Autore Topic: Lazio, talento e testa da vero maestro  (Letto 74 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 30107
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, talento e testa da vero maestro
« : Venerd 28 Ottobre 2022, 07:09:07 »
www.corrieredellosport.it



Alberto Dalla Palma

                   Nemmeno cinque cambi (obbligatori) hanno rallentato la marcia della Lazio anche se Sarri ha dovuto correggere la squadra in corsa per ribaltare la partita contro il Midtjylland e andare in fuga con lo Sturm prima dellultima giornata. A Rotterdam, gioved prossimo, i biancocelesti si giocheranno la qualificazione al turno successivo e tre giorni dopo dovranno affrontare il primo derby della stagione con il peso di un lungo viaggio allestero. un momento doro per la squadra di Mau, che sta dando continuit alla sue prestazioni nonostante gli impegni ravvicinati e un turnover che pu togliere qualit - come ieri sera - ma non intensit e determinazione. Sarri lo pu considerare il suo successo pi importante se consideriamo le difficolt che ha dovuto affrontare nel corso del primo anno a Formello. Certo, contro i danesi la Lazio stava pagando proprio gli errori di due riserve, Gila e Marcos Antonio, poco abituati ancora a stare in campo con regole tattiche severissime, ma anche sullo 0-1 non si persa danimo e con calma ha ricostruito una partita completamente diversa da quella che aveva preparato.

La ferocia con cui la Lazio riuscita a recuperare la vittoria, splendido lassist di Felipe a Milinkovic (stoccatore infallibile, secondo solo a De Bruyne in Europa nel determinare i gol della propria squadra: 12 contro 13), un segnale che qualcosa sta davvero cambiando. Non solo il serbo e il brasiliano ma anche Zaccagni sono saliti in cattedra dettando i tempi di gioco e mettendo pressione alla squadra danese, molto organizzata e abile nel pressing. Al debutto come centravanti al posto di Immobile, ha fallito il giovane Cancellieri, apparso molto pi vivo e intraprendente quando Sarri lo ha riportato sulla fascia spostando in mezzo Felipe, come a Bergamo. Lex talento del Verona ha bisogno di tempo e di allenamenti non solo per salire al livello dei suoi compagni ma anche per capire un ruolo completamente diverso da quello che gli aveva permesso di conquistare addirittura un posto in Nazionale. Pi o meno lo stesso tempo che servir per addestrare Marcos Antonio a giocare davanti alla difesa, dove vietato sbagliare: letale il suo errore, successivo a quello di Gila, in occasione del vantaggio di Isaksen.
Sarri ha deciso di cambiare quasi tutto dopo una decina di minuti del secondo tempo, cio dopo una traversa colpita dal Midtjylland e una da Zaccagni, incontenibile quando da sinistra rientra con il destro per lassist o il tiro. Mau ha inserito Cataldi, Vecino e Pedro togliendo Marcos Antonio, Basic e Cancellieri e ha preso il comando assoluto della partita. Il 2-1 arrivato quasi subito, grazie a Pedro, ancora una volta decisivo subentrando dalla panchina. Un valore aggiunto che vale come loro, soprattutto fi no a quando Immobile non torner in campo: peccato che gli abbiano annullato il secondo gol per fuorigioco perch aveva chiuso una giocata da fenomeno.
Lo spagnolo, a trentacinque anni, ancora un uomo squadra per la mentalit con cui aff ronta gli impegni, che siano di dieci minuti o di novanta. Secco e preciso il sinistro con cui ha consentito alla Lazio di vincere nonostante la sofferenza finale. Il successivo errore di Felipe, a tu per tu con il portiere danese, poteva essere letale in un finale pieno di tensione e, in qualche circostanza, anche di disattenzione. Meno male per la Lazio che larbitro ha colto Juninho in fuorigioco quando ha sorpreso Provedel per il possibile e ingiusto 2-2.
Confortanti e promettenti i venti minuti concessi al baby Romero, che nononstante i suoi 18 anni e un contratto in scadenza, pu diventare una delle alternative di Sarri sulle corsie esterne. Per latteggiamento con cui entrato in campo, largentino tanto caro a Messi sembra il miglior allievo di Pedro. Perderlo sarebbe un peccato.


Vai al forum