LaziAlmanacco di lunedì 25 maggio 2020 LaziAlmanacco di lunedì 25 maggio 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 25 maggio 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, Inzaghi Lazio, Inzaghi -> Il tecnico biancoceleste pensa alla ripresa della Serie A: "Rimanere 60 giorni fermi vuol (...) ---  
Liverani:  Liverani: "La Lazio ha fatto un percorso straordinario" -> Il tecnico del Lecce: "Incredibile essere sotto la Juve di un punto a 12 giornate dalla fine" ROMA (...) ---  
#RoadTo26Maggio | Pari allo Stadium firmato da Mauri #RoadTo26Maggio | Pari allo Stadium firmato da Mauri -> È martedì 22 gennaio 2013 ed allo Juventus Stadium di Torino i bianconeri ospitano la Prima (...) ---  
Lazio, una nuova chance per Vavro: la fase 2 del campionato   Lazio, una nuova chance per Vavro: la fase 2 del campionato -> Il difensore slovacco acquistato la scorsa estate e fin qui in ombra sembra pronto a voltare (...) ---  
César: "Mi rivedo in Correa, il Tucu ha qualità importanti" César: "Mi rivedo in Correa, il Tucu ha qualità importanti" -> César Aparecido Rodrigues, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto in esclusiva ai (...) ---  
Lotito: "Juve-Inter l'avete vista". E la Figc apre un'indagine" Lotito: "Juve-Inter l'avete vista". E la Figc apre un'indagine" -> «Oggi io sono a un punto dallaJuventus, e solo perJuve-Interche vabbè, l'avete vista».A (...) ---  
Lazio, Inzaghi è pronto per gli allenamenti collettivi: ecco cosa cambia Lazio, Inzaghi è pronto per gli allenamenti collettivi: ecco cosa cambia -> LAZIO, ALLENAMENTI COLLETTIVI -Controllo fatto, tamponi negativi, squadra a posto. La (...) ---  
Serie A, giovedì summit decisivo per la ripresa: non tutti spingono per il sì  Serie A, giovedì summit decisivo per la ripresa: non tutti spingono per il sì -> 28 maggio: questa la data auspicata dalla Lega A e dal Governo per giungere a una (...) ---  
Scarpa d'Oro 2019/20, la classifica: Lewandowski raggiunge Immobile Scarpa d'Oro 2019/20, la classifica: Lewandowski raggiunge Immobile -> SCARPA D'ORO CLASSIFICA - Robert Lewandowski agguantaCiro Immobile. (...) ---  
LaziAlmanacco di domenica 24 maggio 2020 LaziAlmanacco di domenica 24 maggio 2020 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 24 maggio 2020 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, tamponi tutti negativi: si avvicina la ripresa degli allenamenti collettivi Lazio, tamponi tutti negativi: si avvicina la ripresa degli allenamenti collettivi -> Notizie positive, quasi scontato che lo fossero. I risultati dei tamponi effettuati ieri (...) ---  
Lazio, Raul Moro delizia i tifosi a colpi di freestyle in casa   Lazio, Raul Moro delizia i tifosi a colpi di freestyle in casa -> In attesa di conoscere quale sarà il futuro del campionato Primavera 1, che a breve (...) ---  
Il triangolo degli esterni: Castagne verso la Lazio perché... Il triangolo degli esterni: Castagne verso la Lazio perché... -> Quanti triangoli in questo calciomercato non ancora iniziato e dai contorni poco definiti. Dopo il (...) ---  
Ripresa allenamenti collettivi: il protocollo ufficiale approvato dal CTS Ripresa allenamenti collettivi: il protocollo ufficiale approvato dal CTS -> Il Ministero dello Sport sul proprio sito ha pubblicato le indicazioni redatte dalla (...)

Autore Topic: Lazio, il capolavoro di Simone Inzaghi  (Letto 166 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 21546
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, il capolavoro di Simone Inzaghi
« : Domenica 3 Marzo 2019, 12:00:59 »
www.corrieredellosport.it


