Nota del Presidente Nota del Presidente -> Dichiarazione del Dott. Claudio Lotito: “Prendo atto delle decisioni assunte dalgoverno in merito (...) ---  
#TrainingSession | Possesso palla e partitella per i biancocelesti #TrainingSession | Possesso palla e partitella per i biancocelesti -> Seconda seduta d’allenamento di giornata per la Prima Squadra della Capitale che, questo (...) ---  
Laziomania: Cosa significa DAVVERO il reintegro di Radu per i laziali Laziomania: Cosa significa DAVVERO il reintegro di Radu per i laziali -> Quando ho visto Stefan Radu fare le visite mediche, quando ho visto Radu in conferenza (...) ---  
#Auronzo2019 | Il Direttore De Martino: "Le ricostruzioni su Radu non corrispondono alla realtà" #Auronzo2019 | Il Direttore De Martino: "Le ricostruzioni su Radu non corrispondono alla realtà" -> A margine dell’intervento in conferenza stampa di Stefan Radu, il direttore della comunicazione (...) ---  
#Auronzo2019 | Conferenza stampa, Radu: "Qui per chiedere scusa, ripagherò la fiducia del Club" #Auronzo2019 | Conferenza stampa, Radu: "Qui per chiedere scusa, ripagherò la fiducia del Club" -> Prima del terzo allenamento pomeridiano sotto le Tre Cime di Lavaredo, il difensore biancoceleste (...) ---  
Lazio, Radu è ad Auronzo:  Lazio, Radu è ad Auronzo: "Chiedo scusa, bello tornare a casa" -> Il veterano dello spogliatoio biancoceleste ha risolto i problemi con la società ed è arrivato in (...) ---  
Lazio, Radu arriva ad Auronzo Lazio, Radu arriva ad Auronzo -> Sembravano pronti a dirsi addio, la Lazio e Stefan Radu. Invece, dopo giorni in cui (...) ---  
Lazio, parla Peruzzi Lazio, parla Peruzzi -> È sempre più al centro del progetto biancoceleste, Angelo Peruzzi. Il Club Manager ha (...) ---  
Lazio, goleada nel test con l'Auronzo: triplette di Correa e Luis Alberto Lazio, goleada nel test con l'Auronzo: triplette di Correa e Luis Alberto -> Finisce 18-0 la prima uscita della squadra di Inzaghi, in campo anche i nuovi Vavro e Lazzari (...) ---  
Lazio, mistero Durmisi: non convocato per il ritiro, cessione molto vicina Lazio, mistero Durmisi: non convocato per il ritiro, cessione molto vicina -> Mistero Riza Durmisi in casa Lazio. Il danese non si è presentato alle visite mediche e (...) ---  
#Auronzo2019 | Marusic: "Spero di tornare presto in gruppo per continuare a dare il massimo" #Auronzo2019 | Marusic: "Spero di tornare presto in gruppo per continuare a dare il massimo" -> Al termine della seduta d'allenamento mattutina, l'esterno biancoceleste Adam Marusic è (...) ---  
#TrainingSession | Biancocelesti impegnati tra palestra e campo #TrainingSession | Biancocelesti impegnati tra palestra e campo -> Questa mattina la Prima Squadra della Capitale si è ritrovata allo Stadio Zandegiacomo alle 9:30. (...) ---  
Continuano le iscrizioni per la Scuola Calcio femminile 2019-2020 Continuano le iscrizioni per la Scuola Calcio femminile 2019-2020 -> Grande novità! Aperte le iscrizioni anche alle ragazze nate nel 2006! Sei nata tra il 2006 e il (...) ---  
Lazio, Radu mette nel mirino Favalli e i record: i numeri Lazio, Radu mette nel mirino Favalli e i record: i numeri -> LAZIO - Stefan Radu è pronto per la sua dodicesima stagione alla Lazio. Risolti i (...) ---  
Lazio, UFFICIALE: reintegrato Radu, visite mediche VIDEO Lazio, UFFICIALE: reintegrato Radu, visite mediche VIDEO -> Marcia indietro. La Lazio ha deciso di reintegrare in rosa Stefan Radu, che sta già (...)

Autore Topic: Tare: «Milinkovic-Savic uomo di parola. Pensai di lasciare la Lazio»  (Letto 784 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 17600
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.corrieredellosport.it


Il ds biancoceleste: «Ricordo quando Lotito mi chiese di diventare dirigente, tra me e me pensai: "Questo è pazzo". A gennaio il nostro sarà un mercato soprattutto in uscita»

MILANO - «Ci sono stati dei momenti in cui ho pensato di lasciare la Lazio, soprattutto pensando alla mia famiglia ma alla fine ho scelto di restare». Parola di Igli Tare, il ds biancoceleste, che ha rilasciato una lunga intervista a Sky Sport 24. 
Cosa è importante per te quando devi individuare un giocatore?



La fisicità, la tecnica e il linguaggio del corpo che è fondamentale in campo, ti fa capire il carattere di un giocatore. Ci sono tanti piccoli dettagli che poi fanno la differenza.È vero che quando lasciasti l’Albania per coronare il tuo sogno di diventare giocatore andasti a piedi, senza documenti, oltrepassando il confine per andare in Germania?



