Lazio, avanti tutta sulla preparazione: riecco Marcos Antonio Lazio, avanti tutta sulla preparazione: riecco Marcos Antonio -> Si apre un’altra settimana di lavoro nel centro sportivo biancoceleste. Sarri avanti con le doppie (...) ---  
Lazio, a gennaio giochi in casa: il fattore Olimpico può fare la differenza  Lazio, a gennaio giochi in casa: il fattore Olimpico può fare la differenza -> La ripresa del campionato si avvicina lentamente e in casa Lazio è tempo di prepararsi al meglio (...) ---  
Milinkovic, vacanze da papà: finalmente conosce la sua Irina Milinkovic, vacanze da papà: finalmente conosce la sua Irina -> Il Sergente della Lazio è tornato dal Mondiale e ha abbracciato subito sua figlia: Sarri può (...) ---  
Sarri rilancia la Lazio: "Fiducia da Champions" Sarri rilancia la Lazio: "Fiducia da Champions" -> di Daniele Rindone Il tecnico alla squadra nei primi discorsi dopo la pausa: "Vi voglio (...) ---  
Lazio, Sarri ritroverà Vecino a metà dicembre Lazio, Sarri ritroverà Vecino a metà dicembre -> di Daniele Rindone L'eliminazione ai Mondiali di Uruguay e Serbia restituirà al tecnico (...) ---  
Lazio, porta blindada con Renzetti. Ricorda Meret, Sarri lo studia ed è già nel giro delle Nazionali Lazio, porta blindada con Renzetti. Ricorda Meret, Sarri lo studia ed è già nel giro delle Nazionali -> La Lazio si sta costruendo in casa il futuro della propria porta e se i dubbi su Maximiano (...) ---  
PRIMAVERA - Lazio, sei diventata bellissima! È poker alla Ternana PRIMAVERA - Lazio, sei diventata bellissima! È poker alla Ternana -> Altro giro, altra vittoria e finalmente la Lazio torna a volare. A sbloccare il risultato ci pensa (...) ---  
Lazio Women | Inaugurata presso il Distretto P.S. di Primavalle una Sala di Audizione protetta per s Lazio Women | Inaugurata presso il Distretto P.S. di Primavalle una Sala di Audizione protetta per s -> Questa mattina, presso il presso il 14° Distretto di Polizia di Primavalle, la Lazio Women, (...) ---  
Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women si schiera contro la violenza sulle donne. Come comunica il sito ufficiale del (...) ---  
Il ricordo di Tommaso Maestrelli Il ricordo di Tommaso Maestrelli -> La S.S. Lazio ricorda, a 46 anni dalla sua scomparsa, Tommaso Maestrelli, artefice del primo (...) ---  
Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date -> La preparazione invernale potrebbe svolgersi lontano da Formello, i tempi però, sono stretti. Il (...) ---  
Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? -> di Luca Capriotti In un giorno e una notte cambia tutto, nel calcio. Viene fatto passare come un (...) ---  
Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A -> di Carlo Roscito Sarri l’ha fatto giocare da titolare solo in Coppa: il difensore vuole (...) ---  
Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo  Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo -> di Nicola Berardino l serbo del Verona è legato all'addio di Luis Alberto. In difesa occhi (...) ---  
Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata -> di Daniele Rindone È il giorno della ripresa a Formello: si riparte con un caso aperto e di (...)

Autore Topic: Laziomania: la Lazio record che fa felice Sarri (e fa schiumare di bile gli altri)  (Letto 39 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29519
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.calciomercato.com



di Luca Capriotti

Non è tanto per il terzo 4 a 0 di fila, record assoluto della storia della Serie A. Non è tanto per essere squadra dei record, che fa tanto bonsai in bacheca. Non è tanto per la bile che tracima dai quartieri giallorossi di Roma, pieni di pena per la faticosa vittoria interna con rigorino ed espulcionzina generosa. La cosa che mi fa brillare gli occhi? Non sono solo i 5 gol subiti, una contraltare pazzesco rispetto all'anno scorso colabrodo. Non è nemmeno  quella differenza reti folle. Neppure i tifosi della Fiorentina destinati a ripetere all'infinito quel famoso gesto dell'ombrella della forse compianta Cecchi Gori. No, la cosa che mi fa più piacere è la faccia di Sarri. 

