Autore Topic: Lazio, il nuovo Sarri fa turn-over: 5 o 6 novità  (Letto 72 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29834
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, il nuovo Sarri fa turn-over: 5 o 6 novità
« : Domenica 16 Ottobre 2022, 09:06:36 »
www.corrieredellosport.it



di Fabrizio Patania

Dubbio in difesa: Patric o Casale con Romagnoli. Luis Alberto fuori: vertice con l’agente. Proposto l’esterno ungherese Kerkez


                   Il turnover gli starà pure antipatico, per non dire di peggio, ma il nuovo Sarri lo fa eccome. Mica giocano i soliti undici titolari. Ne cambia, mediamente, cinque ogni tre giorni. Da quando è iniziato il girone di Europa League, il tecnico della Lazio ha fatto ampio ricorso alla panchina: 40 cambi nella formazione iniziale in otto partite ufficiali, compreso il campionato. La partenza stagionale, nella seconda metà di agosto, era stata all’insegna della continuità: Provedel (complice il rosso di Maximiano) e Vecino al posto di Luis Alberto passando dal Bologna al Torino. Nessun cambio con l’Inter alla terza giornata. Solo uno con la Samp a Marassi (ancora il Mago per l’uruguaiano), undici confermati davanti al Napoli di Spalletti e poi è partita la sarabanda del turnover. Tre novità con il Feyenoord, sei con il Verona, otto con il Midtjylland (e finì 1-5), dunque altre cinque a Cremona. Dopo la sosta, tre cambi per stendere lo Spezia, quattro con lo Sturm Graz, cinque a Firenze, sei con gli austriaci. Oggi, all’Olimpico, Sarri potrebbe cambiarne altri cinque o sei rispetto a giovedì. Sono annunciati nel blocco dei titolari Romagnoli (per Gila), Marusic (per Hysaj), Milinkovic (per Basic), Vecino (per Luis Alberto) e Felipe Anderson (per Pedro). E’ in ballo un altro posto al centro della difesa. Casale, recuperato dallo stiramento, insidia Patric. Una decisione verrà presa questa mattina controllando le condizioni dello spagnolo. Qualche noia fisica e forse l’esigenza di alzare la statura media della Lazio, considerando la stazza di Beto e la fisicità dell’Udinese. Le prove, peraltro, nascondono spesso le scelte di Sarri. Non sarebbe da escludere a priori Hysaj, per il modo in cui ha mescolate le carte, ma è complicato immaginare la linea conservativa. Lazzari, peraltro, ha giocato solo un tempo e potrebbe essere più fresco degli altri.


Incontro

Di sicuro Sarri aumenterà la fisicità a centrocampo. Tornerà Vecino, considerato un titolare, in una linea mediana formata da Milinkovic e Cataldi. La carta Luis Alberto da calare in corsa, quando i ritmi scendono e gli avversari sono più stanchi, gli piace. Il Mago entra e determina. Segna, regala colpi decisivi, come è accaduto anche a Firenze. Oggi sembra destinato alla panchina. Potrebbe restare escluso e di sicuro non ne sarà contento, ma contano le risposte sul campo. Per ora sta accontentando Sarri e una Lazio competitiva ha bisogno di decidere e incidere sulle partite anche attraverso la panchina. Approfittando dell’impegno di Europa League con lo Sturm, gli agenti della You First sono transitati a Roma. Ieri Miguel Alfaro e i suoi collaboratori si trovavano a Milano. L’incontro con la Lazio è avvenuto tra giovedì e venerdì. Colloquio interlocutorio con il giocatore e con il ds Tare. In estate il Siviglia non aveva il budget e non poteva superare i paletti finanziari fissati dalla Liga per prenderlo. La Lazio aveva bocciato l’ipotesi di scambio con Oliver Torres, altro centrocampista della stessa scuderia. Al momento non c’è alcun tipo di sviluppo sul mercato. Luis Alberto ha la testa solo per la Lazio, come sta dimostrando sul campo. Lotito ieri mattina escludeva appuntamenti o possibili novità a gennaio in relazione al numero 10.


Spunta Kerkez

Le consultazioni semmai sono servite per un orizzonte in vista della finestra invernale. La Lazio proverà ad accontentare Sarri prendendo un terzino sinistro. Ci sono diverse candidature in ballo. Piace l’ungherese Milos Kerkez, classe 2003, esterno dell’Az Alkmaar (al vertice in Eredivisie), nazionale magiaro: era in campo contro l’Italia a Budapest nell’ultima sfida di Nations League. E’ gestito dalla You First, ma gli olandesi hanno fissato una valutazione alta e difficilmente lo cederanno a gennaio. Sarri, intervenendo in corsa, preferirebbe un profilo più formato. 

Vai al forum