Autore Topic: Lazio, il pareggio con il Lecce non risolve i problemi  (Letto 58 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 30461
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, il pareggio con il Lecce non risolve i problemi
« : Sabato 13 Maggio 2023, 09:01:52 »
www.corrieredellosport.it



Leggi il commento sul momento della squadra biancoceleste

                   C un errore che la Lazio non pu commettere nel momento decisivo della stagione: credere di aver risolto i suoi tanti problemi col 2-2 agguantato contro il Lecce al quarto minuto di recupero di una partita che ha mostrato tutto il disagio di una squadra in difficolt. Il gol di Milinkovic non nasconde i malanni, anche se ha avuto il merito di evitare la crisi pi inattesa dellanno: la quarta sconfitta (la peggiore, la pi pesante) nelle ultime cinque partite avrebbe spalancato un baratro sotto i piedi della Lazio provocando uno sconquasso a Formello. Non saranno lo stesso giorni facili, ma meglio la pioggia della grandine. E poi porta un punto che magari alla fine potr essere utile nella corsa alla Champions. Sono gli unici risvolti positivi in un pareggio conquistato con i denti, perch il senso dei 90 minuti una condanna per la Lazio. la prestazione che la tiene in una posizione di difficolt. in confusione, spenta, sfinita quando invece, rispetto alle altre concorrenti in lotta per la Champions, dovrebbe avere pi energie.


Il calendario che piace a Sarri

Juve, Milan, Inter e Roma continuano a giocare in Coppa, la Lazio uscita il 19 marzo dalla Conference. il calendario che piace a Sarri, una partita a settimana, per allenarsi, recuperare e studiare meticolosamente lavversario. Ma anche ieri stato lavversario a capire tutto, la Lazio ci ha capito ben poco. Per pi di unora, stata in campo senza giocare, non si ritrovava pi. Era ferma, bloccata, inaridita dal pressing del Lecce e dalla sua efficace disposizione in campo. Non trovava sbocchi, non aveva spazi e ha rischiato di finire sotto col rigore sbagliato da Strefezza. Quando Ciro Immobile, ricordando finalmente la sua forza in area di rigore, tornato a segnare grazie a una delle magie di Luis Alberto, abbiamo pensato a quanto siano fondamentali i grandi giocatori in una squadra che non ha pi un gioco. Prima del gol di Ciro, la Lazio non aveva mai tirato in porta ed erano passati pi di trenta minuti. Ma nemmeno con quei due fenomeni riuscita a recuperare le sue certezze. Poteva (doveva) approfittarsi del doppio ko incassato dal Lecce (rigore sbagliato, gol subto), invece ha preso il pareggio con una facilit imbarazzante, ha lasciato campo al Lecce ed ha spalancato la difesa.


Oudin come Mkhitaryan

Il primo gol di Oudin (il primo in Serie A...) ha ricordato quello di Mkhitaryan nel derby di Champions: una spada nel burro. E anche il secondo di Oudin arrivato con eccessiva facilit, non si capisce dove sia finita la forza difensiva di una squadra che non prendeva mai gol. Quanto sta accadendo alla Lazio, che oggi rischia di essere scavalcata dallInter e avvicinata dal Milan, rischia di offuscare il coraggio, la personalit e anche la qualit del Lecce, una squadra viva e capace di superare alcuni suoi evidenti limiti. Ha avuto la forza straordinaria di reagire al rigore sbagliato e al gol subto e questa la forza di una squadra che crede in se stessa. Da ieri sera, la salvezza un po pi vicina.

Vai al forum