona Pasqua della Lazio larga, larghissima, con un 6-2 che sembra travolgente ma in realt non lo , su un Benevento che pure, nonostante tutto, ha fatto una figura ottima. In 10 dall'inizio del match, ha compensato con ardore e agonismo e gli ex Lazio Cataldi e Lombardi, con il dente avvelenato. Cataldi torner a Roma, le scuse alla Curva Nord sono un ponte necessario per dimenticare alcune polemiche passate. Questa la risposta della Lazio: 3 punti troppo importanti, in questo momento della corsa Champions, in questo momento della squadra, in questo momento per i suoi singoli e per la mentalit e per il gruppo. Con due uomini e due costanti che commenteremo insieme.



Due uomini:Caicedo entra e regala quel peso che sembrava servire alla Lazio, pareggia i conti in un momento delicato e fa a sportellate con grande animosit, meritandosi il ruolo di ago della bilancia. Sembra assurdo (fino ad ora non che Caicedo abbia fatto molto, stesso destino di Nani, pi o meno), ma dal cambio la Lazio pi fluida, d l'impressione di poter passare senza fatica (che fino a quel momento era stata enorme). L'altro uomo-simbolo di questo momento Leiva: maestoso, forte, sembra l'incarnazione perfetta di una squadra che non vuole mollare nonostante tutte le polemiche, le stanchezze, i momenti-no dei singoli e di gruppo. La Lazio c', Leiva con carattere se la porta sulle spalle, come una specie di gigante che sembra non avere limiti: imposta, pressa, ruba palloni in quantit, tira, si inserisce, segna da lontano.



Due costanti: la prima una mente che volata via troppo presto dal prato dell'Olimpico. Dopo il rosso a Puggioni la Lazio sparita, come se fosse tutto fatto. In Serie A non fatta mai, neppure contro una squadra che ha 40 punti in meno, ma ha coraggio, voglia.





La seconda che questa Lazio ha 7, pardon, 6 vite. Ha voglia di rimettersi in corsa per la Champions League, ha voglia di sovvertire tutto, la legge dell'ex, gli arbitri, le polemiche. E lo sta facendo senza Milinkovic-Savic: il serbo troppo importante per la Lazio, i movimenti e le soluzioni che offre non pu darle nessun altro. Quando non c', la Lazio fa fatica a girare. Dal suo miglior ritorno, dal suo stato di forma, dipender grande fetta della prossima Champions League. Inzaghi, a proposito: la difesa va sistemata, se non quest'anno, almeno nel prossimo (senza de Vrij, che va in gol, ulteriore rimpianto). Finisce con lo sguardo cupo, il mister, nonostante i 6 gol. Qualche pensiero, qualche conferma, qualche rientro che servir tantissimo. Anche lui lo sa, che alla fine anche questa vittoria non altro che un piccolo passo in avanti in questa nostra stupida corsa Champions.

Vai al forum