#TrainingSession | Domani squadra in campo alle 15:00 #TrainingSession | Domani squadra in campo alle 15:00 -> Riprenderà domani la preparazione della Prima Squadra della Capitale in vista del match con (...) ---  
Serie A - Milan - Lazio del 13 aprile - vendita dei tagliandi Serie A - Milan - Lazio del 13 aprile - vendita dei tagliandi -> La S.S. Lazio comunica che, dalle ore 10:00 di mercoledi 20 marzo verranno messi in vendita i (...) ---  
Federcalcio, dalla stagione 2019/2020 chi sta indietro con i pagamenti non viene iscritto al campionato Federcalcio, dalla stagione 2019/2020 chi sta indietro con i pagamenti non viene iscritto al campionato -> (Martedi 19 marzo 2019, ore 14,00) Il presidente Gravina durante un’intervista rilasciata (...) ---  
Podavini: "La Lazio lotterà fino alla fine per la Champions, è in crescita" Podavini: "La Lazio lotterà fino alla fine per la Champions, è in crescita" -> Gabriele Podavini, ex calciatore biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio (...) ---  
Pellegrini: "Contro il Parma i biancocelesti sono stati concreti" Pellegrini: "Contro il Parma i biancocelesti sono stati concreti" -> Luca Pellegrini, ex giocatore italiano, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style Radio (...) ---  
Di Gennaro: "Inzaghi ha optato per un centrocampo di qualità" Di Gennaro: "Inzaghi ha optato per un centrocampo di qualità" -> Antonio Di Gennaro, ex giocatore biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio (...) ---  
Lazio, Strakosha fuori dalla Nazionale Lazio, Strakosha fuori dalla Nazionale -> Nessuna deroga dell’Albania per un intoppo nel viaggio. Perde l’aereo, Panucci duro: il portiere (...) ---  
'Restart, insieme per il calcio', anche Lotito al workshop di Sky 'Restart, insieme per il calcio', anche Lotito al workshop di Sky -> La lotta alla pirateria e la necessità di costruire nuovi stadi sono stati i principali (...) ---  
Lazio, nell'ultimo turno nessuno ha tirato di più Lazio, nell'ultimo turno nessuno ha tirato di più -> Uno schiaffo alla crisi da gol. La Lazio di Simone Inzaghi, contro il Parma, si è (...) ---  
Lazio, auguri a Strakosha: gli auguri della società - FOTO Lazio, auguri a Strakosha: gli auguri della società - FOTO -> In casa Lazio si festeggia. Oggi è il compleanno di Thomas Strakosha, giunto alla terza (...) ---  
Lazio, è il compleanno di Nesta: l'ex biancoceleste spegne 43 candeline Lazio, è il compleanno di Nesta: l'ex biancoceleste spegne 43 candeline -> Alessandro Nesta compie oggi 43 anni, capitano di mille battaglie e trionfi. Tra lui e la (...) ---  
Lazio, Patric a Madrid con i nuovi agenti Pastorello e Moretti - FOTO Lazio, Patric a Madrid con i nuovi agenti Pastorello e Moretti - FOTO -> Il jolly di Simone Inzaghi. Dopo l’episodio di Siviglia, le prestazioni di Patric contro (...) ---  
LaziAlmanacco di martedì 19 marzo 2019 LaziAlmanacco di martedì 19 marzo 2019 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di martedì 19 marzo 2019 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Buon compleanno Thomas Strakosha Buon compleanno Thomas Strakosha -> Thomas Strakosha, portiere biancoceleste, oggi spegne 24 candeline. Dal Presidente, dalla (...) ---  
Lazio, la rivincita di Marusic Dalle critiche al rilancio  Lazio, la rivincita di Marusic Dalle critiche al rilancio -> Il montenegrino ha ritrovato il gol contro il Parma dopo un periodo difficile. L'arrivo di (...)

