LaziAlmanacco di lunedì 18 ottobre 2021 LaziAlmanacco di lunedì 18 ottobre 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 18 ottobre 2021  ---  
Under 16 | Frosinone-Lazio 0-2, il tabellino  Under 16 | Frosinone-Lazio 0-2, il tabellino -> FROSINONE-LAZIO 0-2 MARCATORI: 27' pt Sessa (L), 2' st Gelli (L) FROSINONE: Grossi, Orlandi, (...) ---  
Under 17 | Lazio-Perugia 2-0, il tabellino Under 17 | Lazio-Perugia 2-0, il tabellino -> LAZIO-PERUGIA 2-0 MARCATORI: 6' pt Milani (L), 41' pt Brasili (L) LAZIO: Renzetti (40' st (...) ---  
Pres. AIA, Trentalange: 'Irrati in Lazio-Inter ha fatto molto bene. La rissa? Brutte scene' Pres. AIA, Trentalange: 'Irrati in Lazio-Inter ha fatto molto bene. La rissa? Brutte scene' -> Alfredo Trentalange, presidente dell'AIA ospite a 90° Minuto su Rai 2, si è così espresso (...) ---  
Anche Correa si scusa:  Anche Correa si scusa: "Luiz Felipe ha sbagliato gesto, io la reazione" -> Capitolo chiuso per il Tucu, che torna sull'episodio con una storia su Instagram: "Mi dispiace per (...) ---  
Lazio-Inter, le polemiche. Uomo a terra: quando era l'Inter a non fermarsi  Lazio-Inter, le polemiche. Uomo a terra: quando era l'Inter a non fermarsi -> Sui social si dibatte dopo l'episodio del gol di Felipe Anderson nella gara contro la Lazio. (...) ---  
Pedullà, Storie di mercato: Castillejo e Patric, da esuberi a protagonisti inattesi   Pedullà, Storie di mercato: Castillejo e Patric, da esuberi a protagonisti inattesi -> di Alfredo Pedullà Milan e Lazio non contavano su di loro, ma i due spagnoli sono risultati (...) ---  
Lazio-Inter: il sondaggio Gazzetta premia la scelta di non fermare il gioco  Lazio-Inter: il sondaggio Gazzetta premia la scelta di non fermare il gioco -> I voti del nostro sondaggio confermano la bontà dell'azione che ha portato a infinite (...) ---  
Buon compleanno Adam Marusic Buon compleanno Adam Marusic -> Adam Marusic, esterno biancoceleste, oggi spegne 29 candeline. Dal Presidente, dalla Società, (...) ---  
Laziomania: l'Inter piagnona di Inzaghi e Lautaro umiliata da Sarri e Felipe Laziomania: l'Inter piagnona di Inzaghi e Lautaro umiliata da Sarri e Felipe -> di Luca Capriotti L'Inter piagnona di Inzaghi castigata da quelli che più di tutti lo stesso (...) ---  
LaziAlmanacco di domenica 17 ottobre 2021 LaziAlmanacco di domenica 17 ottobre 2021 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 17 ottobre 2021  ---  
Lazio, Felipe Anderson: 'Non sono antisportivo, è stato giusto continuare l'azione' Lazio, Felipe Anderson: 'Non sono antisportivo, è stato giusto continuare l'azione' -> E' stato, suo malgrado, uno dei grandi protagonisti della vittoria in rimonta della Lazio (...) ---  
Lazio-Inter, la rissa fotogramma per fotogramma: Lautaro contro Felipe Anderson, la verità tra Corre Lazio-Inter, la rissa fotogramma per fotogramma: Lautaro contro Felipe Anderson, la verità tra Corre -> Tutti contro tutti. Lazio-Inter e una rissa furibonda: spintoni, urla, giocatori caduti a terra, (...) ---  
Lazio-Inter, Sarri e l'episodio su Dimarco: "L'Inter è andata a tirare..." Lazio-Inter, Sarri e l'episodio su Dimarco: "L'Inter è andata a tirare..." -> Le parole del tecnico biancoceleste dopo la vittoria per 3-1: "Felipe Anderson aggredito, mi (...) ---  
Lazio-Inter 3-1, nel finale rissa e parapiglia dopo il gol di Felipe Anderson  Lazio-Inter 3-1, nel finale rissa e parapiglia dopo il gol di Felipe Anderson -> Ritorno a "casa" amaro per Inzaghi, il croato su rigore porta in vantaggio i suoi, ma (...)

