Lazio, avanti tutta sulla preparazione: riecco Marcos Antonio Lazio, avanti tutta sulla preparazione: riecco Marcos Antonio -> Si apre un’altra settimana di lavoro nel centro sportivo biancoceleste. Sarri avanti con le doppie (...) ---  
Lazio, a gennaio giochi in casa: il fattore Olimpico può fare la differenza  Lazio, a gennaio giochi in casa: il fattore Olimpico può fare la differenza -> La ripresa del campionato si avvicina lentamente e in casa Lazio è tempo di prepararsi al meglio (...) ---  
Milinkovic, vacanze da papà: finalmente conosce la sua Irina Milinkovic, vacanze da papà: finalmente conosce la sua Irina -> Il Sergente della Lazio è tornato dal Mondiale e ha abbracciato subito sua figlia: Sarri può (...) ---  
Sarri rilancia la Lazio: "Fiducia da Champions" Sarri rilancia la Lazio: "Fiducia da Champions" -> di Daniele Rindone Il tecnico alla squadra nei primi discorsi dopo la pausa: "Vi voglio (...) ---  
Lazio, Sarri ritroverà Vecino a metà dicembre Lazio, Sarri ritroverà Vecino a metà dicembre -> di Daniele Rindone L'eliminazione ai Mondiali di Uruguay e Serbia restituirà al tecnico (...) ---  
Lazio, porta blindada con Renzetti. Ricorda Meret, Sarri lo studia ed è già nel giro delle Nazionali Lazio, porta blindada con Renzetti. Ricorda Meret, Sarri lo studia ed è già nel giro delle Nazionali -> La Lazio si sta costruendo in casa il futuro della propria porta e se i dubbi su Maximiano (...) ---  
PRIMAVERA - Lazio, sei diventata bellissima! È poker alla Ternana PRIMAVERA - Lazio, sei diventata bellissima! È poker alla Ternana -> Altro giro, altra vittoria e finalmente la Lazio torna a volare. A sbloccare il risultato ci pensa (...) ---  
Lazio Women | Inaugurata presso il Distretto P.S. di Primavalle una Sala di Audizione protetta per s Lazio Women | Inaugurata presso il Distretto P.S. di Primavalle una Sala di Audizione protetta per s -> Questa mattina, presso il presso il 14° Distretto di Polizia di Primavalle, la Lazio Women, (...) ---  
Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women si schiera contro la violenza sulle donne. Come comunica il sito ufficiale del (...) ---  
Il ricordo di Tommaso Maestrelli Il ricordo di Tommaso Maestrelli -> La S.S. Lazio ricorda, a 46 anni dalla sua scomparsa, Tommaso Maestrelli, artefice del primo (...) ---  
Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date -> La preparazione invernale potrebbe svolgersi lontano da Formello, i tempi però, sono stretti. Il (...) ---  
Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? -> di Luca Capriotti In un giorno e una notte cambia tutto, nel calcio. Viene fatto passare come un (...) ---  
Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A -> di Carlo Roscito Sarri l’ha fatto giocare da titolare solo in Coppa: il difensore vuole (...) ---  
Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo  Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo -> di Nicola Berardino l serbo del Verona è legato all'addio di Luis Alberto. In difesa occhi (...) ---  
Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata -> di Daniele Rindone È il giorno della ripresa a Formello: si riparte con un caso aperto e di (...)

Autore Topic: Lazio-Spezia, quando iniziò la favola di Provedel  (Letto 55 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29519
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio-Spezia, quando iniziò la favola di Provedel
« : Giovedì 29 Settembre 2022, 07:20:38 »
www.corrieredellosport.it



di Fabrizio Patania

Sarri stregato a fine aprile: dopo il 4-3 al Picco chiese a Lotito di acquistarlo. Ora è azzurro

