Serbia, piovono critiche. Anche Milinkovic nell'occhio del ciclone Serbia, piovono critiche. Anche Milinkovic nell'occhio del ciclone -> Vlahovic in ritardo di condizione, Milinkovic deludente, il ct Stojkovic sotto accusa: si alza la (...) ---  
Lazio Primavera, col Pescara serve continuità. Una sorpresa tra i convocati Lazio Primavera, col Pescara serve continuità. Una sorpresa tra i convocati -> La Lazio Primavera fa visita al Pescara, ad inizio stagione era considerata l'avversaria da (...) ---  
Milinkovic, una carriera divisa a metà: la scelta di vita dei due fratelli Milinkovic, una carriera divisa a metà: la scelta di vita dei due fratelli -> Oggi sono titolari inamovibili nella Serbia, ma la carriera dei fratelli Milinkovic sarebbe potuta (...) ---  
La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women scende in campo contro la violenza sulle donne con iniziative e attività sociali in (...) ---  
Uruguay Mondiale | Vecino in una posizione inedita contro la Corea: ecco dove ha giocato Uruguay Mondiale | Vecino in una posizione inedita contro la Corea: ecco dove ha giocato -> Nella Lazio di Maurizio Sarri è diventato un titolare anche per la sua duttilità, essendosi (...) ---  
Podavini: "Seguo sempre la Lazio, Zaccagni è fondamentale per Sarri" Podavini: "Seguo sempre la Lazio, Zaccagni è fondamentale per Sarri" -> L’ex difensore biancoceleste Gabriele Podavini è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, (...) ---  
Lazio, caccia al tesoro: Ilic, Susic e Thuram jr Lazio, caccia al tesoro: Ilic, Susic e Thuram jr -> di Daniele Rindone Il serbo del Verona e il croato del Salisburgo seguiti da tempo. Occhi sul (...) ---  
Lazio, emozionante dedica social per Maurizio Manzini Lazio, emozionante dedica social per Maurizio Manzini -> Nel giorno del suo 82° compleanno arrivano gli auguri speciali del club per lo storico dirigente (...) ---  
Ozpetek e il nuovo film a Montesacro nel segno di Maestrelli - FOTO Ozpetek e il nuovo film a Montesacro nel segno di Maestrelli - FOTO -> Ferzan Ozpetek è pronto a tornare. Il regista turco naturalizzato italiano nel 2023 lancerà il suo (...) ---  
Firmani: "Il gol contro il Parma per Gabriele Sandri arrivò dall'alto" Firmani: "Il gol contro il Parma per Gabriele Sandri arrivò dall'alto" -> L'ex centrocampista biancoceleste Fabio Firmani è intervenuto ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
Lazio, Basic compie 26 anni: gli auguri del club Lazio, Basic compie 26 anni: gli auguri del club -> Il messaggio sui social da parte della società biancoceleste per il centrocampista croato, che ha (...) ---  
Lazio, la ripresa si avvicina: ecco come sta Immobile Lazio, la ripresa si avvicina: ecco come sta Immobile -> La sosta per il Mondiale in Qatar è arrivata nel momento giusto in casa Lazio. I biancocelesti, (...) ---  
Lazio, idea Success come vice Immobile Lazio, idea Success come vice Immobile -> di Marco Ercole Sarri ha bisogno di un’alternativa in attacco, piace il nigeriano dell’Udinese (...) ---  
Under 13 | Orlando premiato con la Green Card del Fair Play Under 13 | Orlando premiato con la Green Card del Fair Play -> Un semplice gesto all’insegna dei valori sportivi della lealtà e della correttezza capace di (...)