Autore Topic: Lazio, Cataldi gol e gesti da leader: ecco perché può diventare più di un'alternativa  (Letto 41 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 26639
  • Karma: +9/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.LaLazioSiamoNoi.it

Boom, un destro che quasi ha smontato la porta sotto Curva Maestrelli, un fendente per riprendere il Cagliari e dare respiro a un progetto ambizioso e quindi non semplice da seguire, apprendere, metabolizzare. Danilo Cataldi entra e spacca, si prende la scena, segna e va ad abbracciare Strakosha perché capitano si può essere anche senza fascia al braccio, perché l’anima non si compra. Soprattutto se Laziale. Sarri, dalla tribuna, l’ha sganciato a metà ripresa, con il Cagliari avanti e la Lazio in affanno, impaurita dallo spettro della terza sconfitta consecutiva tra campionato ed Europa.



SOLUZIONE - Cataldi s’è calato nella parte, ha preso in mano le redini della manovra, ha dato ritmo e geometrie, quelle che in quel momento mancavano e di cui la squadra aveva assoluto bisogno. Sarri l’ha riproposto da play, come era accaduto a Istanbul, un segnale che Danilo sta scalando posizioni alle spalle di Leiva. Ha scavalcato Escalante, chissà che non possa diventare un co-titolare, uno al quale affidarsi con costanza. Lo scorso anno l’aveva vissuto quasi tutto dietro le quinte, mettendo insieme solo quattro presenze dal primo minuto in campionato, non s’era ripetuto sui livelli della stagione precedente, quando prima dello stop causato dall’esplosione della pandemia, era diventato un fattore, non solo grazie a dei gol meravigliosi come quelli contro la Juve a Riyad e con il Genoa a Marassi. 



NUOVE PROSPETTIVE - Ha compiuto 27 anni due mesi fa, è nel pieno del processo di maturazione, ha consapevolezza e testa diverse rispetto a qualche anno fa, riconosce i propri limiti, ma sa anche quello che può dare alla sua Lazio: “So che devo migliorare in fase di interdizione, provo a rubare qualcosa a Lucas (Leiva ndr) in allenamento. Voglio dare al mister una possibilità di scegliere e metterlo in difficoltà". Ha caratteristiche diverse dal brasiliano, ma rispetto all’ex Liverpool può garantire maggior dinamismo e una circolazione del pallone più veloce e fluida. Danilo può crescere nelle letture, nel posizionamento, soprattutto in fase di non possesso, ha l’età giusta per salire anche questo step. Intanto si gode un gol pesante, perché ha evitato una sconfitta, ma ha dato anche senso a una prova corale, una prova che ha dimostrato come la Lazio - pur mantenendo diverse lacune da colmare - stia cominciando ad assimilare concretamente quello che chiede Sarri: distanza ridotta tra i reparti, riaggressione feroce in fase di conquista palla e ritmi alti. Avendo due mezzali come Milinkovic e Luis Alberto, diventa difficile oggi immaginare un centrocampo senza intenditori puri, ma Cataldi può diventare più di un’alternativa, dipenderà dalle partite, dalle fasi della stagione, dall’avversario, ma chissà che quella porta smontata non possa cambiare la storia e aprire scenari inaspettati, quelli che il mercato non aveva disegnato. Forse sul pianeta regia c’è vita. Pure a Formello. 

Vai al forum