Serbia, piovono critiche. Anche Milinkovic nell'occhio del ciclone Serbia, piovono critiche. Anche Milinkovic nell'occhio del ciclone -> Vlahovic in ritardo di condizione, Milinkovic deludente, il ct Stojkovic sotto accusa: si alza la (...) ---  
Lazio Primavera, col Pescara serve continuit. Una sorpresa tra i convocati Lazio Primavera, col Pescara serve continuit. Una sorpresa tra i convocati -> La Lazio Primavera fa visita al Pescara, ad inizio stagione era considerata l'avversaria da (...) ---  
Milinkovic, una carriera divisa a met: la scelta di vita dei due fratelli Milinkovic, una carriera divisa a met: la scelta di vita dei due fratelli -> Oggi sono titolari inamovibili nella Serbia, ma la carriera dei fratelli Milinkovic sarebbe potuta (...) ---  
La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne con iniziative e attivit sociali in (...) ---  
Uruguay Mondiale | Vecino in una posizione inedita contro la Corea: ecco dove ha giocato Uruguay Mondiale | Vecino in una posizione inedita contro la Corea: ecco dove ha giocato -> Nella Lazio di Maurizio Sarri diventato un titolare anche per la sua duttilit, essendosi (...) ---  
Podavini: "Seguo sempre la Lazio, Zaccagni  fondamentale per Sarri" Podavini: "Seguo sempre la Lazio, Zaccagni fondamentale per Sarri" -> Lex difensore biancoceleste Gabriele Podavini intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, caccia al tesoro: Ilic, Susic e Thuram jr Lazio, caccia al tesoro: Ilic, Susic e Thuram jr -> di Daniele Rindone Il serbo del Verona e il croato del Salisburgo seguiti da tempo. Occhi sul (...) ---  
Lazio, emozionante dedica social per Maurizio Manzini Lazio, emozionante dedica social per Maurizio Manzini -> Nel giorno del suo 82 compleanno arrivano gli auguri speciali del club per lo storico dirigente (...) ---  
Ozpetek e il nuovo film a Montesacro nel segno di Maestrelli - FOTO Ozpetek e il nuovo film a Montesacro nel segno di Maestrelli - FOTO -> Ferzan Ozpetek pronto a tornare. Il regista turco naturalizzato italiano nel 2023 lancer il suo (...) ---  
Firmani: "Il gol contro il Parma per Gabriele Sandri arriv dall'alto" Firmani: "Il gol contro il Parma per Gabriele Sandri arriv dall'alto" -> L'ex centrocampista biancoceleste Fabio Firmani intervenuto ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
Lazio, Basic compie 26 anni: gli auguri del club Lazio, Basic compie 26 anni: gli auguri del club -> Il messaggio sui social da parte della societ biancoceleste per il centrocampista croato, che ha (...) ---  
Lazio, la ripresa si avvicina: ecco come sta Immobile Lazio, la ripresa si avvicina: ecco come sta Immobile -> La sosta per il Mondiale in Qatar arrivata nel momento giusto in casa Lazio. I biancocelesti, (...) ---  
Lazio, idea Success come vice Immobile Lazio, idea Success come vice Immobile -> di Marco Ercole Sarri ha bisogno di unalternativa in attacco, piace il nigeriano dellUdinese (...) ---  
Under 13 | Orlando premiato con la Green Card del Fair Play Under 13 | Orlando premiato con la Green Card del Fair Play -> Un semplice gesto allinsegna dei valori sportivi della lealt e della correttezza capace di (...)

Autore Topic: Laziomania: gli addii veri, presunti, i protagonisti, le comparse, Milinkovic  (Letto 93 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29482
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.calciomercato.com



di Luca Capriotti
                                           
Difficile raccogliere tutto quello che questa stagione ha dato alla Lazio, ai suoi sostenitori, a chi la segue. Per fare un bilancio, dovrete e dovr attendere qualche giorno: credo sia doveroso fare bene mente locale, non scrivere dopo aver visto uno stadio immensamente pieno, dipinto di bianco e celeste. Non dopo le immagini di questa notte gi calda e umida su Roma, su questa squadra, su Sarri. Una notte di addii, di ultime partite e misteri, di Pedro che segna il suo primo gol al derby e col suo ultimo consegna alla Lazio il quinto posto, togliendolo alla Roma. Tutto molto complicato, emozionante, come solo le ultime sanno essere. Come solo si pu essere dopo questo stadio. 

GLI ADDII VERI E PRESUNTI - Che sarebbe stata una notte di addii, era chiaro a tutti. Per questo motivo, in barba alle parole del presidente Lotito, agli strali anche reciproci, ma non una gara di specchio riflesso, lui per primo dovrebbe capirlo alle difficolt di una stagione che ha comunque messo in fila almeno un paio di bruttissime figure, un derby di ritorno perso male, un'Europa League gestita malamente. Ma che sarebbe stata una notte di addii, era chiaro: quelli veri, premiati a fine partita, di Strakosha e Lucas Leiva. 