LA VITTORIA MENO SARRI? - Qualcuno potrebbe dire che questa è la vittoria meno Sarri di tutte: una gara tonica, potente, con contropiedi fulminanti e una serie di azioni Fiorentina neutralizzate in tutti i modi, lunghe perdite di tempo comprese. Qualcuno potrebbe vederlo magari poco soddisfatto per il poco possesso palla. Eppure, nei dettagli, questa è una vittoria tutta di Sarri. Tutta di Sarri nella correzione del gravissimo difetto dello scorso anno, quella difesa che prendeva acqua da tutte le parti. Certo, uno splendido Romagnoli lo sta aiutando, e un Provedel versione angelo biondo pure. Però qui è tutta la squadra a difendere l'ennesimo clean sheet, a lottare, a mantenere la soglia di attenzione alta, altissima. Qui è tutta la squadra che va a Firenze convinta di fare una gara maschia, forte, ma pure prepotentemente tecnica, di un altissimo livello. Non solo: le uscite palla sono oramai cesellate, e il gol su angolo è una roba provata, riprovata, e venuta bene. Nulla di casuale: i dettagli di Sarri coinvolgono. E lui sembra sempre più divertito, lusingato dalla fede cieca con cui viene seguito, innamorato di questa sua creatura. Come non lo si vedeva da anni. 
INTERPRETAZIONI DI LIVELLO - In generale, i singoli hanno tirato fuori interpretazioni di livello. Della difesa ho già parlato, di come Lazzari e Marusic siano affidabili e spesso letali in avanti no, anzi sì, ora. Ma qui il punto è che perfino Marcos Antonio, fino ad ora in naftalina, colpisce: fa cose bene, non può nulla fisicamente e compensa con acume, cervello, tecnica, movimenti intelligenti. La Lazio ha un ottimo giocatore là, in mezzo, blindato dal fisico, dalla corsa e dalla tecnica di Vecino e Milinkovic Savic. Un appunto su Vecino: è arrivato a zero, qualcuno ha pure sparlato, ma l'avevo detto, che bello dirlo, che era uno che veniva a fare il titolare. Contro la sua ex squadra prestazione radicale per potenza, filtro, inserimenti. A zero. Per dire. Non solo, l'altro citato quasi oramai viene a noia per quanto sta cambiando radicalmente gli equilibri. Fa cose che gli altri, quasi tutti, non possono, e le fa in un modo del tutto unico. Milinkovic Savic rischia di essere uno dei centrocampisti migliori in Europa. Con tutto il rispetto per i Barella, o per tutti gli improvvidi paragoni che i giornaloni gli hanno fatto, questo è un giocatore di pallone semplicemente superiore. A suo modo, anche Luis Alberto, di nuovo in gol, lo è. Ma Milinkovic Savic veleggia verso vette incredibili. L'assist di tacco, su cui lui ha una sensibilità che altri manco hanno sul piede, è una roba da cineteca, semplicemente. E l'ennesimo gol di Immobile, per l'ennesima volta festeggia quella felice connessione mnemonica e nervosa tra i due, una consonanza di amorosi assist che continua a dare frutti di vittorie. 

DOVE ARRIVA LA LAZIO - La domanda che bisognerebbe farsi, con onestà, è dove può arrivare questa Lazio? La squadra ha solidità, convinzioni, forza. Ha anche difetti, qualche giocatore che manca, qualche ruolo scoperto e un'Europa League sul filo, da onorare e rispettare e per cui appassionarsi. I Mondiali segneranno una stagione strana, stranissima, faranno cernita e cerniera, segneranno un prima e un dopo. Per tanti motivi, alcuni li immaginate, altri non li sapremo mai, chi fa bene ora non è detto che a gennaio si trovi ancora così a memoria, così con entusiasmo. Non è detto, ma fare un buon campionato ora è di certo invece un ottimo modo per dire al mondo che la Lazio c'è. Si tratta di una squadra che nessuno può sottovalutare per i primi 4 posti. L'obiettivo è quello, e per arrivarci serve ancora la continuità di queste 4 vittorie di fila. Servono i big, i record, la bile altrui. E la felicità di Sarri, soprattutto quella. 

Vai al forum