Autore Topic: Lazio, Tudor: "Nessuna occasione persa, l'Inter è tra e 2 o 3 migliori in Europa"  (Letto 58 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 33061
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.calciomercato.com


Igor Tudor, tecnico della Lazio, ha parlato in conferenza stampa a commento della sfida pareggiata a San Siro contro l'Inter. Queste le sue dichiarazioni:

OCCASIONE PERSA? - "Non c'è niente di perso, oggi c'è tanto di guadagnato".

COSA E' MANCATO - "Oggi si è perso poco, se si può dire. Faccio i complimenti ai ragazzi, poi un po' di rammarico ci sta. Eravamo 1-0 e mancava poco alla fine, c'è un po' di rammarico, perché venire qui e giocare contro una squadra che gioca un calcio tra i 2-3 migliori in Europa è tanta roba".

KAMADA - "Di solito non commento le prestazioni individuali, ha giocato molto bene. Venire qui e giocare bene devi avere la lucidità di essere bravo. Lui ha cose interessanti, deve e può crescere: è una cosa che mi piace molto. Noi stiamo lavorando forte, anche in palestra, dal primo giorno. Poi vedremo: i giocatori decidono sempre dove arrivano".

IL DERBY - "La rivalità è bella, mi piace. Però posso rispondere come ho risposto ieri in conferenza stampa: ci sono 38 giornate, tre punti, un punto. Le classifiche si fanno così, poi i derby sono belli a livello mentale, di peso specifico, ma non di punti perché sono uguali. Io accetto questa cosa, ma non dovevo capire niente. Lo sapevo anche da fuori, ho poco da aggiungere. Non ha senso farmi questa domanda, non è vero quello che dice perché siamo all'ottava gara in campionato e quella è solo una. Ce ne sono altre sette... Senza le une non c'è l'altra cosa".

con l'Inter e ti aprono col loro portiere non vedi palla, ti arrivano in porta in cinque secondi. Sono i più forti al mondo in questo, volevamo essere compatti e l'abbiamo preparata così. Penso che l'hanno interpretata bene, questo mi è piaciuto: c'è un po' di rammarico ma ci sta il pareggio".

PAREGGIO FRUSTRANTE? - "Non ho rimpianti, non sono frustrato. Sono felicissimo e orgoglioso, di giocatori alti vedremo col direttore, ci metteremo a discutere come è giusto che sia. C'è una partita da giocare, c'è da vedere cosa fanno gli altri. Faremo questa analisi con calma e poi le darò risposta".

I CAMBI - "Gila non ce la faceva, ha chiesto lui il cambio ed era il quinto. Luis e Felipe sono entrati perché volevamo avere un po' più di controllo, loro spingevano forte e non siamo riusciti a tenere troppo la palla. È normale che l'Inter spinga, sono a casa loro, è naturale. L'idea era quella, però non siamo riusciti. Ma va bene lo stesso".

Vai al forum