Sì, è vero ma non mi vergogno per questo. Dietro tutta questa avventura c’era un sogno da coronare e sono molto fiero della strada che ho fatto. Penso di essere un esempio per tanti giovani che possono fare la stessa cosa, come feci io all’epoca. Come fu quel viaggio?



Un viaggio tra paure, difficoltà, domande. Ero da solo, avevo solo un punto di riferimento che mi avrebbe aiutato solo se fossi riuscito ad entrare in Germania. Adesso sembra la trama di un film, all’epoca era anche una cosa pericolosa. Dovevi fidarti dei trafficanti che rendevano possibile il passaggio tra Repubblica Ceca e Germania. Ho deciso di farlo, non mi spaventava niente.Arrivi in Germania, giochi di pomeriggio e al mattino lavori come giardiniere



Arrivo in Germania… proponendo alle squadre di farmi un provino e così è stato una sera al Ludwigshafen, la squadra dove giocavo, che mi diede la possibilità di allenarmi con loro. Non essendo una squadra a livello finanziario molto buono mi proposero questo lavoro.Un giorno ti sei fatto male con una lama



Fu un mio collega con una motosega, non è stato attento, mi colpì alla gamba. Sono stato veramente fortunato perché mi aveva tolto quasi tre millimetri di osso, fu un momento molto difficile.In che modo hai reagito quando Lotito ti ha chiesto di diventare direttore sportivo?



Quando il presidente Lotito mi chiese di accettare questa avventura tra me e me dissi “questo è un pazzo”.Tu volevi continuare a giocare?



Sì, avevo un accordo con lui di prolungare il contratto per altri due anni (un anno più l’opzione di un altro anno).Come è la vostra condivisione delle trattative?



All’inizio del mio percorso siamo stati sempre insieme, anno dopo anno ha capito le mie qualità, facendosi via via da parte sia sulla scelta del giocatore sia sulle trattative. Quando ci sono delle difficoltà a livello economico il suo intervento è fondamentale per risolvere queste problematiche. Hai mai pensato di andare via?



Onestamente, sì. Ci sono stati dei momenti in cui ho pensato anche a questa scelta, soprattutto pensando alla famiglia. Fosse stato per me, non avrei avuto nessun problema ad andare avanti, ma il problema è che abbiamo ricevuto anche minacce di morte, ai famigliari, alla moglie, ai figli, cose che, veramente, non si possono raccontare. Quelli sono stati dei momenti in cui ho pensato se davvero valeva la pena andare avanti, o di mollare. Però, dentro di me, ho sempre detto che non l’avrei data vinta a nessuno, perché ho sempre pensato di avere lavorato con il cuore per la società ed ero convinto che alla lunga, sarebbe venuto fuori il vero valore di questo lavoro e, grazie a Dio, così è stato.Quindi, hai avuto paura a Roma per la tua famiglia?



Sì, in alcuni momenti ho avuto anche paura.Di tornare a casa?



No, ma per loro sì, per i miei figli perché, poi, gli anni passano, i figli crescono. In particolar modo, nel periodo della cessione di Hernanes. È stato un momento brutto, che dentro di me porto come un’esperienza molto negativa. Una parte di me, dopo quella esperienza, è morta, per quel che riguarda il modo di vivere il calcio. Lì, tocchi veramente la parte brutta del calcio.L’affare Milinkovic-Savic, uno dei tuoi grandi affari; mentre lui effettuava le visite mediche per la Fiorentina, cosa facevi nei minuti che hanno preceduto il colpo?



In quei minuti ero la persona più sicura del mondo che Milinkovic, nonostante fosse andato lì, avrebbe deciso di venire alla Lazio. La sera prima lui mi ha chiamato, dicendomi che doveva andare lì per rispetto di suo padre, ma che la sua scelta era stata fatta e che sarebbe venuto alla Lazio. Mi ha detto di stare tranquillo, che doveva andare lì, ma che, poi, a loro avrebbe detto che veniva alla Lazio. Per questo gli sarò grato, perché ci sono pochi giocatori che fanno una cosa del genere.Che mercato sarà quello della Lazio a gennaio?



Forse, sarà più in uscita per qualche giocatore che non trova spazio, perché siamo in tanti. Solo nel caso di qualche cessione involuta, potremmo anche intervenire per comprare qualche giocatore.Cosa non hanno ancora capito i tifosi della Lazio di Tare?



Non lo so, non so cosa non possano aver capito. Negli ultimi anni, ovunque vada per la città, mi riconoscono, ma il calcio è un lavoro nel quale conta molto il presente. Io cerco di viverlo in questo modo, vivere il presente, essere tutto me stesso con questa società. Anche la scelta di prolungare il mio contratto per quattro anni ancora, nonostante tante richieste avute, anche lusinghiere, da squadre importanti, anche a livello mondiale, mi ha fatto capire che questa società per me significa qualcosa d’importante.Quindi, hai avuto delle richieste grosse



Sì, ho ricevuto qualcosa.Anche in Italia, o più all’estero?



Anche in Italia.Una scelta di fede, quella di essere rimasto



Sì, perché quando arrivano questi momenti capisci veramente cosa significa il presente, dove tu stai. Quando valuti anche con il cuore, il mio cuore mi ha detto di rimanere qui. La scelta l’ho fatta con il cuore. Ogni scelta che ho fatto nella mia vita, l’ho fatta ascoltando più il cuore, che non l’interesse, anche economico, e sono fiero di aver fatto questa scelta.

Vai al forum