Autore Topic: Derby Lazio-Roma, si decide nei duelli: è la gara dei singoli  (Letto 12 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 15880
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Derby Lazio-Roma, si decide nei duelli: è la gara dei singoli
« : Venerdì 1 Marzo 2019, 10:03:04 »
www.corrieredellosport.it


Non è partita per giochi di squadra ma terreno di caccia dell'eroe solitario: da Immobile contro Manolas ad Acerbi contro Dzeko

ROMA - Parafrasando la vita. Il derby è quello che succede mentre ne hai pensato un altro completamente diverso. In ogni caso, un fotoromanzo. Non potendo contare sulla certezza del gioco di squadra, il racconto del derby dovrà necessariamente spostarsi e sposarsi all’epica dei singoli, lo spessore voltaico dei personaggi, chi si accende da eroe e chi no da mammoletta, e le sfide, fisiche e immaginarie, l’uno contro uno. Le più ovvie, Dzeko contro Acerbi e Immobile contro Manolas. Lo ha detto l’altro giorno Walter Sabatini: «Ho preso Dzeko perché la Roma aveva bisogno di un nuovo eroe dopo Totti». Così non è stato, perché non c’è e forse non ci sarà mai alla Roma la possibilità di combinare la preposizione “dopo” al nome “Totti”. Dzeko non ha mai nemmeno sfiorato l’impresa, se non quel giorno che è arrivato a Fiumicino, davanti a una folla ancora disposta a trasfigurarlo. Tra alti molto alti e bassi troppo bassi, il ragazzo di Sarajevo ha fatto fatica a oscurare anche il ricordo di Pruzzo e forse quello di Voeller. Personalità indecifrabile, quando dio biondo e quando malinconica comparsa. Come in tantissimi ipersensibili, Edin lo è, il sintomo è la balbuzie, nella parola come nella vita, l’intermittenza con cui ti accendi, i salti umorali senza rete, tra il paradiso e l’abisso. Quello recentissimo è forse il miglior Dzeko mai visto a Roma, un superdotato di tecnica e di fisico, logorroico di bocca e di piede, bello e rabbioso, mai così leader, un insieme di John Holmes e Gary Cooper, quello di “Mezzogiorno di fuoco”. 
A duellare con lui, ma sarà sera e le luci artificiali, Francesco Acerbi. Un eroe a prescindere da quello che sarà o non sarà il derby. L’uomo che martedì ha cancellato dall’Olimpico Piatek il Terribile. Disinnescato con stile e prepotenza. I tifosi laziali odiavano l’idea di aver perso uno come De Vrij. A distanza di pochi mesi fanno fatica anche a ricordare la faccia dell’olandese. Acerbi ha battuto due volte il tumore. Non ha mollato la prima volta e meno che mai la seconda, recidivo e più che mai aggressivo. Può aver paura di Dzeko o di chiunque altro? Il male lo ha aggredito ai testicoli e i suoi testicoli, da reali a immaginari, sono diventati giganteschi. Speciali, almeno quanto quelli di Pablo Simeone, senza che lui senta il bisogno di mostrarli a uno stadio intero. Dalla malattia in poi, Acerbi è diventato un corpo mistico e una testa da condottiero, un Highlander che trascina gli altri nell’emozione dell’impossibile dopo aver trascinato se stesso. La sua impresa è permanente, quotidiana, come il miracolo di essere vivo. Acerbi non dimentica. La memoria è il suo ferro. Lui dice ogni volta grazie a Dio, ma deve dirlo prima di tutto a se stesso. Immobile è quello che è. La rivolta contro il suo cognome, prima di tutto. E anche contro il suo nome, Ciro di Torre Annunziata, che non pare come la premessa e nemmeno la promessa di chissà quale storia. Deambula irrequieto giorno e notte, purché sia un campo calpestabile, con il suo passo a metà tra il bandolero stanco e il predatore della savana. Immobile è James Cagney, il killer che sente l’odore del sangue. Non ha nulla della statua divina alla Dzeko, ma micidiale e cattivo sempre, come Dzeko non sarà mai. Molti tifosi romanisti non lo confessano nemmeno a se stessi, ma un pensierino all’eventuale baratto lo farebbero eccome. Lo dicono appannato di questi tempi, ma se c’è uno che non è panna, uno di cui aver paura a Trigoria è lui, Ciro di Torre Annunziata, detto anche Fame Atavica. 

           

Vai al forum