Autore Topic: Finalmente il vero Pedro per la Lazio  (Letto 48 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29482
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Finalmente il vero Pedro per la Lazio
« : Domenica 25 Settembre 2022, 09:26:57 »
www.corrieredellosport.it



di Daniele Rindone

Si è allenato a pieno regime per tutta la settimana: Sarri conta di averlo al top alla ripresa

                   ROMA - Il tempo perduto, quello ritrovato. Il Pedro spezzato, il Pedro ricreato. Sarri si dà armi nuove per la ripresa, sfidando la scaramanzia pensa al fatto che Pedrito l’ha avuto in campo per tutta la settimana, si è allenato a pieno regime e non avveniva da tempo, conta di averlo sempre per sè. Dall’inizio della stagione, a parte qualche fiammata, ha giocato part time e il più delle volte s’è visto il sosia dello spagnolo. S’è fermato due volte, sempre per infortuni alle caviglie. Il primo a Valladolid, fu colpito alla caviglia destra da Kike Perez nell’amichevole di agosto. Poi è finito ko il giorno dopo la vittoria sull’Inter, notte in cui servì un assist e segnò il 3-1. In allenamento lo bloccò una distorsione alla caviglia sinistra. Pedro non s’è fermato, è stato recuperato (forzatamente) e utilizzato in corsa a Genova contro la Samp. Felipe Anderson fu costretto a uscire a fine primo tempo, lo spagnolo giocò sulla caviglia dolorante. Lo stesso è avvenuto contro il Napoli nel match successivo. I postumi del guaio alla caviglia si sono fatti sentire alla vigilia di Lazio-Feyenoord e lo hanno tormentato anche prima di Lazio-Verona. Pedro ha saltato tutte e due le partite. Si è rivisto in campo contro il Midtjylland, nell’unica gara giocata da titolare, è stato sostituito dopo 53 minuti. Ed è entrato in corsa a Cremona, segnando il quarto gol. Non ha avuto pace, Pedrito. Spera di averla trovata. Sarri non l’ha mai utilizzato da titolare in campionato, si contano cinque subentri. Il Pedro rigenerato è l’ombra di una minaccia (per gli avversari della Lazio) che si aggirerà sul campionato e la corsa Champions. Mister velocità vuole recuperare il tempo perso, può permettere a Sarri di organizzare il turnover offensivo diversamente. Felipe Anderson le ha giocate tutte, Zaccagni si è trascinato qualche acciacco muscolare, Cancellieri non è ancora partito titolare, tanto per restare in tema di ali.


Il sogno

Pedrito già a Cremona aveva fatto vedere di essere sulla via del recupero. L’azione dello 0-4 è stata celebrata anche dal sito della Serie A: tacco di Luis Alberto, assist di Ciro in caduta, colpo a giro di destro di Pedro. «Classe in movimento», il titolo scelto per celebrare il terzetto delle meraviglie. Pedrito non è solo mister velocità, è anche l’artista del dribbling. Quando è al top riesce ad accelerare supersonicamente, si capisce subito che sta per decollare: sembra rannicchiarsi su stesso, parte in quarta, a testa bassa, a testa alta. Finte e controfinte ubriacanti scatenano gli olè. Pedrito, a 35 anni, ha ancora voglia di stupire e vincere: «L’unica cosa che voglio è vincere qualche trofeo con questa maglia perché ho vinto ovunque e mi manca qui. Vincere il campionato non è una cosa così impossibile, sappiamo che è difficile perché ci sono tante squadre forti. Ma dobbiamo lavorare e fare le cose fatte bene», sono parole che risalgono al ritiro di luglio. Lo spagnolo già parlava in grande, senza imbarazzi. Fanno cosi? i trascinatori e lui lo è.


Il ritorno

Sta tornando il vero Pedro. Quello del gol al Napoli (l’anno scorso), quello del gol all’Inter e del gol a Cremona (entrambi quest’anno). Ha libertà di muoversi come e dove vuole. Fa l’ala, fa il tornante, sempre con ritmo da runner. Sfugge ai radar, è adatto al palleggio di Sarri e alle sortite in contropiede. Mau gli concede evasioni, gli concede tutto.

Vai al forum