Autore Topic: Lazio, Romagnoli al comando della difesa. Felipe ok  (Letto 124 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29773
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, Romagnoli al comando della difesa. Felipe ok
« : Sabato 3 Settembre 2022, 09:02:08 »
www.corrieredellosport.it


di Daniele Rindone

Sarri ha recuperato gli acciaccati di Genova. Vecino in pole su Luis a centrocampo. Pedro ieri fermo ma sarà presente in panchina

                   ROMA - Cuori intrepidi, Romagnoli e Felipe Anderson: andranno in campo incerottati. Sono recuperati, saranno ai loro posti. Sarri è stato in ansia per loro, s’è rasserenato durante la rifinitura. Erano usciti malconci da Marassi, il difensore per via di un indurimento muscolare, il brasiliano per un taglio subito ad una caviglia. Ci saranno stasera. Il tormento, se lo è, riguarda il centrocampo. Mau tiene aperto il ballottaggio Vecino-Luis Alberto. L’uruguaiano ha riposato nel turno infrasettimanale e garantisce equilibrio. Il Mago ha giocato la prima da titolare a Genova. Sarri e le vigilie-roulette: ieri è stato provato il calco titolare con Luis Alberto accanto a Cataldi e Milinkovic. Siamo all’esibizione o alla finzione? Interpretando la partita è più facile credere che giochi Vecino. Sarri non ha paura di passare per eretico rispedendo il Mago in panchina, può utilizzarlo in corsa come avvenuto contro l’Inter, da “spaccapartita”.


Le scelte di Sarri

Il resto della Lazio è scontato. Provedel in porta. Lazzari, Patric, Romagnoli e Marusic il quartetto difensivo. Milinkovic e Cataldi, la mezzala destra e il regista. Felipe, Immobile e Zaccagni nel tridente. Pedro ieri non si è allenato, è stato risparmiato. A Genova ha giocato dal 42’ del primo tempo, era reduce dallo stop post-Inter (distorsione alla caviglia sinistra in allenamento). Sarri l’aveva recuperato, ma era previsto un impiego per una ventina di minuti. Lo stop di Felipe Anderson l’ha costretto a farlo giocare per più di un tempo. La caviglia ne ha risentito. Lo spagnolo sarà in panchina. E’ stato recuperato anche Hysaj, in tempi veloci. Sarri ha organizzato un piano adatto per affrontare il Napoli a poco più di due giorni dalla Samp. I 5 cambi lo aiuteranno e da domani dovrà iniziare a pensare all’Europa League (giovedì l’esordio contro il Feyenoord all’Olimpico). Gestione difensiva, palleggio e nuovo equilibrio saranno ripesati sulla bilancia del Napoli, è una Lazio sempre a caccia di conferme. S’affrontano due squadre senza mezze misure, non pareggiano in campionato dal novembre 2016 (1-1): poi si sono contati nove successi azzurri e due laziali. Nelle 11 partite che hanno fatto seguito al pari, il Napoli ha vinto nove volte e ha realizzato almeno due gol (29 reti segnate), non è riuscito a segnare nelle due sconfitte. 


Le liste

Finito il mercato, ieri sono state spedite le liste per l’Europa League e per il campionato. Nell’elenco Uefa non c’è Adamonis, terzo portiere. Sarà utilizzato Magro (classe 2006). Non c’è neanche Kamenovic. In campionato, a sorpresa, è stato inserito Fares, unico degli esuberi rimasti. E’ reduce da una lunga convalescenza dopo l’infortunio di Torino, non è ancora pronto. Quando lo sarà, in caso di emergenze, potrà essere chiamato d’urgenza. Sempre che Sarri sia disposto a farlo. Ecco la lista per la Serie A pubblicata ieri dalla Lazio sul sito ufficiale. Portieri: Adamonis, Maximiano, Provedel. Difensori: Casale, Fares, Hysaj, Lazzari, Marusic, Patric, Radu, Romagnoli. Centrocampisti: Basic, Cataldi, Luis Alberto, Milinkovic, Vecino. Attaccanti: Felipe Anderson, Immobile, Pedro, Zaccagni. «Potranno essere impiegati senza alcuna limitazione tutti gli under 22», la postilla. Luka Romero, ad esempio, è classe 2004. Non figura tra gli attaccanti per questo motivo. Sarà in panchina stasera, come sempre. Non ha ancora debuttato, finora Sarri gli ha sempre preferito Cancellieri. Romero è in scadenza a giugno, a novembre compirà 18 anni, la Lazio prova a blindarlo. 

Vai al forum