Autore Topic: Lazio, Matteo D'Amico ricorda il padre:  (Letto 50 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 33262
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, Matteo D'Amico ricorda il padre:
« : Lunedì 1 Luglio 2024, 16:02:31 »
www.LaLazioSiamoNoi.it

È passato un anno dalla scomparsa di Vincenzo D'Amico, ex giocatore della Lazio nonché uno degli eroi del primo Scudetto biancoceleste del 1974. In collegamento a Radiosei è intervenuto il figlio Matteo per ricordare suo padre e parlare di questo giorno a suo modo speciale. Di seguito le sue dichiarazioni.

“Giornata sicuramente lunga e piena di emozioni. Vedo ancora tanto affetto dopo un anno. Dopo la messa delle 19, verrà scoperta una targa ricordo nel giardino delle case popolari di Latina a cui papà era legatissimo, dove ha iniziato a giocare da piccolo con i suoi amici. Lui era molto legato alla sua Latina pur essendo arrivato a Roma a 14 anni. Povertà di talento oggi in Italia a causa di un fenomeno iniziato con Sacchi prima e Guardiola poi: “allenatorismo“. Abbiamo messo in secondo piano i giocatori, i fantasisti rispetto agli allenatori. Gli allenatori cercano di emergere a discapito dei giocatori. Ora non c’è più un giocatore che salta l’uomo. Il problema non è Guardiola ad esempio, ma chi lo emula. Prima avevamo una scuola italiana che si basava su una difesa granita, giocando un calcio identitario rispetto alle nostre caratteristiche. Noi ora stiamo cercando di inseguire altri modelli che non ci appartengono. Papà lo diceva sempre che ai suoi tempi il livello, ad esempio nella sua zona di campo, era altissimo. Lui tecnicamente ha diviso”.

Vai al forum