Due addii molto diversi. Il primo, il figlio di Fotaq, amicone del nostro ds, partito male, grezzo, si applicato, ha lavorato duro, si dimostrato un portiere vero. Poi pu piacere per me su alcuni difetti non mai veramente migliorato possiamo discutere se non sia orrido perderlo a zero, vista la possibile plusvalenza, possiamo discutere se meritava di fare pi presenze di Pulici, ma stato un portiere mai fuori le righe, sempre rispettoso, dignitoso, serio. Ha sbagliato, ha fatto bellissime parate, ci ha salvato e condannato (l'Europa League per larga parte ce l'ha sul groppone lui), non mi straccer le vesti per il suo addio ma lo rispetto. Cosa che non fanno molti tifosi. Lucas Leiva un altro discorso: questo uomo arriva a Roma dopo aver militato in uno dei club pi grandi del mondo, si mette a lavorare sodo, duramente, si impegna, si conquista i tifosi a suon di sudore, fatica, interventi, decisioni forti. Uno che ci ha sempre messo la faccia, il fiato, il sudore estremo e la gamba quando serviva (Cuadrado, ti ricordi?). Questo un signore vero, uno che a Roma ha costruito qualcosa di affettuoso, stabile e solido. 

Conosco tanti detrattori di professione, ma veramente quasi nessuno di Lucas Leiva. Volergli bene stato facile, davvero: per i tifosi, questo un giocatore che resta nel profondo. E un saluto stato doveroso, autentico, puro. Come questa riconoscenza. Come questa relazione profonda. Come il suo modo di intendere questo sport meraviglioso che ci lega a fondo. Lucas Leiva non solo un uomo da ringraziare, ma uno da guardare dritto negli occhi, in silenzio, con la speranza che uno sguardo possa trasmettere tutto il rispetto, la passione, la stima, il cuore. Che passi di occhi in occhi tutto questo, e altro ancora. Protagonisti, diceva Lotito. Leiva lo stato.

Anche quello di Cabral sar un addio, probabilmente: un giocatore visto pochissimo, regala un gol e un assist all'ultima di campionato, senza Immobile, conferma quello che si pensava. Non una punta, ma un giocatore di calcio. E a gennaio non sono sempre arrivati giocatori di calcio. Kamenovic difficile a dirsi, ma un punto per lui: ha fatto una bella partita, sfortunato perfino sul pareggio dell'Hellas Verona, aveva salvato tutto. Da rivedere, ma gi un ottimo punto di partenza. Comparse, per ora. Ma manco troppo negative direi. Una parola su Tudor e sul Verona: questa una rosa che mi sembra molto inferiore al campionato che ha fatto, superbo, alle prestazioni dei singoli, all'intensit e alla forza impattante di molti suoi automatismi. Questo ex difensore ruvido un ottimo allenatore, e il suo Verona ha onorato un campionato quasi da record con una partita intensa e divertente. Di calcio vero.

GLI ADDII PRESUNTI - Due addii sono stati presunti: tutti si aspettavano una targhetta per Luiz Felipe, dato per scontato al Real Betis, invece niente. Forse non tutto ancora scritto, firmato, cartabollato. Chi lo sa. In realt lo sappiamo l'altro che abbiamo tutti sognato, ammirato, amato, coccolato, sperato. Milinkovic Savic a Roma trattato come un'apparizione mariana: guai agli altri, lui viene, controlla di suola o di petto, vince. Questo gigante del calcio, il centrocampista pi forte della Serie A per distacco, in quest'ultima di campionato fa e disfa, regge e innalza, sta per segnare un gol da cineteca e sale in cattedra. Lo so, lo sappiamo tutti: lo abbiamo pensato, che potrebbero essere le sue ultime giocate, i suoi ultimi minuti, i suoi ultimi tocchi di classe immensa con questa maglia che ha indossato con passione per un'eternit nel calcio moderno, per un giocatore di questo livello assoluto. Non so davvero cosa dire sul suo futuro: di certo, stato meglio adorarlo, che non averlo mai incontrato.

Chiudo con il vero protagonista: uno stadio pieno, traboccante di amore, biancoceleste, sopra di tanto le 50mila unit, un canto unico, potente, forte. Un segnale e un promemoria: i laziali ci sono, bisogna saperli apprezzare, prendere, amare, capire. I Laziali ci sono, eccoli, ad applaudire per l'ultima volta quest'anno la squadra di Sarri, sperando con tutto loro stessi che non sia l'ultima di Milinkovic Savic con l'aquila sul petto.

Vai al forum