                   ROMA - Un’immagine, strappata dalla tv, durante il secondo tempo di Ungheria-Italia. Provedel seduto sulla panchina azzurra accanto ad Acerbi, sostituito nell’intervallo. È tornato in mente il film laziale degli ultimi cinque mesi e anche la curiosa staffetta tra il portiere friulano e il difensore appena preso dall’Inter. La notte del 30 aprile, con un gol in posizione irregolare, come avrebbero rilevato le immagini in ritardo, il Leone firmava in rimonta il gol del sorpasso e del 4-3, sancendo di fatto il quinto posto e la qualificazione al girone di Europa League. Si sarebbe congedato formalmente dalla Lazio dopo quattro mesi attraversando un’estate da separato in casa. Sapeva già, quella sera, di essere vicino all’addio. Provedel, invece, non poteva immaginare di aver provato a sbarrare la strada al suo futuro club. Parate e prodezze, al Picco prese tutto o quasi, finendo soltanto oltre la linea dell’ultimo difensore e di Acerbi in pieno recupero. Servono due avversari, non uno solo, per restare in posizione regolare. Pairetto e il Var rimasero ingannati.


La scalata di Provedel

Sarri no, aveva visto giusto, apprezzando l’esplosività di Provedel tra i pali e il suo piede educato, dote diventata indispensabile nella costruzione dal basso. Portiere moderno e completo. Para e gioca con la difesa. Imbecca Milinkovic, apre su Marusic o Lazzari quando serve smistare il pallone sulle corsie laterali. Quasi un play arretrato, come ha dimostrato nelle prime nove partite della stagione. Il cartellino rosso di Maximiano, al debutto del 14 agosto, gli ha spianato la strada, anche se per la verità si sapeva: Mau aveva espresso la sua preferenza per Provedel, in panchina solo perché acquistato venti giorni dopo rispetto al portoghese. La concorrenza si è spenta subito. Il friulano si è preso il posto al volo e non lo ha più lasciato, catturando persino l’attenzione del ct Mancini, pronto a convocarlo per l’ultimo giro di Nations League accanto a Donnarumma, Meret e Vicario. Dietro a Gigio, tre portieri transitati dal vivaio dell’Udinese. La curiosità è che nessuno vanta il passato di Provedel, centravanti dei Giovanissimi e degli Allievi del Treviso sino all’età di 15 anni, capace di rimettersi in discussione e ricominciare da zero perché era attratto dai pali.


L’intreccio

La gavetta e la carriera in salita ora cominciano a premiarlo. Neppure la frattura della tibia nel 2018, quando giocava a Empoli, lo aveva fermato. Nella stagione successiva il club toscano prese Dragowski e cominciò l’alternanza tra i pali. Diventarono amici con il polacco ex Fiorentina, riserva di Szczesny. Si ritroveranno domenica all’Olimpico. In estate si scambiavano messaggi condividendo l’obiettivo. Provedel aspettava la Lazio e Dragowski, per prepararsi al Mondiale e non rimanere fermo, voleva il suo posto allo Spezia. Sarri, per la verità, aveva indicato Ivan nella rosa dei potenziali obiettivi per sostituire Reina e Strakosha a maggio. La trattativa, iniziata a luglio, sarebbe stata chiusa da Lotito, non senza tensioni, all’inizio di agosto. Una telenovela in cui il friulano, in scadenza di contratto, e il suo agente hanno mantenuto la parola. Non erano mancate altre offerte, compreso il Napoli di Giuntoli all’ultimo tuffo.


Sorpassi

La Lazio, per Ivan, era l’occasione della vita. A La Spezia lo avranno capito. È rimasto legato all’ambiente e ai tifosi liguri. «Due anni difficili e intensi, quanto indimenticabili per ciò che è stato fatto. Porterò sempre con me il calore e la passione della città, che mi ha fatto sentire a casa» scrisse nel messaggio d’addio. Doppia salvezza. Lo aveva voluto Italiano, gli erano bastate poche settimane per soffiare il posto a Zoet. Nell’estate 2021, complice il cambio di proprietà, gli venne chiesto di trovare un’altra sistemazione da Pecini, lo stesso che non dialogava con Lotito, oggi non più nella dirigenza ligure. Ivan decise di restare. Uno scherzo conquistare la stima di Thiago Motta e riprendersi il posto. La storia si è ripetuta alla Lazio.

Vai al forum