Lazio-Sarri, rinnovo fatto: tutte le cifre dell’accordo Lazio-Sarri, rinnovo fatto: tutte le cifre dell’accordo -> Lotito ha confermato l’operazione, avanti insieme sino al 2025: ora manca solo l’annuncio (...) ---  
LaziAlmanacco di giovedì 26 maggio 2022 LaziAlmanacco di giovedì 26 maggio 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 26 maggio 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio su Carnesecchi: la trattativa con l’Atalanta  Lazio su Carnesecchi: la trattativa con l’Atalanta -> di Nicola Berardino Lotito deve sistemare la porta: Strakosha non ha rinnovato, Reina resterà come (...) ---  
Arbitri, si prepara la rivoluzione: Ferrieri Caputi può essere la prima donna in Serie A Arbitri, si prepara la rivoluzione: Ferrieri Caputi può essere la prima donna in Serie A -> Dovrà essere una stagione di svolta la prossima dal punto di vista arbitrale. Archiviato uno dei (...) ---  
Lazio, Maiorca e Copenaghen chiedono lo sconto per Muriqi e Vavro Lazio, Maiorca e Copenaghen chiedono lo sconto per Muriqi e Vavro -> Si attendono i saldi per il riscatto di Muriqi e Vavro. Il Maiorca e il Copenaghen vorrebbero (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 25 maggio 2022 LaziAlmanacco di mercoledì 25 maggio 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 25 maggio 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Serbia U21, il CT Stevanovic convoca un laziale - FT Serbia U21, il CT Stevanovic convoca un laziale - FT -> In Romania e in Georgia si terrà l'Europeo U21. Dal 9 giugno al 2 luglio 2023 le nazionali si (...) ---  
"Insieme per la Pace" | Presentato oggi all'Olimpico l'evento benefico di venerdì prossimo "Insieme per la Pace" | Presentato oggi all'Olimpico l'evento benefico di venerdì prossimo -> Nella giornata di oggi, presso la Sala Stampa dello Stadio Olimpico di Roma, è stato presentato (...) ---  
Lazio, primo acquisto in arrivo: visite mediche per Marcos Antonio nel fine settimana Lazio, primo acquisto in arrivo: visite mediche per Marcos Antonio nel fine settimana -> Primo acquisto in arrivo per la Lazio. Si tratta del brasiliano classe 2000 dello Shaktar Donetsk, (...) ---  
Lazio, record di partecipazioni europee. E sarà testa di serie... Lazio, record di partecipazioni europee. E sarà testa di serie... -> L’8 settembre per la Lazio comincerà l’ennesima avventura europea. La squadra biancoceleste negli (...) ---  
LaziAlmanacco di martedì 24 maggio 2022 LaziAlmanacco di martedì 24 maggio 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di martedì 24 maggio 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, stop di un mese per Immobile. Rientro per il ritiro di Auronzo Lazio, stop di un mese per Immobile. Rientro per il ritiro di Auronzo -> Stop più lungo del previsto per Ciro Immobile. Secondo quanto scrive oggi il Corriere dello Sport (...) ---  
Lazio calciomercato, ecco chi è Victor Chust, il baby difensore del Real  Lazio calciomercato, ecco chi è Victor Chust, il baby difensore del Real -> di Elmar Bergonzini I biancocelesti sono giàal lavoro sul mercato. Il primo obiettivo è rinforzare (...) ---  
 Immobile capocannoniere per quattro volte: è il primo italiano a farlo   Immobile capocannoniere per quattro volte: è il primo italiano a farlo -> di Stefano Cieri L'attaccante, che ha polverizzato i record di gol nella Lazio, corona la (...) ---  
LaziAlmanacco di lunedì 23 maggio 2022 LaziAlmanacco di lunedì 23 maggio 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di lunedì 23 maggio 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...)

Autore Topic: Chinaglia, 10 anni senza Giorgio sono tanti e sono niente  (Letto 51 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 28203
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Chinaglia, 10 anni senza Giorgio sono tanti e sono niente
« : Venerdì 1 Aprile 2022, 08:00:35 »
www.LaLazioSiamoNoi.it



di Marco Valerio Bava

Dieci anni senza Giorgio, perché c’era Giorgio e poi il resto. Tutto il resto e non è poco. Ma oltre i numeri, i record, le presenze, c’era Giorgio. Padre di tutti gli dei, Zeus dell’Olimpo (bianco)celeste. Chinaglia è stato tutto, perché è andato oltre l’immaginazione, incarnando i sogni più reconditi del tifoso, dando vita a una leggenda che dura ancora oggi e durerà per sempre, finché quell’ideale che è la Lazio si tramanderà di padre in figlio.
Chinaglia è proprietà immanente all’essere laziale, perché al di là degli errori commessi, resta quanto fatto in campo, un oceano di sentimento generato in quei sette anni di campo in cui fu l’anima, la speranza, il grido di battaglia. Oggi, Giorgio, non avesse giocato nella Lazio, ma in altre squadre, sarebbe protagonista di film, romanzi, serie tv, speciali di qualche tv satellitare. Sarebbe un’icona nazionalpopolare, snaturata e annacquata, per renderlo digeribile anche a un pubblico dal visus limitato e troppo ipocrita per capire un personaggio che è sempre andato controcorrente, bastian contrario per indole, sfacciato e sfrontato da risultare odioso a chi non l’aveva dalla sua parte. Fu massacrato per il “vaffa” a Valcareggi, massacrato come altri idoli biancocelesti in nazionale come Signori e Immobile.

La Lazio e la nazionale di calcio. Mondi lontani che forse non si toccheranno mai. Una è il conformismo, il convenzionalismo dell’essere tutti amici e fratelli solo quando scatta(va) un Mondiale o un Europeo; l’altra è l’autonomia di pensiero, l’originalità, l’indipendenza di essere ciò che si vuole, dell’essere fuori dal branco in una città dove altri (tanti) vorrebbero imporre il pensiero unico del romanismo, dove s’è sdoganato il falso storico che romano è romanista, sfruttando fiction ciarliere, film dei Vanzina e altri simili espedienti. Chinaglia aveva capito subito, forse in anticipo, come girava il mondo a Roma e non solo. Per questo s’era caricato la Lazio sulle spalle, l’aveva portata fuori da una sorta di angolo in cui era stata relegata, per farla diventare una realtà imperante in città.

Era un eroe laziale Giorgio, si era conquistato l’amore del suo popolo grazie alla sua personalità, ai suoi gol, al suo essere sempre pronto a essere leader. Più di ogni altro giocatore, lui, ha riempito lo spirito dei laziali di orgoglio e fierezza, ha consentito alla sua generazione di andare in giro per Roma non solo a testa alta, ma anche con sguardo indomito e ghigno irriverente. Come il suo quando sfidava l’avversario, con forza indomita, senza mai mostrare timore, paura. Dieci anni senza Long John sono tanti, ma sono niente, perché sembra banale, trito e ritrito, ma uno come lui davvero non se ne va mai. Lui è lì, in cima al nostro Olimpo. Padre di di tutti gli dei della S.S. Lazio.

Vai al forum