Autore Topic: Sarri un laziale per sempre  (Letto 103 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 30170
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Sarri un laziale per sempre
« : Mercoled 12 Ottobre 2022, 07:16:42 »
www.corrieredellosport.it



di Alberto Dalla Palma

                   Nei giorni scorsi scoccata lultima scintilla, quella decisiva, che ti accende il cuore perch hai capito di aver trovato la squadra della tua vita. Pu sembrare strano, perch parliamo di un allenatore orso, che fa della cultura del lavoro la sua unica filosofia di vita, eppure allimprovviso Maurizio Sarri si trasformato in un laziale vero, talmente sincero da augurarsi di chiudere la sua carriera proprio sulla panchina biancoceleste. Dopo la travolgente vittoria di Firenze, in piena notte, si sciolto come il ghiaccio al sole parlando della Lazio come della sua ultima meta, la pi bella e affascinante. Talmente coinvolto da un mondo che lo ha conquistato con il suo calore e la sua splendida e irrinunciabile diversit, Mau ha tirato fuori ogni sentimento. Vorrei giocare la prima partita alla stadio Flaminio, intitolato a Maestrelli. Pi laziale di cos, non poteva essere. Lo stadio nel pieno centro della citt, qualche centinaio di metri sotto ai Parioli, da sempre il desiderio dei tifosi biancocelesti: non c un sogno pi bello e se poi quel sogno viene anche chiamato con il nome dello zio Tom lemozione diventa infinita.

stata la settimana dedicata al centenario di Maestrelli, probabilmente, a spingere Sarri nel mondo laziale, perch ci sono pochi racconti che possono provocare sentimenti come lo scudetto del 74. Aveva gi confessato, quattro anni fa nel corso di un premio a Montecatini, di aver trasformato il Maestro in un mito quando ancora si divideva tra la banca e i campi di periferia. Lo aveva rivelato al figlio Massimo, invitato a Formello prima di Firenze: unoccasione per scambiare qualche confidenza e per continuare un rapporto di stima e amicizia. Sarri un giorno vorrebbe essere ricordato proprio come Maestrelli e come Eriksson, per uno scudetto e una Lazio da incorniciare. Non sappiamo adesso se Mau riuscir a vincere un campionato, ma siamo sicuri che con grande riservatezza sta costruendo la squadra pi sua di tutta la carriera, perch Lotito gli ha dato il comando assoluto consegnandogli la Lazio mentre Inzaghi sceglieva lInter e Mourinho si era gi impossessato della Roma. Un anno tribolato, la rivoluzione sul mercato, un lavoro ossessivo: le ultime tre vittorie, tutte per 4-0, hanno certificato che la Lazio entrata finalmente in sintonia con il Grande Capo, adesso lo scudetto e il Flaminio Maestrelli rappresentano sogni meno impossibili di una volta.

Vai al forum