Autore Topic: Laziomania: La cura è Leiva (ve lo aspettavate?)  (Letto 47 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 11191
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Laziomania: La cura è Leiva (ve lo aspettavate?)
« : Lunedì 9 Aprile 2018, 10:00:40 »
www.calciomercato.com



Gestire è bello. Gestire le forze, i giocatori, perfino il match. C'è un coro del Lazio Club New York, che, sulle note di "Centro di gravità permanente", canta: "Centrocampo di gravità permanente, e provano a passare ma c'è un biondo brasiliano e prepotente". In due frasi la partita e il momento della Lazio: contro l'Udinese è servita la massima gestione possibile, delle energie e dei giocatori e del risultato. E il maestro di questa gestione collettiva è sempre lui, Lucas Leiva. Lucas Leiva ha le stesse stimmate di certezza: ovunque lo metti, protegge, sai che farà la cosa giusta, al momento giusto. 

Tanto che sorprende, quando sparacchia alto nelle ripresa un buon pallone di Felipe Anderson. Sorprende perché stiamo cadendo nel meraviglioso equivoco di pensare che non debba mai sbagliare. Ed è lui stesso ad autorizzarci, con prestazioni talmente in crescendo da far pensare ad una specie di fioritura estrema, forte, bellissima, di un giocatore troppo presto etichettato come finito. Al suo fianco, Inzaghi ha schierato la Lazio più offensiva possibile, fidandosi della sua presenza. Al suo fianco Milinkovic-Savic può riprendersi dal letargo-affaticamento, come una specie di grande orso, piano piano, estendendo sempre di più il suo raggio d'azione, le sue giocate. 

Un Milinkovic al 50% in crescendo è comunque delizioso, a volte. L'era del cinghiale bianco si spera ritorni presto, tanto per tornare a Battiato. Immobile, davanti a Leiva, ha pure stufato: segna talmente tanto che le parole, per lui, sono inutili. Dietro lui c'è la cura, e pure quando vaga per il campo (non del Tennesse), dalle ingiustizie e dagli inganni di ogni partita salva la Lazio. Gestire è bello, questa Lazio non invecchierà negli occhi di chi guarda, verrà ricordata, perché ha qualcosa di speciale. Se Inzaghi saprà aver cura di lei, in queste ultime, delicate, forti, importanti partite, forse non ci sarà nessuno più veloce di queste aquile. Forse solo i sogni, quelli sì. I sogni sì, la gestione serve, ma i sogni di più. E per sognare questa Lazio così in alto, così in avanti in Europa, ci voleva tanto cuore, tanti essere speciali. Tanto Leiva, ed un pubblico che, finalmente, sta andando a cercare la Lazio, la sua Lazio. Come se fosse l'unica cura possibile, di fronte ad un finale di stagione così forte,  da bere tutto d'un fiato. Da proteggere, e se c'è qualcuno da proteggere, qualcosa da proteggere, stai certo che ci sarà Lucas Leiva. 

Vai al forum