ROMA - Sembrava infinito l’incubo della Nord, un solo successo negli ultimi 12 derby di campionato ma una data indelebile nella storia del calcio romano: 26 maggio 2013, Coppa Italia biancoceleste, trionfo chissà per quanti anni ancora senza una rivincita. Era questa e sarà per sempre questa la bandiera sventolata dal laziale davanti al suo nemico ma stava diventando davvero pesante l’astinenza da derby: un capolavoro di Caicedo, un rigore di Immobile, in una singolare staffetta tra goleador, il capolavoro di Cataldi per la prima grande vittoria della Lazio in una stagione ancora difficile da interpretare. Ma un 3-0 nel derby può cambiare la storia, regala emozioni indelebili, benzina nel cuore e nelle gambe: la Champions non è più un miraggio e poi c’è quella semifinale di Coppa contro il Milan che può aprire un orizzonte biancoceleste come il cielo di Roma.  FOTO, LE PAGELLE DEL DERBY    Possiamo parlare di un capolavoro tattico di Inzaghi, che ha preparato la sfida contro la Roma in ogni minimo dettaglio. Stupisce che abbia vinto il derby con l’uomo che Di Francesco aveva individuato alla vigilia come il più difficile da contenere e da marcare. E aveva ragione, l’uomo-partita è stato proprio El Tucu con due lampi decisivi e devastanti: l’assist a Caicedo pochi istanti prima del commovente abbraccio a Davide Astori e lo scatto che ha costretto Fazio a commettere il fallo da rigore, poi realizzato da Immobile. Simone ha sempre tenuto Correa nella zone dei due difensori centrali giallorossi proprio per metterli in difficoltà con le sue ripartenze. E Di Francesco, che conosceva queste qualità, non ha trovato mai la contromossa giusta per arginare l’argentino: ha scelto l’uomo partita il venerdì pomeriggio e il sabato sera lo ha visto mettere in ginocchio la sua squadra.  ROMA TRAVOLTA, IRONIE E SFOTTO'    Ci sono stati momenti in cui si è rivista la Lazio della stagione scorsa, quella dei tocchi magici di Luis Alberto, delle sponde di Milinkovic, della solidità di Leiva, della rabbia di Immobile e della generosità di Felipe Caicedo, che della sua squadra è innamorato talmente tanto da accettare esclusioni e sostituzioni con la stessa serenità con cui festeggia un gol come quello di ieri sera, nel cuore dell’Olimpico, dove è stata riscritta la storia del campionato. Una notte speciale, che cancella le amarezze degli ultimi mesi. La Lazio sembrava sparita dopo la sconfitta nello spareggio Champions di maggio contro l’Inter: rinviato un’altra volta, dopo quel ko, il salto di qualità che il popolo biancoceleste merita da una vita e che il presidente Lotito non organizza e non celebra. Ci vuole il quarto posto, forse, per dargli una spinta ma nemmeno questo è certo: vinto il derby sul campo, inizia adesso per la Lazio un altro derby a distanza per il quarto posto che si concluderà il 26 maggio. Già, il 26 maggio...    

ROMA - Sembrava infinito l’incubo della Nord, un solo successo negli ultimi 12 derby di campionato ma una data indelebile nella storia del calcio romano: 26 maggio 2013, Coppa Italia biancoceleste, trionfo chissà per quanti anni ancora senza una rivincita. Era questa e sarà per sempre questa la bandiera sventolata dal laziale davanti al suo nemico ma stava diventando davvero pesante l’astinenza da derby: un capolavoro di Caicedo, un rigore di Immobile, in una singolare staffetta tra goleador, il capolavoro di Cataldi per la prima grande vittoria della Lazio in una stagione ancora difficile da interpretare. Ma un 3-0 nel derby può cambiare la storia, regala emozioni indelebili, benzina nel cuore e nelle gambe: la Champions non è più un miraggio e poi c’è quella semifinale di Coppa contro il Milan che può aprire un orizzonte biancoceleste come il cielo di Roma.
Possiamo parlare di un capolavoro tattico di Inzaghi, che ha preparato la sfida contro la Roma in ogni minimo dettaglio. Stupisce che abbia vinto il derby con l’uomo che Di Francesco aveva individuato alla vigilia come il più difficile da contenere e da marcare. E aveva ragione, l’uomo-partita è stato proprio El Tucu con due lampi decisivi e devastanti: l’assist a Caicedo pochi istanti prima del commovente abbraccio a Davide Astori e lo scatto che ha costretto Fazio a commettere il fallo da rigore, poi realizzato da Immobile. Simone ha sempre tenuto Correa nella zone dei due difensori centrali giallorossi proprio per metterli in difficoltà con le sue ripartenze. E Di Francesco, che conosceva queste qualità, non ha trovato mai la contromossa giusta per arginare l’argentino: ha scelto l’uomo partita il venerdì pomeriggio e il sabato sera lo ha visto mettere in ginocchio la sua squadra.Ci sono stati momenti in cui si è rivista la Lazio della stagione scorsa, quella dei tocchi magici di Luis Alberto, delle sponde di Milinkovic, della solidità di Leiva, della rabbia di Immobile e della generosità di Felipe Caicedo, che della sua squadra è innamorato talmente tanto da accettare esclusioni e sostituzioni con la stessa serenità con cui festeggia un gol come quello di ieri sera, nel cuore dell’Olimpico, dove è stata riscritta la storia del campionato. Una notte speciale, che cancella le amarezze degli ultimi mesi. La Lazio sembrava sparita dopo la sconfitta nello spareggio Champions di maggio contro l’Inter: rinviato un’altra volta, dopo quel ko, il salto di qualità che il popolo biancoceleste merita da una vita e che il presidente Lotito non organizza e non celebra. Ci vuole il quarto posto, forse, per dargli una spinta ma nemmeno questo è certo: vinto il derby sul campo, inizia adesso per la Lazio un altro derby a distanza per il quarto posto che si concluderà il 26 maggio. Già, il 26 maggio...

           

           

Vai al forum