Lazio, Lotito presidente e senatore: tra Formello e l'ufficio a Campobasso Lazio, Lotito presidente e senatore: tra Formello e l'ufficio a Campobasso -> RASSEGNA STAMPA - E' tornato a Roma il presidente Claudio Lotito dopo la vittoria politica in (...) ---  
LaziAlmanacco di giovedì 29 settembre 2022 LaziAlmanacco di giovedì 29 settembre 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di giovedì 29 settembre 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio-Spezia, Lazzari ci prova: test per esserci domenica Lazio-Spezia, Lazzari ci prova: test per esserci domenica -> RASSEGNA STAMPA - Manuel Lazzari ci prova. Si era infortunato lo scorso 11 settembre nel match (...) ---  
Lazio-Spezia, quando iniziò la favola di Provedel Lazio-Spezia, quando iniziò la favola di Provedel -> di Fabrizio Patania Sarri stregato a fine aprile: dopo il 4-3 al Picco chiese a Lotito di (...) ---  
FORMELLO - Lazio, quanti assenti per Sarri: la situazione in infermeria FORMELLO - Lazio, quanti assenti per Sarri: la situazione in infermeria -> FORMELLO - Calciatori ai box, tra chi spera di rientrare in tempo e chi ha la bandiera bianca in (...) ---  
Lazio, intititolazione del verde di Piazza Della Libertà a Luigi Bigiarelli  Lazio, intititolazione del verde di Piazza Della Libertà a Luigi Bigiarelli -> AGGIORNAMENTO ORE 18.00- La targa è stata scoperta. L'area verde di Piazza Della Libertà (...) ---  
#LazioSpezia | I precedenti con l'arbitro Sacchi #LazioSpezia | I precedenti con l'arbitro Sacchi -> La designazione arbitrale per l'8ª giornata di Serie A TIM ha assegnato la gara Lazio-Spezia al (...) ---  
Serie A TIM | Lazio-Spezia, la designazione arbitrale Serie A TIM | Lazio-Spezia, la designazione arbitrale -> L'8ª giornata di Serie A TIM Lazio-Spezia, in programma domenica 2 ottobre 2022 alle ore (...) ---  
#PartitaperlaPace | Il presidente Claudio Lotito e Ciro Immobile alla conferenza stampa di presentaz #PartitaperlaPace | Il presidente Claudio Lotito e Ciro Immobile alla conferenza stampa di presentaz -> Giovedì 29 settembre, alle ore 15.00 , in programma la conferenza stampa di presentazione della (...) ---  
Lazio, la potenza di Milinkovic: decisivo come De Bruyne tra assist e gol Lazio, la potenza di Milinkovic: decisivo come De Bruyne tra assist e gol -> Il Sergente vive l’ennesima stagione da protagonista. In Europa lui e il belga del (...) ---  
La Gazzetta e le "accreditate" per lo scudetto: dimentica ancora la Lazio La Gazzetta e le "accreditate" per lo scudetto: dimentica ancora la Lazio -> La Gazzetta dello Sport ci ricasca. Chissà se le battute a disposizione per scrivere (...) ---  
Lazio, in campionato e in Europa le palle inattive sono un punto debole: tutti i numeri  Lazio, in campionato e in Europa le palle inattive sono un punto debole: tutti i numeri -> Allarme palle inattive, un problema che la Lazio non è ancora riuscita a risolvere. Calci (...) ---  
Lazio, Immobile più no che sì: domani un altro esame Lazio, Immobile più no che sì: domani un altro esame -> di Fabrizio Patania Ciro fermo per l'edema al bicipite femorale della coscia destra. Ha (...) ---  
LaziAlmanacco di mercoledì 28 settembre 2022 LaziAlmanacco di mercoledì 28 settembre 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di mercoledì 28 settembre 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio (...) ---  
La Spagna Under 21 batte la Norvegia: Gila di nuovo in campo dopo l'esordio La Spagna Under 21 batte la Norvegia: Gila di nuovo in campo dopo l'esordio -> La Spagna Under 21, dopo aver vinto qualche giorno fa contro la Romania, fa il "bis" nel match (...)

Autore Topic: Immobile più di Batistuta, un segnale per Mancini  (Letto 26 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29111
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Immobile più di Batistuta, un segnale per Mancini
« : Lunedì 12 Settembre 2022, 08:05:14 »
www.corrieredellosport.it



di Alberto Dalla Palma

ROMA - Ci sono partite sporche, quasi insopportabili, che spesso non riesci a vincere e che qualche volta puoi anche perdere, per questo il successo della Lazio contro il Verona assume un valore che va ben oltre i tre punti e il salto in alto in classifica. Dimostra che Sarri e la squadra hanno imboccato la strada giusta, in piena sintonia di pensiero: ci è voluto un anno e anche una rivoluzione estiva quasi inaspettata ma adesso, finalmente, esiste la sensazione che si sia aperto un ciclo importante, targato Mau. Non era facile abbattere la roccaforte di Cioffi, nell’uomo contro uomo vincevano sempre i veneti e Immobile stava passando un altro pomeriggio d’ansia, con le spalle alla porta in attesa di qualche pallone decente da giocare: la Lazio non ha perso la pazienza e proprio in questo ha dimostrato di avere la struttura di un gruppo solido, capace anche di difendere collettivamente e di arginare i contropiedi del Verona con l’aiuto di Casale, uno dei grandi ex, addirittura al debutto stagionale.

Sarri aveva dato un turno di riposo a Romagnoli e si era affidato alla freschezza di Marcos Antonio, anche lui alla prima dall’inizio, e di Basic, autore di un tiro clamoroso dalla distanza fermato dal palo. Doveva gestire le tossine accumulate nella notte europea contro il Feyenoord e lo ha fatto grazie a una rosa finalmente più lunga e competitiva, priva soltanto di un vice Immobile di ruolo. La Lazio ha cambiato marcia nella ripresa, quando il tecnico toscano ha richiamato dalla panchina Luis Alberto (ancora una volta decisivo), Vecino e Cancellieri che hanno portato freschezza, corsa e la verticalità smarrita come quasi sempre accade in assenza dello spagnolo. Il ritmo è salito e i difensori a tutto campo del Verona non sono più riusciti ad arginare i biancocelesti, molto più tecnici di loro. E così è arrivato il gol numero 185 in serie A di Re Ciro IV (riferimento ai titoli di cannoniere conquistati tra Torino e Lazio), uno in più di Batistuta, il terzo di questo campionato. Un colpo di testa decisivo, per niente facile se valutiamo la posizione del suo corpo rispetto alla porta: un segnale per il ct Mancini, che tra poco dovrà rimettere in campo la Nazionale e anche lo stesso Immobile, considerando il rendimento degli altri attaccanti azzurri. Il sigillo finale di Luis Alberto ha aperto un’altra festa allargato in un Olimpico sempre più caldo e appassionato. Finalmente.

Vai al forum