La Coppa Italia in tour presso i Lazio Style 1900 La Coppa Italia in tour presso i Lazio Style 1900 -> La Settima Coppa italia, conquistata lo scorso 15 maggio da Mister Inzaghi ed i suoi ragazzi, è (...) ---  
Magnocavallo: "Correa è un giocatore da tenersi stretto" Magnocavallo: "Correa è un giocatore da tenersi stretto" -> L’ex calciatore biancoceleste ed uno degli eroi del -9, Giorgio Magnocavallo, è intervenuto ai (...) ---  
Ripert: "Vincere la Coppa Italia, una grande soddisfazione" Ripert: "Vincere la Coppa Italia, una grande soddisfazione" -> Fabio Ripert, preparatore atletico della Prima Squadra della Capitale, è intervenuto quest'oggi ai (...) ---  
Pancaro: "La Lazio sta ottenendo risultati importanti" Pancaro: "La Lazio sta ottenendo risultati importanti" -> Giuseppe Pancaro, ex difensore biancoceleste e campione d’Italia nel 2000, è intervenuto ai (...) ---  
#TrainingSession | Allenamento di ripresa per i biancocelesti #TrainingSession | Allenamento di ripresa per i biancocelesti -> Allenamento mattutino per la Prima Squadra della Capitale che, quest’oggi, si è ritrovata presso (...) ---  
Canigiani: "Venerdì inizierà il tour della Coppa Italia nei nostri store" Canigiani: "Venerdì inizierà il tour della Coppa Italia nei nostri store" -> Il responsabile del marketing biancoceleste Marco Canigiani è intervenuto quest'oggi ai microfoni (...) ---  
Lazio, Lotito Lazio, Lotito -> Il presidente della Lazio, Claudio Lotitoè intervenuto ai microfoni del Tg2 Italia e ha (...) ---  
Poli: "Correa è un gran bel giocatore, Milinkovic ha qualità straordinarie" Poli: "Correa è un gran bel giocatore, Milinkovic ha qualità straordinarie" -> Fabio Poli, ex attaccante biancoceleste ed uno degli eroi dei -9, è intervenuto ai microfoni di (...) ---  
Insulti a Mihajlovic, confessa il vigile urbano: sarà sospeso Insulti a Mihajlovic, confessa il vigile urbano: sarà sospeso -> Era stato inchiodato da un video che confermava in toto le parole di Mihajlovic, il (...) ---  
Categoria Pulcini, amichevole al Melli con l'ASD Emanuele Troise Categoria Pulcini, amichevole al Melli con l'ASD Emanuele Troise -> Una giornata di festa e sport al Centro Sportivo Maurizio Melli. Domenica scorsa, 19 maggio, è (...) ---  
Buon compleanno Romulo Buon compleanno Romulo -> Romulo Souza Orestes Caldeira, esterno biancoceleste, oggi spegne 32 candeline. Dal Presidente, (...) ---  
Lazio, Cataldi rassicura Lazio, Cataldi rassicura -> È la notizia che ha scosso il mondo Lazio nelle ultime ore: secondo Sky Sport, Milinkovic (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 22 maggio 2019 LaziAlmanacco di mercoledì 22 maggio 2019 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 22 maggio 2019 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
La Juve di nuovo su Milinkovic: la Lazio fa il prezzo La Juve di nuovo su Milinkovic: la Lazio fa il prezzo -> Non solo Inzaghi, anche il nome del serbo è in orbita bianconera: a Torino guardano interessati (...) ---  
Falbo: "Che emozione l'abbraccio di ieri con la Curva Nord!" Falbo: "Che emozione l'abbraccio di ieri con la Curva Nord!" -> Luca Falbo, difensore della Primavera biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di (...)

Autore Topic: Lazio, il capolavoro di Simone Inzaghi  (Letto 56 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 16875
  • Karma: +7/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, il capolavoro di Simone Inzaghi
« : Domenica 3 Marzo 2019, 12:00:59 »
www.corrieredellosport.it


