Lazio, Cataldi accetta la sfida di CR7. Milinkovic risponde Lazio, Cataldi accetta la sfida di CR7. Milinkovic risponde -> In questo periodo di isolamento generale, stanno prendendo sempre più piede le sfide sui (...) ---  
Coronavirus, Luis Alberto dona 12mila euro Coronavirus, Luis Alberto dona 12mila euro -> Tra i paesi più colpiti dal Coronavirus c'è anchela Spagna. Il paese iberico conta (...) ---  
Biava: "Acerbi è sempre in campo, mi rivedo in lui" Biava: "Acerbi è sempre in campo, mi rivedo in lui" -> Giuseppe Biava, ex difensore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 (...) ---  
Lazio, Luis Alberto fa yoga con la moglie Patricia Lazio, Luis Alberto fa yoga con la moglie Patricia -> Il numero dieci biancoceleste alterna dure sedute di allenamento in solitaria ad un po’ di (...) ---  
Garlini: "La Società è stata brava a far rimanere tutti i calciatori a Roma" Garlini: "La Società è stata brava a far rimanere tutti i calciatori a Roma" -> Oliviero Garlini, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, l’ex Felipe Anderson piace al Napoli: pregi e difetti di un (ex) numero 10 Lazio, l’ex Felipe Anderson piace al Napoli: pregi e difetti di un (ex) numero 10 -> Il brasiliano ha lasciato i biancocelesti nel 2018 per circa 40 milioni di euro. Ora il ds azzurro (...) ---  
Lazio, asta Kumbulla. Torna di moda Coates Lazio, asta Kumbulla. Torna di moda Coates -> Tare progetta rinforzi in difesa: serve anche un uomo sinistra, contattato lo Sporting per (...) ---  
#Primavera | Menichini: "La squadra era in un grande momento, attendiamo la decisione sul futuro del campionato"  #Primavera | Menichini: "La squadra era in un grande momento, attendiamo la decisione sul futuro del campionato" -> Leonardo Menichini, allenatore della Primavera biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio (...) ---  
Lazio, l'ex Klose sta per diventare il vice di Flick al Bayern Lazio, l'ex Klose sta per diventare il vice di Flick al Bayern -> Il tecnico apre le porte a Miro, oggi allenatore dell'Under 17 bavarese: “Persona competente, può (...) ---  
Lazio, Eriksson: “Scudetto, si può! Squadra che può battere chiunque” Lazio, Eriksson: “Scudetto, si può! Squadra che può battere chiunque” -> Il tecnico ex biancoceleste, che nel 2000 ha conquistato il secondo tricolore del club, non ha (...) ---  
La Lazio è pronta, l'Inter richiama tutti. E la Juve aspetta ancora La Lazio è pronta, l'Inter richiama tutti. E la Juve aspetta ancora -> La Lazio guida il gruppo di chi non vuole perdere tempo, fosse stato per Claudio Lotito (...) ---  
Serie A: allenamenti dal 4 maggio e 3 date per la ripresa del campionato. Serie A: allenamenti dal 4 maggio e 3 date per la ripresa del campionato. -> Il massimo campionato di calcio in Italia sta iniziando a programmare una ripartienza e sebbene (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 08 aprile 2020 LaziAlmanacco di mercoledì 08 aprile 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 08 aprile 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, il lavoro duro di Caicedo: “È dura, ma proviamoci” Lazio, il lavoro duro di Caicedo: “È dura, ma proviamoci” -> L’attaccante biancoceleste suda in casa sul tapis-roulant e lancia un messaggio: “Sii umile, sii (...) ---  
Coronavirus, i dati della Protezione Civile: casi positivi aumentano solo di 880, crescita più bassa dal 10 marzo Coronavirus, i dati della Protezione Civile: casi positivi aumentano solo di 880, crescita più bassa dal 10 marzo -> Commenta per primo Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha (...)

Autore Topic: Petrelli: "Il Primo Scudetto, un'emozione unica"  (Letto 94 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 21034
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Petrelli: "Il Primo Scudetto, un'emozione unica"
« : Mercoledì 9 Gennaio 2019, 15:00:06 »
www.sslazio.it

L'ex difensore biancoceleste Sergio Petrelli è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM:

"Per me era una situazione complicata, venivo dalla Roma. Nella stagione 1972/1973 non ho giocato molto perché non sono riuscito ad inserirmi nella vita di squadra, forse alcuni miei compagni mi guardavano anche male. L’anno dopo sono entrato in squadra per via di alcune situazioni che si erano venute a creare, come qualche infortunio. Quell’anno è stata un’annata straordinaria che mi ha fatto capire che nel calcio è importante trovarsi al momento giusto nel posto giusto. Quella stagione ha migliorato e rivalutato tutta la mia carriera calcistica, vincere uno scudetto con un team che non era tra i favoriti dei pronostici.

Ora se chiedi ai tifosi della Lazio quella formazione la sanno a memoria e quando dicono il mio nome è un'emozione unica, mi fa molto piacere. Ho vissuto e sto vivendo una vita ancora con la mente a quell’anno fantastico che ha lasciato il segno, non siamo scomparsi anche a distanza di tanti anni. Quando giocammo a Napoli, stavo in panchina e guardavo Maestrelli e gli dissi che era un campionato che dovevamo vincere e doveva fare di tutto per riuscirci. Alcuni miei compagni erano “cotti” e dissi al mister che forse andavano cambiati, ma lui mi rispose che non poteva escluderli perché gli era riconoscente per il lavoro fatto in precedenza. Indubbiamente Maestrelli è stato quello che è riuscito a gestire una squadra con tante personalità particolari. Nella stagione 73/74 siamo arrivati convinti che avremmo potuto compiere l’impresa, ricordo che a volte, Chinaglia, sbuffava perché sapeva che si poteva vincere e in alcuni casi le cose non andavano bene.

Il 12 maggio è stata un’emozione unica vedere lo stadio pieno, dipendeva tutto da noi, avevamo in mano il nostro destino, è stato bellissimo. Siamo entrati in campo con il coltello fra i denti. L’invasione di campo al 90’ me la ricorderò per sempre, mi presero uno scarpino. Preferivo mi avessero preso la maglia che lo scarpino, dato che ci tenevo tanto e lo curavo in maniera maniacale. Capisco la gioia di vincere un campionato, è una grande emozione. Pensando a Felice Pulici mi commuovo ancora, è stato il mio compagno di camera per quattro anni. Lo ricorderò, come tutti gli altri miei compagni che sono venuti a mancare, con tanto affetto e gratitudine".

Vai al forum