LaziAlmanacco di domenica 25 settembre 2022 LaziAlmanacco di domenica 25 settembre 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di domenica 25 settembre 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio (...) ---  
Under 18, Lazio - Roma 3-0: il derby è biancoceleste! Under 18, Lazio - Roma 3-0: il derby è biancoceleste! -> Giornata di derby per gli aquilotti dell'Under 18 guidati daD'Urso. AlCentro Sportivo (...) ---  
Infortunio Casale, ecco l'esito dei controlli: il comunicato della Lazio Infortunio Casale, ecco l'esito dei controlli: il comunicato della Lazio -> La Lazio ha diramato un comunicato relativo all'infortunio di Nicolò Casale. L'ex Verona (...) ---  
Lazio-Parisi, il presidente dell’Empoli: “Affare per gennaio? Ora dico no. E Vicario…” Lazio-Parisi, il presidente dell’Empoli: “Affare per gennaio? Ora dico no. E Vicario…” -> Fabrizio Corsi, ai microfoni di Radio Incontro Olympia, ha parlato del terzino mancino e del (...) ---  
Lazio, Louise Eriksen esclusiva:  Lazio, Louise Eriksen esclusiva: "Christian felice per me, ama l'Italia" -> La centrocampista delle Women biancocelesti è sorella dell'ex Inter: "Mio fratello mi ha (...) ---  
Lazio, presto a Roma un parco pubblico intitolato a Umberto Lenzini Lazio, presto a Roma un parco pubblico intitolato a Umberto Lenzini -> Novità in vista,a tinte biancocelesti, nella toponomastica della Capitale. Molto presto un parco (...) ---  
Lazzari 2027: Lazio in azione per blindarlo Lazzari 2027: Lazio in azione per blindarlo -> di Daniele Rindone Il terzino è in scadenza nel 2024 la società si è fatta avanti per strappare la (...) ---  
LaziAlmanacco di sabato 24 settembre 2022 LaziAlmanacco di sabato 24 settembre 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di sabato 24 settembre 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...) ---  
Lazio, Gila realizza il sogno di una vita: l’emozione per l’esordio  Lazio, Gila realizza il sogno di una vita: l’emozione per l’esordio -> Un sogno diventato realtà quello di Mario Gila. Dopo l’esordio con la Lazio, desiderava fortemente (...) ---  
Lazio, abbonati da record. Ecco il dato finale: 26.193 tifosi Lazio, abbonati da record. Ecco il dato finale: 26.193 tifosi -> È il terzo numero più alto dal 2004. E con lo Spezia riapre la Maestrelli (...) ---  
Il Montenegro di Marusic perde di misura contro la Bosnia: la prova del biancoceleste Il Montenegro di Marusic perde di misura contro la Bosnia: la prova del biancoceleste -> Il Montenegro di Marusic perde 1-0 contro la Bosnia nel match valido per il quito turno di Nations (...) ---  
Lazio, Parolo e Lulic tra i nuovi allenatori Uefa A Lazio, Parolo e Lulic tra i nuovi allenatori Uefa A -> I due ex centrocampisti biancocelesti hanno superato a Coverciano gli esami finali del corso. Con (...) ---  
Conti Lazio: bilancio, costi inferiori. E abbonamenti al rialzo Conti Lazio: bilancio, costi inferiori. E abbonamenti al rialzo -> di Daniele Rindone Al 30 giugno 2022 rosso minore di un anno fa (17,42 milioni) e ingaggi tagliati (...) ---  
Lazio, Immobile ko: problema muscolare, niente Inghilterra Lazio, Immobile ko: problema muscolare, niente Inghilterra -> Il bomber si ferma a poche ore dal match di San Siro. Mancini deve disegnare di nuovo la (...) ---  
LaziAlmanacco di venerdì 23 settembre 2022 LaziAlmanacco di venerdì 23 settembre 2022 -> da LazioWiki: LaziAlmanacco di venerdì 23 settembre 2022 Gli incontri disputati dalla S.S. Lazio in (...)

Autore Topic: Lazio, tanto possesso ma pochi gol  (Letto 39 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29079
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio, tanto possesso ma pochi gol
« : Giovedì 1 Settembre 2022, 08:00:04 »
www.corrieredellosport.it



di Alberto Dalla Palma

Se si potessero vincere le partite con il possesso palla e non con i gol, la Lazio sarebbe una delle grandi favorite per la conquista dello scudetto. Un possesso talmente ossessivo, anche a Genova, che ad un certo punto lo stesso Immobile, sull’-1-0, invece di tirare in porta ha cercato l’ultimo passaggio dentro l’area, come se si fosse accontentato dell’aggancio a Batistuta (184 gol). E alla fine, al primo errore collettivo che ovviamente ci può stare, Gabbiadini ha pareggiato impedendo ai biancocelesti di mantenere il primo posto che avevano conquistato con la strepitosa vittoria contro l’Inter. Forse esaltata da quella notte davanti al suo vecchio maestro Inzaghi, la Lazio a Marassi si è talmente celebrata davanti allo specchio che non ha pensato di chiudere la partita. Segni tu, no segno io, aspetta che ti metto davanti alla porta e così è finita male, nonostante un dominio assoluto che non può essere messo in discussione.

Ma alla fine contano i gol e la Samp, con due tiri in porta, ha capitalizzato al massimo il suo tentativo di gioco ostruzionistico: difendere, difendere, difendere, cos’altro avrebbe potuto fare Giampaolo dopo la batosta di Salerno? Dopo l’1-0 sul talentuoso assist di tacco di Sergej, Immobile ha preso un palo nel tentativo di piazzarla, poi si è stranamente dedicato al gioco altrui rinunciando ad altre stoccate da buona posizione. A 184 vede sempre più vicina quota 200, obiettivo minimo della sua stagione: è sorprendente, però, che la società in tre mesi non sia riuscita a trovare sul mercato un vice in grado di farlo riposare, ovviamente nei momenti più opportuni, tanto che Sarri sta cercando di addestrare un’ala pura come Cancellieri (ruolo per il quale il ct Mancini lo sta tenendo sotto osservazione) a fare anche il centravanti.

Alla lunga il costante impiego di Ciro, in Italia e in Europa, potrebbe diventare un problema per Mau. Gaffe finale a parte, anche a Genova la Lazio è stata assolutamente padrona della partita e per questo pesano i due punti persi all’improvviso, quando la vittoria sembrava ormai messa in cassaforte. Hanno deluso i subentranti, perché soprattutto Basic, Marcos Antonio (leggero e lezioso) e Cancellieri non hanno aiutato la squadra a mantenere il vantaggio che aveva acquisito. Quando si esce dalla panchina, ci vuole la stessa rabbia con cui Luis Alberto e Pedro avevano schiantato l’Inter partendo dalle retrovie.

Vai al forum