ROMA - Sembrava infinito l’incubo della Nord, un solo successo negli ultimi 12 derby di campionato ma una data indelebile nella storia del calcio romano: 26 maggio 2013, Coppa Italia biancoceleste, trionfo chissà per quanti anni ancora senza una rivincita. Era questa e sarà per sempre questa la bandiera sventolata dal laziale davanti al suo nemico ma stava diventando davvero pesante l’astinenza da derby: un capolavoro di Caicedo, un rigore di Immobile, in una singolare staffetta tra goleador, il capolavoro di Cataldi per la prima grande vittoria della Lazio in una stagione ancora difficile da interpretare. Ma un 3-0 nel derby può cambiare la storia, regala emozioni indelebili, benzina nel cuore e nelle gambe: la Champions non è più un miraggio e poi c’è quella semifinale di Coppa contro il Milan che può aprire un orizzonte biancoceleste come il cielo di Roma.  FOTO, LE PAGELLE DEL DERBY    Possiamo parlare di un capolavoro tattico di Inzaghi, che ha preparato la sfida contro la Roma in ogni minimo dettaglio. Stupisce che abbia vinto il derby con l’uomo che Di Francesco aveva individuato alla vigilia come il più difficile da contenere e da marcare. E aveva ragione, l’uomo-partita è stato proprio El Tucu con due lampi decisivi e devastanti: l’assist a Caicedo pochi istanti prima del commovente abbraccio a Davide Astori e lo scatto che ha costretto Fazio a commettere il fallo da rigore, poi realizzato da Immobile. Simone ha sempre tenuto Correa nella zone dei due difensori centrali giallorossi proprio per metterli in difficoltà con le sue ripartenze. E Di Francesco, che conosceva queste qualità, non ha trovato mai la contromossa giusta per arginare l’argentino: ha scelto l’uomo partita il venerdì pomeriggio e il sabato sera lo ha visto mettere in ginocchio la sua squadra.  ROMA TRAVOLTA, IRONIE E SFOTTO'    Ci sono stati momenti in cui si è rivista la Lazio della stagione scorsa, quella dei tocchi magici di Luis Alberto, delle sponde di Milinkovic, della solidità di Leiva, della rabbia di Immobile e della generosità di Felipe Caicedo, che della sua squadra è innamorato talmente tanto da accettare esclusioni e sostituzioni con la stessa serenità con cui festeggia un gol come quello di ieri sera, nel cuore dell’Olimpico, dove è stata riscritta la storia del campionato. Una notte speciale, che cancella le amarezze degli ultimi mesi. La Lazio sembrava sparita dopo la sconfitta nello spareggio Champions di maggio contro l’Inter: rinviato un’altra volta, dopo quel ko, il salto di qualità che il popolo biancoceleste merita da una vita e che il presidente Lotito non organizza e non celebra. Ci vuole il quarto posto, forse, per dargli una spinta ma nemmeno questo è certo: vinto il derby sul campo, inizia adesso per la Lazio un altro derby a distanza per il quarto posto che si concluderà il 26 maggio. Già, il 26 maggio...    

ROMA - Sembrava infinito l’incubo della Nord, un solo successo negli ultimi 12 derby di campionato ma una data indelebile nella storia del calcio romano: 26 maggio 2013, Coppa Italia biancoceleste, trionfo chissà per quanti anni ancora senza una rivincita. Era questa e sarà per sempre questa la bandiera sventolata dal laziale davanti al suo nemico ma stava diventando davvero pesante l’astinenza da derby: un capolavoro di Caicedo, un rigore di Immobile, in una singolare staffetta tra goleador, il capolavoro di Cataldi per la prima grande vittoria della Lazio in una stagione ancora difficile da interpretare. Ma un 3-0 nel derby può cambiare la storia, regala emozioni indelebili, benzina nel cuore e nelle gambe: la Champions non è più un miraggio e poi c’è quella semifinale di Coppa contro il Milan che può aprire un orizzonte biancoceleste come il cielo di Roma.
Possiamo parlare di un capolavoro tattico di Inzaghi, che ha preparato la sfida contro la Roma in ogni minimo dettaglio. Stupisce che abbia vinto il derby con l’uomo che Di Francesco aveva individuato alla vigilia come il più difficile da contenere e da marcare. E aveva ragione, l’uomo-partita è stato proprio El Tucu con due lampi decisivi e devastanti: l’assist a Caicedo pochi istanti prima del commovente abbraccio a Davide Astori e lo scatto che ha costretto Fazio a commettere il fallo da rigore, poi realizzato da Immobile. Simone ha sempre tenuto Correa nella zone dei due difensori centrali giallorossi proprio per metterli in difficoltà con le sue ripartenze. E Di Francesco, che conosceva queste qualità, non ha trovato mai la contromossa giusta per arginare l’argentino: ha scelto l’uomo partita il venerdì pomeriggio e il sabato sera lo ha visto mettere in ginocchio la sua squadra.Ci sono stati momenti in cui si è rivista la Lazio della stagione scorsa, quella dei tocchi magici di Luis Alberto, delle sponde di Milinkovic, della solidità di Leiva, della rabbia di Immobile e della generosità di Felipe Caicedo, che della sua squadra è innamorato talmente tanto da accettare esclusioni e sostituzioni con la stessa serenità con cui festeggia un gol come quello di ieri sera, nel cuore dell’Olimpico, dove è stata riscritta la storia del campionato. Una notte speciale, che cancella le amarezze degli ultimi mesi. La Lazio sembrava sparita dopo la sconfitta nello spareggio Champions di maggio contro l’Inter: rinviato un’altra volta, dopo quel ko, il salto di qualità che il popolo biancoceleste merita da una vita e che il presidente Lotito non organizza e non celebra. Ci vuole il quarto posto, forse, per dargli una spinta ma nemmeno questo è certo: vinto il derby sul campo, inizia adesso per la Lazio un altro derby a distanza per il quarto posto che si concluderà il 26 maggio. Già, il 26 maggio...

           

           

Vai al forum